Ecoendoscopia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'ecoendoscopia (EUS - Endoscopic UltraSonography), o ecografia endoscopica, è una procedura diagnostica endoscopica di ambito gastroenterologico, che integra l'approccio ecografico a quello endoscopico classico.

Tale integrazione funzionale permette sia di sviluppare in chiave ecografica lo studio endoscopico delle vie digestive superiori (esofago, stomaco, duodeno), sia di fornire vie di accesso più semplici per lo studio ecografico di strutture parenchimali ad esso prossimali, quali il pancreas e le vie biliari (ma anche lo spazio mediastinico).

L'ecoendoscopio è composto da un normale endoscopio, quali quelli in uso per le esofagogastroduodenoscopie (EGDS), cui viene aggiunta una componente ecografica. Oltre alle normali funzioni diagnostiche endoscopiche ed ecografiche, sono spesso possibili ecografie Doppler e l'esecuzione di prelievi bioptici in agoaspirato di reperti istologici sotto guida ecografica.

La procedura di esecuzione è simile a quella di una normale EGDS, con durata leggermente superiore e con un ricorso abituale alla sedazione con benzodiazepine. L'esame, se eseguito correttamente da un endoscopista esperto, è rapido, sicuro, e può fornire indicazioni diagnostiche in alcuni casi molto utili, di difficile derivabilità con altre metodiche.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina