Eco FAST

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'eco FAST (acronimo per Focused Assessment with Sonography for Trauma) è una metodica utilizzata nella medicina d'urgenza, che consiste in uno screening eseguito sul paziente allettato attraverso l'utilizzo di ultrasuoni per la ricerca di sangue che si raccoglie intorno al cuore (tamponamento cardiaco) od agli organi addominali (emoperitoneo) dopo un trauma fisico.

Lo scopo principale è di identificare un’emorragia interna in un paziente politraumatizzato per avviarlo immediatamente in sala operatoria se emodinamicamente instabile oppure per candidarlo ad approfondimenti diagnostici di secondo livello se la stabilità dei parametri vitali lo consente.

La raccolta liquida in peritoneo documentabile dalla metodica ecografia è variabile e può oscillare da 50-100 ml fino a 500-600ml.

La FAST come indagine semplificata e codificata nello studio dell’addome esplora alcuni specifici recessi peritoneali e può inoltre evidenziare anche la presenza di eventuale liquido pleurico, nei seni costo-frenici laterali, e di fluido pericardico.

La FAST esamina fondamentalmente quattro scansioni ecografiche a livello dell’addome alla ricerca di 'versamento libero':

  1. sottocostale (mirata alla ricerca di una eventuale raccolta di liquido nel cavo pericardico (versamento pericardico) e permette inoltre una stima della capacità di contrazione del miocardio);
  2. quadrante superiore destro dell’addome (mirata alla ricerca di versamento nello spazio o tasca di Morison, nella regione sovraepatica e nel seno costodiaframmatico di destra);
  3. quadrante superiore sinistro dell’addome (mirata alla ricerca di versamento nell'area delle strutture localizzate intorno alla milza (area perisplenica) e nel seno costodiaframmatico sinistro);
  4. bacino [pelvi] (mirata alla ricerca di versamento nello spazio rettovescicale ( spazio di Douglas).

Il versamento libero così identificato, nel contesto di una lesione traumatica, è normalmente dovuto alla presenza di sangue.

Il protocollo FAST, nato e codificato in origine per permettere il riconoscimento dell’emoperitoneo ed emopericardio, di recente si è poi ulteriormente esteso a un numero consistente di altre applicazioni cliniche mirate, sempre caratterizzate dalla rapidità di esecuzione, con importanti ricadute diagnostiche e terapeutiche. Si è quindi aggiunta la E-FAST (Extended FAST) con l'obiettivo del riconoscimento ecografico del pneumotorace e successivamente, del tutto recentemente, la FAST ABCDE (Airways, Breathing, Circulation, Disability, Exposure) [senza fonte]. Questa ultima evoluzione dell' approccio metodologico ecografico fa sì che la metodica aiuti i medici dell'urgenza nel dirimere i numerosi quesiti clinici che possono nascere durante la valutazione nella scala di priorità assoluta che si segue nell’approccio al paziente traumatizzato [senza fonte].

Vantaggi[modifica | modifica wikitesto]

È una indagine rapida, da eseguirsi in pochi minuti (3-5 minuti), spesso in contemporanea ad altre procedure o pratiche salva-vita. È di facile apprendimento da parte di diversi operatori sanitari (esistono corsi specifici della durata di 1-2 giorni) grazie ad una semeiotica semplificata in quanto il fluido endoperitoneale all’ecografia si riconosce generalmente come falda anecogena.

L'ecografia FAST è decisamente meno invasiva del lavaggio peritoneale diagnostico, non richiede esposizione alle radiazioni, è meno costosa rispetto alla tomografia computerizzata, pur essendo sostanzialmente sovrapponibile come accuratezza.

Interpretazione[modifica | modifica wikitesto]

Una ecografia FAST positiva viene definita come il riscontro di una zona scura ("anecogena") in alcune regioni del peritoneo. Nel quadrante addominale superiore destro questo quadro si manifesta tipicamente nello spazio di Morison (fra il fegato ed il rene). Nel quadrante addominale superiore sinistro, il sangue può raccogliersi praticamente ovunque intorno alla milza (spazio perisplenico). Nella pelvi, il sangue generalmente si raccoglie dietro la vescica (nello spazio rettovescicale noto come spazio di Douglas).

Un risultato positivo suggerisce l'esistenza di emoperitoneo; talvolta a conferma se il paziente è stabile possono essere effettuate scansioni TC, mentre si può ricorrere alla laparatomia in presenza di un paziente emodinamicamente instabile. In quei pazienti emodinamicamente instabili e negativi alla ecografia FAST, è spesso necessaria una ulteriore ricerca di fonti di sanguinamento extra-addominale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rozycki G, Shackford S (1996). Ultrasound, what every trauma surgeon should know. J Trauma 40 (1): 1–4. doi:10.1097/00005373-199601000-00001. PMID 8576968.
  • Dolich MO; McKenney MG; Varela JE; Compton RP; McKenney KL; Cohn SM (Jan 2001). 2,576 ultrasounds for blunt abdominal trauma. Journal of Trauma 50 (1): 108–12. doi:10.1097/00005373-200101000-00019. PMID 11231679.
  • Farahmand N; Sirlin CB; Brown MA; Shragg GP; Fortlage D; Hoyt DB; Casola G (May 2005). Hypotensive patients with blunt abdominal trauma: performance of screening US. Radiology 235 (2): 436–43. doi:10.1148/radiol.2352040583. PMID 15798158.
  • Sirlin CB; Brown MA; Andrade-Barreto OA; Deutsch R; Fortlage DA; Hoyt DB; Casola G (Mar 2004). Blunt abdominal trauma: clinical value of negative screening US scans. Radiology 230 (3): 661–8. doi:10.1148/radiol.2303021707. PMID 14990832.
  • Moylan M; Newgard CD; Ma OJ; Sabbaj A; Rogers T; Douglass R (Oct 2007). Association between a positive ED FAST examination and therapeutic laparotomy in normotensive blunt trauma patients. Journal of Emergency Medicine 33 (3): 265–71. doi:10.1016/j.jemermed.2007.02.030. PMID 17976554.
  • Melniker LA; Leibner E; McKenney MG; Lopez P; Briggs WM; Mancuso CA (Sep 2006). Randomized controlled clinical trial of point-of-care, limited ultrasonography for trauma in the emergency department: the first sonography outcomes assessment program trial. Annals of Emergency Medicine 48 (3): 227–35. doi:10.1016/j.annemergmed.2006.01.008. PMID 16934640.
  • Ollerton JE; Sugrue M; Balogh Z; D'Amours SK; Giles A; Wyllie P (Apr 2006). Prospective study to evaluate the influence of FAST on trauma patient management. Journal of Trauma 60 (4): 785–91. doi:10.1097/01.ta.0000214583.21492.e8. PMID 16612298.
  • Miller MT; Pasquale MD; Bromberg WJ; Wasser TE; Cox J (Jan 2003). Not so FAST. Journal of Trauma 54 (1): 52–60. doi:10.1097/00005373-200301000-00007. PMID 12544899.
  • Scalea T, Rodriguez A, Chiu W, Brenneman F, Fallon W, Kato K, McKenney M, Nerlich M, Ochsner M, Yoshii H (1999). Focused Assessment with Sonography for Trauma (FAST): results from an international consensus conference. Journal of Trauma 46 (3): 466–72. PMID 10088853.