Disfonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Disfonia
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 784.49
ICD-10 (EN) R49

La disfonia è uno dei disturbi della voce che va dalla raucedine fino all'afonia. In pratica con il termine disfonia si intende la difficoltà nel produrre una voce "fisiologica" indotta da cause che possono essere organiche o funzionali.

Cause delle Disfonie[modifica | modifica wikitesto]

La disfonia può essere sintomo di malattie:

  • Congenite (sulcus cordale, laringomalacia, condromalacia, diaframma laringeo, mancanza dell'epiglottide...);
  • Paralisi cordali (monolaterali o bilaterali, in adduzione o in abduzione);
  • Infiammatorie (acute; croniche: noduli cordali, polipi cordali, disfonia disfunzionale ipocinetica, disfonia disfunzionale ipercinetica, edema di Reinke...);
  • Endocrine
  • Psicogene;
  • Neoplastiche;
  • Infettive (meningite, difterite);
  • Lesioni vascolari del bulbo encefalico;
  • Disfonia della muta vocale;
  • Sclerosi laterale amiotrofica.

Proprio per questa varietà di cause scatenanti, è consigliabile arrivare alla diagnosi grazie ad una accurata laringoscopia indiretta.[1]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

La terapia è strettamente correlata alla causa della malattia e può essere medica, chirurgica, riabilitativa logopedica o una combinazione di questi interventi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Le disfonie" di Carlo Govoni, pubbl. su "D&T Diagnosi&Terapia", Mensile di informazione medico-farmaceutica - Anno XVIII, N.9, 20 gennaio 1999, pag.15-19

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina