Idralazina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Idralazina cloridrato)
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Idralazina
formula di struttura dell'idralazina (base libera)
Nome IUPAC
1-idrazinilftalazina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C8H8N4
Massa molecolare (u) 160,176
Numero CAS [304-20-1] (cloridrato) [86-54-4] (base libera)
Codice ATC C02DB02
PubChem 3637
DrugBank DB01275
SMILES n2nc(c1ccccc1c2)NN
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeutica Vasodilatatore
Modalità di
somministrazione
Orale - Intravenosa - Intramuscolo
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità 26-55% (orale)
Metabolismo Epatico e mucosa gastrointestinale
Emivita 2 - 4 ore
Escrezione Renale
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta

pericolo

Frasi H 301 - 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 301+310 - 305+351+338 [1]

L’idralazina cloridrato è il principio attivo di indicazione specifica contro l’ipertensione, attualmente non prodotto e commercializzato in Italia. Agisce tramite un'azione vasodilatatrice arteriosa diretta.

Indicazioni[modifica | modifica sorgente]

È utilizzato come supporto contro l’ipertensione, anche grave, contro lo scompenso cardiaco in associazione al nitrato, e le crisi ipertensive comprese quelle che compaiono durante la gravidanza.

Dosaggi[modifica | modifica sorgente]

  • Ipertensione, per via orale 25 mg 2 volte al giorno, (dose massima 50 mg)
  • Scompenso cardiaco, per via orale 25 mg 3,4 volte al giorno (dose massima 75 mg 4 volte al giorno)
  • Crisi ipertensive, con iniezione endovenosa lenta 5–10 mg diluiti in 10ml di fisiologica, per infusione endovenosa 200-300 ug/minuto

Effetti indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Tachicardia, palpitazioni, vampate, cefalea, ipotensione, vertigine, disturbi gastrointestinali.

Si deve sospettare un Lupus eritematoso sistemico se vi sono condizioni quali perdita di peso o artrite.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 05.10.2012, riferita al cloridrato

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • British national formulary, Guisa all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, agenzia italiana del farmaco, 2007.