Sistema nervoso periferico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sistema nervoso periferico (in azzurro)

Si definisce sistema nervoso periferico (dei Vertebrati) l'insieme dei gangli nervosi e dei nervi che si possono individuare all'esterno dell'encefalo e del midollo spinale. I gangli nervosi sono dei particolari raggruppamenti di neuroni, addetti alla ricezione delle informazioni da recettori. Il sistema nervoso periferico si può suddividere in due sottocategorie: il sistema sensoriale e il sistema motorio.

Sistema sensoriale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sensibilità (medicina) e Recettore sensoriale.

Il sistema sensoriale è composto da due tipi di neuroni, dei quali uno riceve le informazioni provenienti dall'ambiente esterno (quindi dagli organi di senso come le orecchie o gli occhi) e l'altro è atto a trasportare fino al cervello le informazioni provenienti dal corpo della persona (es. concentrazione di anidride carbonica nel sangue).

Sistema motorio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sistema nervoso somatico e Sistema nervoso autonomo.

Il sistema motorio si può suddividere a sua volta in somatico e autonomo.

  • Il sistema somatico trasmette i segnali ai muscoli scheletrici, in particolare quando c'è da attuare una risposta veloce ad uno stimolo di pericolo, come una scossa o una scottatura: sono i riflessi. Comunque gran parte degli stimoli del sistema somatico sono volontari.
  • Il sistema autonomo vanta una gamma di reazioni non volontarie, che muovono in due direzioni in funzione del fatto che siano generate dal sistema simpatico o dal sistema parasimpatico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]