Lovastatina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Lovastatina
Lovastatin.svg
Lovastatin spacefill.png
Nome IUPAC
(1S,3R,7S,8S,8aR)-8-{2-[(2R,4R)-4-hydroxy-6-oxooxan-2-yl]ethyl}-3,7-dimethyl-1,2,3,7,8,8a-hexahydronaphthalen-1-yl (2S)-2-methylbutanoate
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C24H36O5
Massa molecolare (u) 404.54 g/mol
Numero CAS [75330-75-5]
Codice ATC C10AA02
PubChem 53232
DrugBank APRD00370
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità 5 %
Legame proteico 95 %
Metabolismo Epatico (CYP3A4)
Emivita 1-1,5 ore
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302
Consigli P --- [1]

Lovastatina è un composto, un derivato sintetico di un prodotto di fermentazione di Aspergillus terreus, appartenente alla famiglia delle statine, che viene utilizzato in associazione alla dieta, all'esercizio fisico ed alla ricerca della perdita di peso per ridurre l'ipercolesterolemia, trattare le condizioni associate e prevenire la malattia cardiovascolare. La molecola appare come una polvere bianca, cristallina, insolubile in acqua e parzialmente solubile in etanolo e metanolo. Lovastatina è una sostanza naturale che si trova in alcuni alimenti come nel fungo ostrica (Pleurotus ostreatus conosciuto anche come orecchione),[2] e nel riso rosso fermentato (che acquisisce il colore grazie all'azione della muffa Monascus purpureus).[3] In Italia il farmaco è venduto dalla società farmaceutica Recordati con il nome commerciale Rextat nella formulazione di compresse da 10, 20 e 40 mg.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Compactina (mevastatina) e lovastatina, prodotti naturali con un potente effetto inibitorio sulla HMG-CoA reduttasi, sono stati scoperti nel 1970, e presto sviluppati come potenziali farmaci per abbassare il colesterolo LDL.[4][5] Nel 1982 vennero intrapresi alcuni studi clinici sulla lovastatina, un prodotto naturale, un derivato polichetide isolato da Aspergillus terreus, in pazienti ad altissimo rischio. Questi studi coinvolsero un numero molto limitato di pazienti ma misero in evidenza una notevole riduzione del colesterolo LDL, con pochissimi effetti collaterali. Dopo ulteriori studi sperimentali su animali, inerenti il profilo di sicurezza del farmaco, lovastatina non mostrò la tossicità che si pensava condividesse con mevastatina (compactina), pertanto gli studi clinici continuarono. Sperimentazioni su larga scala hanno confermato e ribadito l'efficacia di lovastatina. La tollerabilità osservata ha continuato ad essere eccellente, e lovastatina è stato approvata dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti nel 1987. Lovastatina alla dose massima raccomandata di 80 mg al giorno è stata in grado di produrre una riduzione media del colesterolo LDL del 40%, una riduzione molto maggiore di quanto poteva essere ottenuto con qualsiasi altro trattamento del tempo. Il farmaco inoltre produceva pochissimi effetti collaterali e risultava molto semplice nella sua assunzione ai pazienti. Questi aspetti lo resero rapidamente popolare ed accettato sia dai medici che dai pazienti. La ricerca scientifica ha messo in evidenza che lovastatina è anche prodotta naturalmente da alcuni funghi superiori, come ad esempio Pleurotus ostreatus (fungo ostrica) e da altri funghi appartenenti a Pleurotus spp.[6]
Gli studi effettuati sugli effetti del fungo ostrica e dei suoi estratti sui livelli di colesterolo negli animali da laboratorio è stata piuttosto ampia,[7][8][9][10][11][12][13][14][15][16][17] anche se un reale effetto è stato dimostrato in un numero molto limitato di soggetti umani.

Farmacodinamica[modifica | modifica sorgente]

Lovastatina fa parte della famiglia delle statine (o vastatine), e come queste ha un'azionedi inibizione selettiva e competitiva dell'enzima HMG-CoA reduttasi (3-idrossi-3-metiglutaril coenzima A reduttasi). Questo enzima è deputato alla conversione di 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A in mevalonato. Questa conversione è una reazione precoce e limitante la biosintesi del colesterolo di cui mevalonato è un precursore fondamentale.
Il principale organo bersaglio su cui agisce lovastatina per ridurre le concentrazioni di colesterolo è il fegato. Il colesterolo–LDL, come documentato in molti studi clinici, è coinvolto nella aterogenesi. Studi epidemiologici hanno chiarito che concentrazioni elevate di colesterolo–LDL e basse di colesterolo–HDL rappresentano fattori di rischio indipendenti per la cardiopatia coronarica. Le lipoproteine a bassa densità (LDL) si formano a partire dalle VLDL e sono catabolizzate in particolare dal recettore ad alta affinità per le LDL. Il farmaco provoca un aumento del numero dei recettori per le LDL sulla superficie degli epatociti, ed a questo consegue perciò un incremento della captazione e del catabolismo di queste lipoproteine. La molecola agisce inoltre inibendo la sintesi epatica delle VLDL, riducendo in sostanza il numero totale di lipoproteine appartenenti ad entrambe le classi, VLDL ed LDL.
Studi clinici hanno evidenziato che lovastatina riduce le concentrazioni di colesterolo VLDL con un aumento del catabolismo del colesterolo LDL. Anche l’apolipoproteina B diminuisce in modo deciso durante il trattamento con lovastatina, mentre si assiste ad un incremento variabile del colesterolo HDL e ad una riduzione dei trigliceridi plasmatici. Nel complesso queste modificazioni comportano una riduzione dei rapporti tra colesterolo totale e colesterolo HDL così come tra colesterolo LDL e colesterolo HDL.

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

Dopo somministrazione per via orale lovastatina è discretamente assorbita dal tratto gastroenterico (studi sperimentali sugli animali hanno dimostrato che l’assorbimento di lovastatina assunta per via orale è circa il 30% rispetto alla via intravenosa). Nell'organismo umano il farmaco subisce un estensivo processo di estrazione primaria da parte della ghiandola epatica. Va ricordato che la molecola è un lattone inattivo la cui idrolisi, che ha luogo principalmente nel fegato, comporta la trasformazione nella corrispondente forma β–idrossiacido (β–idrossi–lovastatina), un inibitore estremamente potente della HMG-CoA reduttasi. L’entità dell'estrazione epatica dipende dal flusso ematico a livello del fegato. In ogni caso mediamente la biodisponibilità del derivato beta-idrossiacido nella circolazione sistemica dopo assunzione orale è risultata bassa ed inferiore al 5% della dose somministrata. La concentrazione plasmatica massima (Cmax) degli inibitori attivi viene raggiunta dopo circa 1-5 ore (Tmax) dalla somministrazione (i parametri farmacocinetici sono molto variabili, anche a seconda del dosaggio utilizzato).[18][19]
Lovastatina raggiunge elevate concentrazioni nel fegato ed a questo livello subisce una marcata metabolizzazione (ad opera del citocromo P450 isoenzima CYP3A4) per effetto di primo passaggio. I metaboliti sono successivamente escreti per via biliare. Il legame con le proteine plasmatiche di lovastatina e del β–idrossiacido è superiore al 95%. Studi sperimentali con farmaco radiomarcato hanno evidenziato che dopo una singola dose orale lovastatina viene escreta, nel giro di 96 ore, per il 10% nelle urine e per l' 83% nelle feci (la quota fecale comprende il medicinale assorbito ed escreto nella bile e quello non assorbito) Lovastatina passa la barriera ematoencefalica e placentare.

Tossicologia[modifica | modifica sorgente]

La DL50 nel topo a seguito di somministrazione orale è superiore a 20 g/kg.

Usi clinici[modifica | modifica sorgente]

Lovastatina trova utilizzo nell'adulto affetto da ipercolesterolemia primaria, ipercolesterolemia familiare eterozigote o iperlipemia mista (tipo IIa e IIb secondo la classificazione di Fredrickson) in associazione alla dieta per ridurre i livelli elevati di colesterolo totale, colesterolo LDL, apolipoproteina B e trigliceridi. Il trattamento deve essere iniziato quando la risposta alla dieta e altre misure non farmacologiche sia risultata insoddisfacente. Lovastatina è stata anche autorizzata per la prevenzione degli eventi cardiovascolari maggiori (ad esempio infarto del miocardio) in pazienti a rischio elevato di insorgenza di un primo evento cardiovascolare (malattia aterosclerotica cardiovascolare manifesta o diabete mellito), così come terapia aggiuntiva alla correzione di altri fattori di rischio.

Effetti collaterali ed indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Gli effetti avversi che si registrano in corso di trattamento sono generalmente lievi e transitori.

Tipi di reazioni Comuni (>1/100, <1/10) Non comuni (>1/1.000, <1/100) Rare (>1/10.000, <1/1.000) Molto rare (<1/10.000) Frequenza non nota
Patologie gastrointestinali
  • Dolore addominale
  • Stipsi
  • Diarrea
  • Dispepsia
  • Meteorismo
  • Nausea
  • Secchezza delle fauci
  • Reflusso esofageo
  • Vomito
  • Bruciore di stomaco
Patologie del sistema muscoloscheletrico
e del tessuto connettivo
  • Crampi muscolari
  • Mialgia
  • Artralgia
  • Miopatia
  • Rabdomiolisi
Patologie del sistema nervoso
Disturbi psichiatrici
Patologie cutanee e del tessuto sottocutaneo
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche
  • Malattia interstiziale polmonare
Patologie dell'occhio
  • Visione alterata
  • Irritazione oculare
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella
  • Ginecomastia
  • Perdita della libido
  • Disfunzione sessuale

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Lovastatina è controindicata nei soggetti con ipersensibilità nota al principio attivo oppure ad uno qualsiasi degli eccipienti della formulazione farmaceutica. È anche controindicata in presenza di malattie epatiche, in persone che hanno abusato di alcol, nei soggetti con innalzamento inspiegabile delle transaminasi e nei soggetti affetti da miopatia. Il farmaco non deve essere assunto dalle donne in gravidanza e nelle donne che allattano al seno oppure che sono in età fertile ma non ricorrono ad adeguate misure contraccettive.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica sorgente]

Lovastatina viene assunta per via orale, in singola somministrazione, meglio se la sera e con un pasto. Nel caso di prescrizione da parte del medico di due assunzioni al giorno, il farmaco va assunto a colazione e a cena. Prima di dare inizio alla terapia il paziente deve aver già iniziato una dieta standard ipocolesterolemica, la quale deve proseguire durante il trattamento farmacologico. Adeguamenti del dosaggio possono essere fatti dopo un adeguato intervallo di tempo (in genere almeno 4 settimane).

  • Ipercolesterolemia primaria e iperlipemia mista

La maggior parte dei soggetti può iniziare la terapia con 10 mg al giorno.

  • Ipercolesterolemia che non risponde alla sola dieta in pazienti con cardiopatia ischemica.

Nei soggetti con cardiopatia ischemica, la dose iniziale è di 20 mg al giorno, in singola somministrazione, preferibilmente la sera durante il pasto. Per gli adeguamenti del dosaggio è necessario attendere almeno 4 settimane di terapia. Il dosaggio massimo utilizzabile è di 80 mg al giorno, in dose singola serale oppure suddiviso in due assunzioni, una al mattino a colazione e l’altra la sera a cena.

Interazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Inibitori del CYP3A4 (itraconazolo, ketoconazolo, eritromicina, claritromicina, telitromicina, inibitori delle HIV proteasi, nefazodone, ciclosporina, succo di pompelmo): queste sostanze riducono la clearance plasmatica di lovastatina e perciò ne aumentano il rischio di miopatia.
  • Ipolipemizzanti (gemfibrozil, fibrati, niacina/acido nicotinico): questi farmaci sono in grado di indurre miopatia già in monosomministrazioneed il rischio è marcatamente aumentato dalla terapia di associazione con lovastatina.
  • Amiodarone o verapamil: l’uso concomitante di lovastatina e questi antiaritmici determina un aumentato rischio di miopatia e/o rabdomiolisi.
  • Warfarin e anticoagulanti cumarinici: la co-assunzione di lovastatina può alterare il tempo di protrombina e l'indice INR. Si devono eseguire controlli perioidici di questi valori. Una volta che il tempo di protrombina si è stabilizzato, lo schema dei controlli deve seguire quello normalmente indicato per l'anticoagulante utilizzato.
  • Propranololo, digossina, ipoglicemizzanti orali: gli studi effettuati non hanno riscontrato interazioni farmacocinetiche degne di nota.

Gravidanza ed allattamento[modifica | modifica sorgente]

La somministrazione di lovastatina è controindicata in donne che sono in stato di gravidanza. Nelle donne in età fertile si consiglia prima della prescrizione l'esecuzione di un test di gravidanza, quindi di associare alla terapia con lovastatina delle valide misure contraccettive. Il farmaco riduce la sintesi di colesterolo, molecola fondamentale per la sintesi di steroidi e delle membrane cellulari, elementi essenziali per lo sviluppo fetale. Il profilo di tossicità nelle donne in gravidanza non è stato indagato sufficientemente, ma il rischio potenziale che deriva dall’inibizione dell’HMG-CoA reduttasi appare superiore ai vantaggi attesi del trattamento durante tale periodo. Infatti l’aterosclerosi è un processo cronico e ragionevolmente l’interruzione del trattamento con statina durante la gravidanza dovrebbe avere un impatto molto limitato sul rischio a lungo termine correlato all'ipercolesterolemia primaria. Qualora, durante il trattamento con lovastatina, venisse diagnosticata una gravidanza, la terapia con la statina deve essere immediatamente sospesa.

Non ci sono dati certi sulla possibile escrezione di lovastatina e/o dei suoi metaboliti nel latte materno umano. Poiché colesterolo e gli altri derivati della biosintesi del colesterolo, inibiti dal farmaco, sono essenziali, a fini precauzionali per non esporre a potenziale tossicità i neonati, l'allattamento al seno durante la terapia farmacologica non è raccomandato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 21.02.2013
  2. ^ N. Gunde-Cimerman, A. Cimerman, Pleurotus fruiting bodies contain the inhibitor of 3-hydroxy-3-methylglutaryl-coenzyme A reductase-lovastatin. in Exp Mycol, vol. 19, nº 1, marzo 1995, pp. 1-6, PMID 7614366.
  3. ^ J. Liu, J. Zhang; Y. Shi; S. Grimsgaard; T. Alraek; V. Fønnebø, Chinese red yeast rice (Monascus purpureus) for primary hyperlipidemia: a meta-analysis of randomized controlled trials. in Chin Med, vol. 1, 2006, p. 4, DOI:10.1186/1749-8546-1-4, PMID 17302963.
  4. ^ Vederas JC, Moore RN, Bigam G, Chan KJ, Biosynthesis of the hypocholesterolemic agent mevinolin by Aspergillus terreus. Determination of the origin of carbon, hydrogen and oxygen by 13C NMR and mass spectrometry in J Am Chem Soc, vol. 107, nº 12, 1985, pp. 3694–701, DOI:10.1021/ja00298a046.
  5. ^ AW. Alberts, J. Chen; G. Kuron; V. Hunt; J. Huff; C. Hoffman; J. Rothrock; M. Lopez; H. Joshua; E. Harris; A. Patchett, Mevinolin: a highly potent competitive inhibitor of hydroxymethylglutaryl-coenzyme A reductase and a cholesterol-lowering agent. in Proc Natl Acad Sci U S A, vol. 77, nº 7, luglio 1980, pp. 3957-61, PMID 6933445.
  6. ^ P. Bobek, L. Ozdín; S. Galbavý, Dose- and time-dependent hypocholesterolemic effect of oyster mushroom (Pleurotus ostreatus) in rats. in Nutrition, vol. 14, nº 3, marzo 1998, pp. 282-6, PMID 9583372.
  7. ^ S. Hossain, M. Hashimoto; EK. Choudhury; N. Alam; S. Hussain; M. Hasan; SK. Choudhury; I. Mahmud, Dietary mushroom (Pleurotus ostreatus) ameliorates atherogenic lipid in hypercholesterolaemic rats. in Clin Exp Pharmacol Physiol, vol. 30, nº 7, luglio 2003, pp. 470-5, PMID 12823261.
  8. ^ P. Bobek, S. Galbavý, Hypocholesterolemic and antiatherogenic effect of oyster mushroom (Pleurotus ostreatus) in rabbits. in Nahrung, vol. 43, nº 5, ottobre 1999, pp. 339-42, DOI:10.1002/(SICI)1521-3803(19991001)43:5339::AID-FOOD3393.0.CO;2-5, PMID 10555301.
  9. ^ L. Opletal, L. Jahodár; V. Chobot; P. Zdanský; J. Lukes; M. Brátová; D. Solichová; G. Blunden; CG. Dacke; AV. Patel, Evidence for the anti-hyperlipidaemic activity of the edible fungus Pleurotus ostreatus. in Br J Biomed Sci, vol. 54, nº 4, dicembre 1997, pp. 240-3, PMID 9624732.
  10. ^ M. Bajaj, S. Vadhera; AP. Brar; GL. Soni, Role of oyster mushroom (Pleurotus florida) as hypocholesterolemic/antiatherogenic agent. in Indian J Exp Biol, vol. 35, nº 10, ottobre 1997, pp. 1070-5, PMID 9475042.
  11. ^ P. Bobek, L. Ozdín; L. Kuniak; M. Hromadová, [Regulation of cholesterol metabolism with dietary addition of oyster mushrooms (Pleurotus ostreatus) in rats with hypercholesterolemia]. in Cas Lek Cesk, vol. 136, nº 6, marzo 1997, pp. 186-90, PMID 9221192.
  12. ^ P. Bobek, L. Ozdín; L. Kuniak, Effect of oyster mushroom (Pleurotus Ostreatus) and its ethanolic extract in diet on absorption and turnover of cholesterol in hypercholesterolemic rat. in Nahrung, vol. 40, nº 4, agosto 1996, pp. 222-4, PMID 8810086.
  13. ^ P. Bobek, O. Ozdín; M. Mikus, Dietary oyster mushroom (Pleurotus ostreatus) accelerates plasma cholesterol turnover in hypercholesterolaemic rat. in Physiol Res, vol. 44, nº 5, 1995, pp. 287-91, PMID 8869262.
  14. ^ P Bobek, Ozdin L, Kuniak L, The effect of oyster mushroom (Pleurotus ostreatus), its ethanolic extract and extraction residues on cholesterol levels in serum, lipoproteins and liver of rat in Nahrung, vol. 39, nº 1, 1995, pp. 98–9, DOI:10.1002/food.19950390113, PMID 7898579.
  15. ^ P Bobek, Ozdin L, Kuniak L, Mechanism of hypocholesterolemic effect of oyster mushroom (Pleurotus ostreatus) in rats: reduction of cholesterol absorption and increase of plasma cholesterol removal in Z Ernahrungswiss, vol. 33, nº 1, marzo 1994, pp. 44–50, DOI:10.1007/BF01610577, PMID 8197787.
  16. ^ V Chorváthová, Bobek P, Ginter E, Klvanová J, Effect of the oyster fungus on glycaemia and cholesterolaemia in rats with insulin-dependent diabetes in Physiol Res, vol. 42, nº 3, 1993, pp. 175–9, PMID 8218150.
  17. ^ P Bobek, Ginter E, Jurcovicová M, Kuniak L, Cholesterol-lowering effect of the mushroom Pleurotus ostreatus in hereditary hypercholesterolemic rats in Ann. Nutr. Metab., vol. 35, nº 4, 1991, pp. 191–5, DOI:10.1159/000177644, PMID 1897899.
  18. ^ SL. Bramer, J. Brisson; AE. Corey; S. Mallikaarjun, Effect of multiple cilostazol doses on single dose lovastatin pharmacokinetics in healthy volunteers. in Clin Pharmacokinet, 37 Suppl 2, 1999, pp. 69-77, PMID 10702889.
  19. ^ JD. Rogers, J. Zhao; L. Liu; RD. Amin; KD. Gagliano; AG. Porras; RA. Blum; MF. Wilson; M. Stepanavage; JM. Vega, Grapefruit juice has minimal effects on plasma concentrations of lovastatin-derived 3-hydroxy-3-methylglutaryl coenzyme A reductase inhibitors. in Clin Pharmacol Ther, vol. 66, nº 4, ottobre 1999, pp. 358-66, DOI:10.1053/cp.1999.v66.a101208, PMID 10546919.