Ticlopidina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Ticlopidina
{{{immagine1_descrizione}}}
Nome IUPAC
5-[(2-clorofenil)metil]-6,7-diidro-4H-tieno [3,2-c]piridina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C14H14ClNS
Massa molecolare (u) 263,78566 g/mol
Numero CAS [55142-85-3]
Codice ATC B01AC05
PubChem 5472
DrugBank DB00208
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302
Consigli P ---[1]

La ticlopidina[2] fa parte del gruppo degli antiaggreganti piastrinici insieme all'aspirina (che agisce sull'enzima COX), al clopidogrel e congeneri (con meccanismo simile alla ticlopidina) e agli antagonisti della glicoproteina IIb/IIIa (fra cui si possono annoverare l'anticorpo monoclonale Abciximab e gli analoghi del fibrinogeno Eptifibatide e Tirofiban).

Il farmaco ticlopidina agisce come antagonista del recettore purinergico per l'ADP noto come P2Y12, impedendo quindi l'attivazione piastrinica. Come conseguenza, l'aggregazione piastrinica (fra i cui meccanismi un ruolo primaziale gioca la maturazione di un'integrina legante il fibrinogeno, Gp IIb/IIIa) non può avere luogo.

Indicazioni[modifica | modifica sorgente]

Viene utilizzato nelle patologie dove c'è uno stato di ipercoagulabilità del sangue che può indurre gravi accidenti cardiovascolari (infarti miocardici, T.I.A., ictus cerebrali).

Confronto con l'aspirina[modifica | modifica sorgente]

Sia strutturalmente (tienopiridina) sia come meccanismo d'azione, è diversa dall'aspirina perché è un antagonista dei recettori adenosinici delle piastrine, che provoca l'inibizione del legame indotto da ADP, del fibrinogeno al recettore gp IIb/IIIa, con effetto irreversibile che si manifesta dopo 2-3 giorni.

Effetti collaterali[modifica | modifica sorgente]

La ticlopidina ha mostrato di avere un profilo di efficacia simile a quello dell'aspirina e sembrava estremamente promettente, soprattutto perché inizialmente mostrava una minor incidenza di sanguinamenti gastrointestinali rispetto all'ASA.

In realtà però, sorvegliando un maggior numero di pazienti e in uso cronico si sono manifestati quelli che sono gli effetti collaterali più insidiosi. Principalmente:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 12.10.2012 riferita al cloridrato
  2. ^ Ticlopidina Dorom.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]