Cardiologia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cuore: ubicazione

La cardiologia è una branca della medicina che si occupa dello studio, della diagnosi e della cura (farmacologica e/o invasiva) delle malattie cardiovascolari acquisite o congenite. Chi si occupa di tale branca della medicina, come medico specialista, viene chiamato cardiologo.

La cardiologia è una disciplina che negli anni più recenti si è molto evoluta e al suo interno si sono sviluppate specialità come l'emodinamica e l'elettrofisiologia.

Va inoltre segnalato che il miglioramento terapeutico medico e chirurgico delle cardiopatie congenite ha permesso la sopravvivenza di numerosi bambini che, diventati adulti, hanno determinato il crearsi di una nuova branca della cardiologia dedicata ai cardiopatici congeniti adulti.

Oltre che della cura delle malattie cardiovascolari, scompenso cardiaco, anomalie del ritmo, il cardiologo si occupa della prevenzione cardiovascolare e della riabilitazione del paziente sottoposto ad intervento di rivascolarizzazione sia esso cardiochirurgico, che di angioplastica percutanea.

Le malattie cardiovascolari sono ancora la prima causa di morte al mondo (50% del totale dei paesi sviluppati e 25% nei paesi in via di sviluppo).[1][2] Fra le malattie cardiache più diffuse ritroviamo l'angina stabile da sforzo, l'angina instabile e l'infarto del miocardio.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della cardiologia.
I primi stetoscopi

In tempi antichi[modifica | modifica sorgente]

Gli esseri umani hanno ritenuto il cuore da molto tempo come un organo particolarmente vulnerabile, fino dai tempi dell'era della pietra. I cinesi i greci e i romani hanno dedicato molta attenzione all'attività meccanica del cuore e al suo impulso. Anche i principali filosofi antichi si sono dedicati allo studio della fisiologia cardiaca, Platone affermava che mentre il fegato forniva le premesse, il cuore e il cervello erano il presupposto necessario per la vita umana, Aristotele affermava che il cuore era fonte di calore e di vita.[3] Seneca nelle sue lettere aveva descritto per primo un esempio di angina pectoris, anche se è ancora discusso se invece la sua descrizione potesse essere ricondotta ad un episodio di infarto miocardico.[4] I dolori provenienti dal petto e persino il termine angina si trovano anche nei testi di Ippocrate,[5] ma probabilmente si trattano di aggiunte fatte in epoche successive.[6]

Erofilo e Erasistrato fecero molte scoperte nel campo della cardiologia anatomica anche grazie alla loro tecnica di dissezione umana, il secondo ad esempio scoprì l'esistenza delle valvole cardiache[7] Diocle fece importanti scoperte per quanto riguarda la pressione del sangue nei ventricoli e Prassagora la differenza fra vene e arterie.

Nel medioevo[modifica | modifica sorgente]

Nell'epoca medioevale si pensava che il cuore fosse il generatore delle passioni ma anche che spiriti potessero impossessarsi di tale organo, creando in questo modo le malattie cardiache.[8] In questa epoca vi erano famosi studiosi quali Galeno e Avicenna, dove il secondo affermava che il cuore delegasse ad altri organi diversi i propri compiti ma il primo era contrario alle idee dell'altro.[9]

In tempi moderni[modifica | modifica sorgente]

L'inizio della moderna cardiologia può essere datato verso l'anno 1628, quando il medico inglese William Harvey ha pubblicato la sua scoperta sull'apparato circolatorio. Nel 1733 l'inglese Stephen Hales aveva utilizzato per primo una terapia invasiva per misurare la pressione sanguigna.

Accenni sulla fisiologia cardiaca[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cuore.
Il cuore: composizione

Il cuore di solito è definito come un muscolo involontario perché il suo funzionamento non viene comandato dall'individuo, prova è che durante il sonno il cuore continua il suo lavoro, ma tale definizione non è esatta. Le emozioni e il controllo su di esse possono aumentare o diminuire il battito cardiaco, e quindi avere in parte un controllo sul muscolo rendendolo sensibile alle sollecitazioni della bilancia simpatico-mimetica (eaquilibrio gra stimolazione simpatica e vagale).

  • Ciclo cardiaco (piccola circolazione ), ovvero il continuo succedersi di contrazioni, definite sistole e i relativi rilasciamenti, chiamati diastole[10]. Il processo è il seguente: il sangue venoso arriva dalle vene cave nell'atrio destro e passa al ventricolo destro; poi viene sospinto attraverso la valvola polmonare, durante la sistole, nei polmoni dove libera l'anidride carbonica attraverso gli scambi gassosi alveolari e si arricchisce di ossigeno, quindi viene convogliato nelle vene polmonari e nell’atrio sinistro e quindi nel ventricolo sinistro, dove viene infine spinto nell’aorta durante la sistole e si diffonde in tutto il corpo, tale procedimento si ripete sino al termine della vita di ogni individuo.

La grande circolazione è la parte seguente a quella piccola che porta il sangue ossigenato a tutto il resto del corpo

Malattie cardiovascolari[modifica | modifica sorgente]

Battito cardiaco

Le patologie cardiologiche vengono genericamente raccolte sotto il termine di Cardiopatia e si distingueranno a seconda sella sede colpita.

Malattie coronariche[modifica | modifica sorgente]

Sindrome coronarica acuta[modifica | modifica sorgente]

Sotto il nome di sindrome coronarica acuta si ritrovano l'infarto e le forme di angina:

Malattie del “muscolo” cardiaco[modifica | modifica sorgente]

Malattie delle valvole cardiache[modifica | modifica sorgente]

Tali malattie rientrano sotto il nome generico di valvulopatie, sono per la maggioranza, anomalie congenite o derivate riguardanti insufficienze o restrizioni (stenosi) delle valvole:

  • Endocardite: gravissima infezione delle valvole native, acquisita in corso di patologie infettive
  • Coartazione aortica semplice e localizzata, esse sono dei restringimenti dell'arco aortico congeniti.
  • Anelli vascolari, costituiscono un insieme di malformazioni dell'arco aortico o dell'arteria polmonare che influiscono anche sulla trachea e l'esofago.[11]
Le abbreviazioni usate in cardiologia (in inglese)

La stenosi e l'insufficienza valvolare possono essere congenite, ma più spesso nella pratica clinica si incontrano le alterazioni degenerative delle cuspidi e le malformazioni legate ai depositi di calcio, che intervengono nelle età più avanzate.

Malattie del pericardio[modifica | modifica sorgente]

  • Pericardite : in genere virale. È l'infiammazione dei foglietti pericardici.
  • Tamponamento cardiaco : è legato all'infiammazione del pericardio, che trasuda del siero e si accumula nella cavità pericardica. Viene in genere riassorbito con l'uso dei farmaci, ma se questo non avvenisse, si rimuoverebbe con una procedura chiamata "pericardiocentesi"

Malattie della conduzione cardiaca[modifica | modifica sorgente]

In tale definizione rientrano tutte le aritmie, dove si riscontra un'alterazione della frequenza cardiaca e i disturbi di conduzione veri e propri. Alcune aritmie possono rientrare nella fisiologia del ritmo cardiaco, altre possono indicare la possibilità di patologie vere e proprie. Il ritmo sinusale normale viene definito tachicardia se supera 1 100 battiti al minuto e bradicardia se è inferiore ai 60 battiti al minuto.

Le alterazioni del ritmo o aritmia vera e propria, sono abbastanza frequenti nella popolazione generale. Le più comuni sono:

Malattie dei vasi[modifica | modifica sorgente]

Malattie congenite[modifica | modifica sorgente]

Tumori del cuore[modifica | modifica sorgente]

Nell'incidenza negli studi autoptici[14],[15], la percentuale di tumori che coinvolgono il cuore è vicina allo zero, mentre più diffuso è lo sviluppo di metastasi da tumori primitivi in altri organi, che possono produrre malfunzionamenti del cuore.

L'ecocardiogramma è di grande ausilio nel riconoscimento e isolamento di queste lesioni secondarie. Fra i tumori primitivi del cuore si annovera il mixoma, che raggiunge da solo il 50% di tutte le forma tumorali. La percentuale estremamente bassa dei tumori cardiaci è relativa all'attività incessante dell'organo, che non permette il facile "attecchimento" e sviluppo delle cellule neoplastiche.

Fra i tumori del cuore ritroviamo:

Arresto cardiaco[modifica | modifica sorgente]

L'arresto cardiaco è l'evento più drammatico che possa colpire un individuo e che, se non trattato, può condurre a morte entro pochi minuti. L'arresto avviene quando il cuore smette di battere sia perché il segnapassi naturale si ferma, sia perché le elevatissime frequenze (vedi la fibrillazione ventricolare) non permettono la normale contrazione cardiaca e vi è un arresto nella distribuzione del flusso sanguigno al resto del corpo e per primo al cervello. Da tale momento si hanno pochi minuti per cercare di farlo "ripartire", per recuperare la circolazione cerebrale, con tentativi di rianimazione manuale e lo shock elettrico erogato attraverso la defibrillazione,[17]. Il problema del tempo è correlato non tanto al recupero del muscolo cardiaco ma all’ossigenazione cerebrale in quanto i neuroni hanno una resistenza all’anossia molto limitata. Durante gli interventi di cardiochirurgia si usa la circolazione extracorporea che permette di fermare il cuore, portandolo a temperature molto basse, per un periodo di tempo sufficiente all'esecuzione dell'intervento, assicurando nel contempo la circolazione nel resto dell'organismo.

Sintomi e segni clinici[modifica | modifica sorgente]

  • I sintomi sono tutto ciò che viene riferito dalla persona;
  • I segni clinici vengono evidenziati dai medici attraverso la visita cardiologica e la valutazione degli esami.

Principali[modifica | modifica sorgente]

  • Dispnea, mancanza di respiro molto fastidiosa[18], che varia di intensità fino a diventare tanto grave da rendere la normale attività di respirazione molto difficile.[19][20] Nelle persone affette da scompenso cardiacocronico tale sintomo è espressione di aumentata pressione venosa e capillare polmonare.
  • Dolore toracico, è il sintomo più frequente che porta un soggetto alla valutazione cardiologica. Normalmente viene descritto come un 'peso' o un 'dolore' retrosternale, a volte irradiato al braccio sinistro o alla gola, che può essere associato anche a forme diverse dall’angina nota, come l'ischemia miocardica in assenza di necrosi, dell'angina 'variante' di Prinzmetal[21][22]
  • Cianosi, che può essere di origine "centrale" o "periferica" è un segno clinico caratteristico di alcune malattie cardiache (cianosi centrale negli shunt cardiaci) o polmonari (cianosi periferica nei broncopneumopatici). Si tratta di una colorazione bluastra della cute, spesso accompagnata dalle alterazioni del letto ungueale, causata da un'alterata ossigenazione del sangue.[23][24]
  • Sincope cardiaca, lo svenimento per cause cardiache è di relativa rapida insorgenza: la perdita di coscienza nella stenosi aortica è provocata dallo sforzo e può essere repentina, ma la sincope causata, per esempio dalla vasodilatazione cutanea da elevata temperatura, dà in genere dei sintomi premonitori e per tale motivo, può essere evitata con alcuni accorgimenti.[25]
  • Palpitazione, fra i sintomi più comuni. La persona avverte il proprio battito cardiaco e ne ha una percezione fastidiosa: può essere descritta in vari modi, sia come veloce pulsazione al torace ma anche pulsazione al collo, può essere regolare o irregolare...[26][27]
  • Edema, la cui localizzazione risulta utile ai medici per comprenderne le cause,[28] è un aumento del liquido interstiziale localizzato nei tessuti all'esterno dei vasi sanguigni e delle cellule. L’edema di origine cardiaca solitamente si presenta alle caviglie e solo raramente arriva ad interessare tutta la gamba sino agli organi genitali (in tal caso di parla di edema anasarcartico ed è, ovviamente, di notevole gravità)

Secondari[modifica | modifica sorgente]

  • Tosse un sintomo comune in moltissime patologie anche non cardiache, viene definita come quell’atto di espirazione esplosiva utile a ripulire le secrezione e i corpi estranei all’organismo,[29] è causata da varie malattie infettive, fra quelle cardiologiche ritroviamo l’edema polmonare e l'ipertensione venosa polmonare
  • Emottisi, ovvero l’emissione di sangue dalla bocca. Molte sono le cause che possono portare a tale manifestazione, un'adeguata anamnesi spesso riesce a comprendere quale sia quella corretta.[30]
  • Astenia
  • Nicturia
  • Anoressia
  • Nausea
  • Vomito
  • Febbre
  • Brividi

Esame obiettivo[modifica | modifica sorgente]

L’esame obiettivo in cardiologia è l’osservazione della persona fatta dall’esaminatore (cardiologo) tramite i sensi di tatto, vista e udito, per ricercare eventuali segni patognomonici di malattia. Nonostante le più moderne scoperte e tecnologie, rimane sempre uno dei cardini in cardiologia.[31]

Vista[modifica | modifica sorgente]

In cardiologia uno sguardo generale al corpo può risultare essenziale per diagnosticare la malattia, ad esempio l’osservazione degli arti può far comprendere di trovarsi di fronte alla sindrome di Holt-Oram,[32] (un difetto cardiaco). Oltre all’ispezione del torace, si osservano anche gli occhi, gli arti, il capo, le mani e piedi.

Tatto[modifica | modifica sorgente]

Tramite il tatto i cardiologi riescono a comprendere moltissimo e per questo vengono addestrati all'uso delle parti più sensibili delle mani. Importanti informazioni le si ottengono studiando il polso venoso giugulare[33] e il polso arterioso radiale, il cui controllo viene di solito preferito al polso carotideo.

Udito[modifica | modifica sorgente]

L'udito i cardiologi lo usano nell'esame obiettivo attraverso i loro strumenti tipici:

Un moderno Stetoscopio
  • Fonendoscopio, derivante dall'antico stetoscopio, è il mezzo con cui i cardiologi auscultano il cuore. I più moderni fonendoscopi permettono di poter scegliere se utilizzare il diaframma (da usare per ascoltare le grandi frequenze) o la campana (da usare per sentire soltanto frequenze basse e molto basse).[34]
  • Sfigmomanometro, strumento che è in grado di rilevare la pressione sanguigna minima (diastolica) e quella massima (sistolica), che si avvale dell’ausilio di un fonendoscopio, bloccando momentaneamente il flusso sanguigno nell’arteria branchiale. Vi sono diverse misure del bracciale per evitare misurazioni inesatte, se il braccio risultasse troppo grande o troppo piccolo.[35]

Esami[modifica | modifica sorgente]

Come in tutte le branche mediche, ritroviamo in cardiologia una notevole quantità di esami o test che vengono normalmente suddivisi in invasivi e non invasivi, a seconda che vengano utilizzate apparecchiature che necessitano di un accesso venoso o arterioso del paziente, oppure possano essere valutati approcci esterni alla persona (pensate all'angiografia nel primo caso e all'ecocardiogramma nel secondo caso).

Test da sforzo

L'anamnesi non si può definire un esame medico, ma grazie alle informazioni raccolte[36] risulta essere il primo insostituibile approccio al paziente, per orientarsi sulla possibile diagnosi e scegliere così quali esami richiedere.

Esami non invasivi[modifica | modifica sorgente]

Elettrocardiografia[modifica | modifica sorgente]

L'elettrocardiografia o elettrocardiogramma o anche denominato per via della sua sigla semplicemente ECG, esame che si è evoluto continuamente negli ultimi due secoli,[37] ha lo scopo di rappresentare in veste grafica gli impulsi elettrici generati dal cuore, tenendo conto del fattore tempo.[38] Il primo trattato di elettrocardiografia italiano, che getta le basi dell'interpretazione clinica dell'ECG, valide ancora oggi, è stato pubblicato nel 1948 da Daniele Sibilia[39].

Oltre alla sua forma classica esiste anche l'elettrocardiografia dinamica ambulatoriale, detta anche "Holter", un esame che registra l'ECG per 24/48 ore (esistono dei registratori di ultima generazione, che attraverso una normale card, possono registrare sino a sette giorni) e che viene utilizzato per ricercare la registrazione di un sintomo, in genere la palpitazione, e scoprirne le cause.


Ecocardiografia[modifica | modifica sorgente]

L' ecocardiografia, ovvero l'ecografia del cuore è un gruppo di tecniche che si basano sull'emissione di ultrasuoni nell'intervallo di frequenza fra 2 e massimo 10 MHz. L'esame riesce ad esprimere in frequenza l'onda di pressione, facendo apparire il tutto su uno schermo che il cardiologo osserva mentre effettua l'esame. L'insieme di esami sono composti da:

  • Ecocardiografia basale
  • Ecocardiografia con mezzo di contrasto, esame di recente diffusione, con diverse funzioni e di utilizzo soprattutto per studiare la perfusione miocardica.[40]
  • Ecocardiografia transesofagea. Le immagini che si ottengono attraverso l’uso dei cosiddetti ETE (acronimo inglese per indicare in italiano le sonde ecocardiografiche transesofagee) sono standardizzate per permettere uno studio uniformato.[41] Tale esame si effettua inserendo in esofago attraverso la bocca del paziente una sonda dotata di un trasduttore ad ultrasuoni.
  • Ecocardiografia prenatale
  • Ecocardiografia perinatale
  • Ecocardiografia da sforzo (o da stress) è l’esame che si effettua in costante monitoraggio sia prima che durante e dopo uno sforzo a cui la persona viene sottoposta, molto utile per comprendere la provenienza del dolore toracico, sintomo evidenziato dai pazienti. Se la persona non può effettuare alcun sforzo di carattere fisico si incorre allora in uno stress indotto da determinati farmaci quale la dobutamina e il dipiridamolo. Tale esame è utilizzato anche per valutare in generale la prognosi[42] e su persone dopo un evento di infarto per comprendere la vitalità cardiaca.[43]

Esiste inoltre l'ecografia Doppler che può essere effettuata anche su vene (Doppler venoso) e arterie (Doppler arterioso) in modo da permettere lo studio delle stesse e del flusso di sangue al loro interno.

Altri esami[modifica | modifica sorgente]

Pacemaker

Esami invasivi[modifica | modifica sorgente]

ECG: il principio del suo funzionamento

Sindromi cliniche[modifica | modifica sorgente]

La definizione della parola sindrome la si ritrova in un famoso dizionario dove viene definita come “un aggregato di sintomi e segni associati con un unico processo morboso che costituiscono insieme il disegno della malattia[45]. In campo cardiologico vi si possono enumerare diverse manifestazioni condotte a questa definizione:

Diversa dalle altre è la sindrome metabolica, perché eccede il comune senso di sindrome, essendoci diversi fattori che la delineano, tutti trattabili allo stesso modo.

Farmaci[modifica | modifica sorgente]

I farmaci più utilizzati in cardiologia sono quelli antiaritmici, che si suddividono in diverse fasce:[46]

  • Stabilizzanti di membrana, sudditi a loro volta per il loro potenziale
  • Betabloccanti, sono utilizzati nella profilassi per l’infarto miocardico acuto, la cui efficacia è stata dimostrata in ambito medico con delle ricerche.[47][48]Le persone che ricadono in un nuovo episodio di infarto sotto la cura di tali farmaci hanno una probabilità maggiore di sopravvivenza, mentre per gli ipertesi costituiscono una categoria di farmaci importante.[49] La sospensione di tali farmaci deve essere graduale, altrimenti si possono avere dei effetti negativi sull’organismo.[50]
  • Allungamento del potenziale d’azione, con azione sulla pompa potassica
  • Calcio antagonisti, che impediscono l’ingresso dei calcio-ioni all’interno della cellula miocardica non permettono il crearsi dei processi Ca-dipendenti.

Ecco l'elenco dettagliato di tutte le principali categorie di farmaci utilizzate e i relativi principi attivi.

Categoria farmaco Principio attivo
ACE-inibitore Benazepril - Captopril - Cilazapril - Delapril- Enalapril - Fosinopril - Lisinopril - Moexipril - Perindopril - Quinapril - Ramipril - Spirapril - Trandolapril - Zofenopril
Antiaggregante Abcximab - Acido acetilsalicilico - Clopidogrel - Dipiridamolo- Eptifibatide - Indobufene - Sulfinpirazone - Ticlopidina - Tirofiban- Plasugrel
Antiaritmico[51] Adenosina - Amiodarone - Bunaftina - Chinidina- Disopiramide - Flecainide - Mexiletina - Procainamide - Propafenone - Dronedarone - Lidocaina
Betabloccante Acebutololo - Atenololo - Betaxololo - Bisoprololo- Carvedilolo - Celiprololo - Esmololo - Indenololo - Labetalolo - Metoprololo - Nadololo - Nebivololo - Pindololo - Propranololo - Sotalolo - Timololo
Calcio antagonisti Amlodipina - Barnidipina - Diltiazem - Felodipina- Gallopamil - Isradipina - Lacidipina - Lercanidipina - Manidipina - Nicardipina - Nifedipina - Nisoldipina - Nitrendipina - Verapamil
Digitalici Digitossina - digossina
Diuretico Acido etacrinico - Bendroflumetiazide - Bumetanide - Canrenoato di potassio - Ciclopentiazide - Clortalidone - Etozolina- Fenquizone - Furosemide - Idroclorotiazide - Indapamide - Mannitolo - Piretanide - Spironolattone - Torasemide - Xipamide
Nitrato Isosorbide dinitrato - Isosorbide mononitrato - Nitroglicerina - Pentaeritrile tetranitrato- Tenitramina
Sartano Candesartan - Eprosartan - Irbesartan - Losartan- Olmesartan - Telmisartan - Valsartan
Statina Atorvastatina - Cerivastatina - Fluvastatina - Lovastatina- Mevastatina - Pitavastatina - Pravastatina - Rosuvastatina - Simvastatina
Vasodilatatore Bosentan - Diazossido - Idralazina - Iloprost- MinoxidilNitroprussiato di sodio -Sildenafil

Reparto di cardiologia[modifica | modifica sorgente]

Il reparto di cardiologia lo si trova in quasi tutti gli ospedali di importanza almeno regionale ed è costituito da:

  • Servizio di cardiologia, il reparto base, dove si presta servizio ambulatoriale e gestiscono i ricoverati altri reparti.
  • Cardiologia di degenza, dove vengono ricoverati i pazienti meno gravi.
  • Unità terapia intensiva coronarica (UTIC), il reparto intensivo specializzato di cardiologia.
  • Sala emodinamica, ambiente sterile dove vengono effettuati determinati esami quali la coronarografia e l'angioplastica.
  • Sala dell’elettrofisiologia, ambiente sterile dove vengono effettuati determinati interventi come ablazioni e impianti di pacemaker.

Riviste di cardiologia[modifica | modifica sorgente]

Esistono numerose riviste di importanza cardiologica. Quasi tutte utilizzano l’inglese, la lingua ufficiale in medicina, qualunque ricercatore volesse pubblicare le proprie ricerche, deve utilizzare tale lingua affinché successivamente possa essere approvata da un gruppo di specialisti e pubblicata. Fra esse ricordiamo le più prestigiose:

In lingua tedesca esiste

  • Herz

In lingua francese francese esistono:

  • Les Annales de cardiologie;
  • Les Archives des Maladies du Cœur.
  • la Lettre du cardiologue

In lingua italiana ritroviamo:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ World Health Report 2002:Reducing risks, promoting healty life, Ginevra, 2002
  2. ^ Murray CJL, Lopez AD, The Global burden of Disease. Cambridge 1996
  3. ^ Mirko D Grmek, Storia del pensiero medico occidentale pag 285, Milano, LaTerza, 2007, ISBN 978-88-420-8403-7..
  4. ^ Mattioli M., Is the acute disease described by Lucius Annaeus Seneca myocardial infarct or angina pectoris?] in Cardiol Prat., 1973.
  5. ^ Ippocrate, Malattia ii, cap 9
  6. ^ Ippocrate, testi di medicina greca ottava edizione pag 103, Milano, BUR, 2007, ISBN 978-88-17-12440-9.
  7. ^ Mirko D Grmek, Storia del pensiero medico occidentale pag 104-105, Milano, LaTerza, 2007, ISBN 978-88-420-8403-7.
  8. ^ Mirko D Grmek, Storia del pensiero medico occidentale pag 427-428, Milano, LaTerza, 2007, ISBN 978-88-420-8403-7..
  9. ^ Mirko D Grmek, Storia del pensiero medico occidentale pag 206-207, Milano, LaTerza, 2007, ISBN 978-88-420-8403-7..
  10. ^ Sengen Joseph C., Concise Dictionary of Modern Medicine, McGraw-Hill, pagina 144
  11. ^ Edwards JE, Anomalies of the derivatives of the aortic arch system in Med Clin North Am., vol. 32, 1948, p. 925.
  12. ^ http://cancerweb.ncl.ac.uk/cgi-bin/omd?action=Search+OMD&query=hypoplasia
  13. ^ le aritmie cardiache
  14. ^ McAllister HA, Fenoglio JJ, Tumors of the cardiovascular system 1978, pagine 1-3
  15. ^ Reynen K: Frequency of primary tumors of the heart am J Cardiol 1996, pagine 77-107
  16. ^ Burke AP, Virmani R., Cardiac rhabdomyoma: A clinicopathologic study in Mod Pathol., vol. 4, 1991, pp. 70-74.
  17. ^ (EN) American Heart Association, International guidelines 2000 for RCP and ECC in Circolation, vol. 102, 2000.
  18. ^ (EN) Scano G, Ambrosino N, Pathophysiology of dyspnea in Lung, vol. 180, 2002.
  19. ^ Schwartzstein RM, Feller-Kopman D, Approach to the patient with dyspnea in Primary cardiology, 2003, pp. 101-116.
  20. ^ Mahler DA, Fierro-Carrion G, Baird JC, Evaluation of dyspnea in the elderly in Geriart Med, vol. 19, 2003, p. 19.
  21. ^ Yeghiazarians Y, Braunstein JB, Ascari A, Unstable angina pectoris in Eng J Med, vol. 342, 2000, p. 101.
  22. ^ Mayer S, Hillis LD, Prinzmetal’s angina in Clin Cardiol, vol. 21, 1998, p. 243.
  23. ^ (EN) Braunwald E, Hypoxia and cyanosis in Harisson’s Principles of internal medicine 16th edition, 2005.
  24. ^ (EN) Fishman AP, Cyanosis and clubbing in Fishman’s pulmonary diseases and disorders, vol. 1, 1998, pp. 1382-383.
  25. ^ (EN) Linzer M, Yang EH, Estes NA III, Diagnosing syncope: I. Value of history, physical examination and electrocardiography in Intern Med, vol. 126, 1997, p. 989.
  26. ^ (EN) Zimetbaum P, Josephson ME, Evalutation of patients with palpitation in Eng J Med, vol. 338, 1998, p. 1369.
  27. ^ (EN) Barsky AJ, Palpitations, arrhythmias and awareness of cardiac activity in Ann intern med, vol. 134, 2001, p. 832.
  28. ^ GM Chertow, Primary Cardiology seconda edizione, New York, WB Sabuders, 2003 pagine 117-128.
  29. ^ (EN) Patrick H, Patrick F, Cronic cough in med clin north, vol. 79, 1995, p. 361.
  30. ^ (EN) Corder R, Hemoptysis in Med Clin North am, vol. 21, 2003, p. 421.
  31. ^ (EN) Mangione S, Nieman LZ, Gracely E, The teaching ancd practice of cardiac auscultation durino internal medicine and cardiology training: A nationwide surevey in Ann intern med, vol. 119, 1993, p. 47.
  32. ^ (EN) Basson CT, Cowley GS, Solomon SD, The clinic and genetic spectrum of the Holt-Oram syndrome in N Eng. J Med, vol. 330, 1994, p. 885.
  33. ^ (EN) Perloff JK, The jugular venous pulse and third heart sound in patients with heart failure in N Eng J Med, vol. 345, 2001, p. 612.
  34. ^ (EN) Adolph RJ, In defense of stethoscope in Chest, vol. 114, 1998, p. 1235.
  35. ^ (EN) Linfors EW, Feussner JR, Blessing CL, Spurious hypertension in the obese patient: Effect of sphygmomanometer in Arch intern Med, vol. 144, 1984, p. 1482.
  36. ^ (EN) Sapira JD, The history. In The Art and science of Bedside Diagnosis in Urban & Schwartzenberg, vol. 180, 1990, pp. 9-45.
  37. ^ (EN) Fisch C, Centennial of the string galvanometer and the electrocardiogram in J am Coll Cardiol, vol. 26, 2000, p. 1737.
  38. ^ Costantini, op. cit., p. 1
  39. ^ Sibilia D. (1948). L'Elettrocardiogramma. Tecnica - genesi - significato clinico. Roma: Edizioni dell'Ateneo.
  40. ^ (EN) Kaul S =, Myocardial contrast echocardiography:15 years of research and development in Circulation, vol. 96, 1997, p. 3745.
  41. ^ (EN) Seward JB, Khandheria BK, Freeman WK autorelink =, Multiplane transesophageal echocardiography: Image orientation, examination technique, anatomic correlations, and clinical applications in Mayo Clin Proc, vol. 68, 1993, p. 523.
  42. ^ (EN) Marwick TH, Case C, Sawada S., Prediction of mortality using dobutamine echocardiography in J Am Coll Cardiol, vol. 37, 2001, p. 754.
  43. ^ (EN) Carlos ME, Smart SC, Wynsen JC JD, Dobutamine stress echocardiography for risk stratification after myocardial infarction in Circulation, vol. 95, 1997, p. 1402.
  44. ^ (EN) Williams FH, A method for more fully determinino the outline of the heart by means of a fluoroscope together with other uses of the instrument in medicine in Boston Med Surg, vol. 135, 1896, p. 335.
  45. ^ Stedman’s Medical Dictionary, 27ª edizione Baltimora: Lippincott, Williams & Wilkins, 2000, pagina 1746
  46. ^ Daniele Bracchetti, Guadagna RF, Calmieri M, Le aritmie cardiache clinica, terapia medica e invasiva terza edizione pagina 221, Padova, Piccin, 1999, ISBN 88-299-1378-2.
  47. ^ (EN) Yusuf S, Peto R, Lewis J, Collins R, Sleight P, Beta-blockade during and after myocardial infarction: an over-view of the randomized trias. in Cardiovasc Dis, vol. 27, 1985, pp. 335-371.
  48. ^ (EN) Boissel JP, Nemoz C, Gilet J, La prescription mèdicamenteuse dans le post-infarctus: résultats de l’EPPI in Mal Coeur, vol. 83, 1990, pp. 1777-1782.
  49. ^ (EN) Psaty BM, Smith NS, Siscovick DS, Esisti clinici associati alle terapie antipertensive utilizzate come prima scelta. Rassegna sistematica e meta-analisi. in Jama (edizione italiana), vol. 9, 1997, pp. 292-302.
  50. ^ (EN) Psaty BM, Koepsell TD, Wagner EH, The relative risk of incident coronary heart disease associated with recently stopping the use of beta-blockers in Jama, vol. 263, 1990, pp. 1653-1657.
  51. ^ (EN) Vaughan Williams EM, A classification of antiarrhythmic actions reassessed after a decade of new drugs in J Clin Pharmacol, vol. 24, 1984, pp. 129-147.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Testi generici sulla cardiologia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna (il manuale - 16ª edizione), New York - Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.

Testi specifici sulle patologie cardiache[modifica | modifica sorgente]

  • Hurst, Il Cuore (il manuale - 11ª edizione), Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-2388-2.
  • Eugene Braunwald, Malattie del cuore (7ª edizione), Milano, Elsevier Masson, 2007, ISBN 978-88-214-2987-3.
  • Aldo Zangara, Terapia medica ragionata delle malattie del cuore e dei vasi, Padova, Piccin, 2000, ISBN 88-299-1501-7.
  • Michael H Crawford, Diagnosi e terapia in cardiologia, Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-3915-9.
  • Daniele Bracchetti, Guadagna RF, Calmieri M, Le aritmie cardiache clinica, terapia medica e invasiva terza edizione, Padova, Piccin, 1999, ISBN 88-299-1378-2.
  • Angelo Selicorni, Colli, A.M., Menni F., Brambillasca F, D’Arrigo S., Pantaloni C., Il cardiologo e le malattie rare, Vicenza, Hippocrates, 2007, ISBN 978-88-89297-24-7.

Testi specifici sugli esami cardiologici[modifica | modifica sorgente]

  • Claudio Rabbia, Matricardi Luigi, Eco-Color-Doppler-Vascolare (III edizione), Torino, Minerva medica, 2006, ISBN 88-7711-473-8.
  • Gianni Slavich, Distante A. Iliceto S., Ecocardiografia clinica, Padova, Piccin, 1989, ISBN 88-299-0757-X.
  • Marcello Costantini, L'eletrocardiogramma dalle basi fisiologiche alla facile interpretazione, Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-1669-3.

Testi specifici sui farmaci[modifica | modifica sorgente]

  • Joel Hardman, Limbird Lee E., Molinoff Perry B, Ruddon, Raymond W., Goodman Gilman Alfred, Le basi farmacologiche della terapia(9ª edizione), Milano, McGraw-Hill, 1997, ISBN 88-386-2072-5.

Testi generici sulla storia della cardiologia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina