Asbestosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Asbestosi
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 501

In medicina, l'asbestosi è una malattia polmonare cronica conseguente all'inalazione di fibre di asbesto.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

L'asbesto (noto anche come amianto), grazie alle sue caratteristiche di resistenza meccanica, elettrica, chimica e termica, è stato utilizzato ampiamente, fino a tempi recenti, nel campo dell'edilizia (cfr Eternit), dell'industria navale, ferroviaria, automobilistica, chimica, alimentare, metallurgica, delle materie plastiche, nonché in svariati campi come materiale antincendio. L'asbestosi, pertanto, rientra nel campo delle malattie professionali. Attualmente, estrazione, importazione e uso dell'asbesto sono stati proibiti in molti paesi (in Italia con la Legge n. 257/1992[1]). Dal 1960 l'amianto è stato sostituito da altri materiali, ad esempio la fibra di vetro. I soggetti a rischio sono coloro che per motivi di lavoro vengono a contatto con quantità anche minime di fibre di asbesto, che possono manifestare la malattia anche diversi anni dopo l'esposizione. L'asbestosi è particolarmente rilevante come fattore predisponente all'insorgenza dell'adenocarcinoma polmonare e del mesotelioma pleurico, in particolare nei soggetti fumatori.

Patogenesi[modifica | modifica sorgente]

Le fibre di asbesto penetrano attraverso le vie respiratorie, in base alla loro lunghezza (fino a 50 μm) e al loro diametro: le fibre con diametro inferiore a 0,5 μm possono raggiungere gli alveoli polmonari. Le fibre depositate causano attivazione del sistema immunitario locale e provocano una reazione infiammatoria da corpo estraneo. I macrofagi fagocitano le fibre e stimolano i fibroblasti a produrre tessuto connettivo: conseguenza di ciò è lo sviluppo di una fibrosi interstiziale. Le fibre raggiungono inoltre la pleura, esercitando anche in questa sede la loro azione fibrogena e cancerogena.

Anatomia patologica[modifica | modifica sorgente]

Il quadro generale è quello di una fibrosi estensiva,[2][3] cui si accompagnano fenomeni enfisematosi e forte ispessimento pleurico. Nelle aree di fibrosi, a livello microscopico, è possibile rilevare i "corpuscoli dell'asbesto", fibre di asbesto negli spazi aerei che vengono circondate da uno strato proteico ferroso di colore marrone.[4] L'alveolite asbestosica si caratterizza, inoltre, per la presenza di macrofagi con citoplasma carico di emosiderina ("siderociti"), a seguito dell'inglobamento di eritrociti residuati dalle microemorragie causate dalle fibre. A livello pleurico la reazione alle fibre si manifesta con versamento (pleurite asbestosica benigna), fibrosi pleurica, calcificazione[5]

Clinica[modifica | modifica sorgente]

Le lesioni sclerotiche interstiziali riducono l'elasticità del polmone, configurando il quadro clinico di una insufficienza ventilatoria di tipo restrittivo, con riduzione consensuale della capacità vitale (CV) e del Volume Espiratorio Massimo nel 1º Secondo (VEMS). I sintomi sono la difficoltà a respirare dapprima sotto sforzo poi anche a riposo, il senso di costrizione toracica, tosse, decadimento delle condizioni generali di salute. Può comparire un tumore polmonare o pleurico.

Diagnosi[modifica | modifica sorgente]

Oltre che con l'evidenza clinica (dispnea, crepitii all'auscultazione specie a livello delle basi polmonari), l'asbestosi si diagnostica con radiografia toracica (presenza di placche pleuriche calcifiche, ispessimenti, addensamenti alveolari[6]) o ancor meglio con una HRCT (TC ad alta risoluzione, specifica per lo studio del parenchima polmonare), con l'RM, con la ricerca dei corpuscoli di asbesto nell'espettorato, con le prove di funzionalità respiratoria (insufficienza ventilatoria restrittiva).


Decorso, prognosi e terapia[modifica | modifica sorgente]

Le manifestazioni cliniche più eclatanti dell'asbestosi (insufficienza respiratoria o cardiorespiratoria) impiegano anni per manifestarsi. Carcinoma bronchiale e mesotelioma pleurico, a prognosi infausta e per cui esistono solo terapie palliative, compaiono dopo trent'anni dall'iniziale esposizione all'asbesto, indipendentemente dalla diagnosi di asbestosi. La prevenzione viene attuata con opportuni respiratori in presenza dell'amianto e un rigoroso screening dei lavoratori mediante periodiche radiografie del torace.

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Chiappino G, Quali effetti sull'uomo da basse esposizioni ad asbesti, Med Lav, 76, 1985, 179-191.
  • Chiappino G et al, Alveolar fibre load in asbestos workers and in subjects with non occupational asbestos exposure, Am J Ind Med, 13, 1988, 1-10.
  • Selikoff IJ, Lee DHK, Asbestos and disease, Academic Press, 1978.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina