Ecocardiografia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L' Ecocardiografia o Ecocardiogramma in cardiologia comprende un gruppo di tecniche non invasive che si basano sull'emissione di ultrasuoni nell'intervallo di frequenza fra 2 e massimo 10 MHz. L'esame riesce ad esprimere in frequenza l'onda di pressione, facendo apparire il tutto su uno schermo che il cardiologo osserva mentre effettua l'esame, per permettere di comprendere dimensioni forme e movimento delle strutture cardiache.

Un esempio di Ecocardiografia anormale dove si mostra un difetto atriale

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

Esistono numerose tipologie di tale esame:

Diagramma di una ecocardiografia transesofagea
Ecocardiogramma tridimensionale (a destra): sono visibili i movimenti di apertura e chiusura dei lembi della valvola mitrale.

Principi di fisica[modifica | modifica sorgente]

In cardiologia spesso nozioni di fisica sono basilari per comprendere la fisiologia del cuore e il comportamento di alcuni esami, come il caso dell’ecocardiografia:

  • La frequenza è il numero dei cicli completi per secondo, che risulta essere l’inverso della lunghezza d’onda (unico ciclo).
  • L’ampiezza è il potere o la capacità dell’onda di trasferire energia al mezzo di conduzione.

La piattaforma ecografica[modifica | modifica sorgente]

Le immagini create si mostrano in uno scanner, in cui si arriva fino a 512 canali, chiamato piattaforma ecografia.

Il trasduttore ecografico, con cui si trasmette l'energia ultrasonora, è composto di vari elementi, alcuni che permettono ai cristalli piezoelettrici, eccitati dalla stimolazione della macchina, di farli quietare a comando.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Sengen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna (il manuale - 16ª edizione), New York - Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.
  • Hurst, Il Cuore (il manuale - 11ª edizione), Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-2388-2.
  • Eugene Braunwald, Malattie del cuore (7ª edizione), Milano, Elsevier Masson, 2007, ISBN 978-88-214-2987-3.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina