Nifedipina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Nifedipina
Nifedipine.svg
Nome IUPAC
dimetil 2,6-dimetil-4-(2-nitrofenil)-1,4-diidropiridina-3,5-dicarbossilato
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C17H18N2O6
Massa molecolare (u) 346.335 g/mol
Numero CAS [21829-25-4]
DrugBank APRD00590
Dati farmacologici
Modalità di
somministrazione
Orale
Dati farmacocinetici
Emivita 2 ore
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302
Consigli P ---[1]

La nifedipina è un farmaco antiipertensivo appartenente alla classe farmacologica dei calcio antagonisti e alla classe chimica delle 1-4 diidropiridine. Simile alla nicardipina, è il principio attivo di indicazione specifica contro l’ipertensione. Il farmaco ha una influenza maggiore rispetto agli altri calcioantagonisti sulla dilatazione delle arterie, per questo motivo nifedipina risulta consigliata per il trattamento di breve durata contro alcuni tipi di angina ed in particolare nella angina pectoris vasospastica (od angina di Prinzmetal).[2] In Italia il farmaco è venduto dalla società farmaceutica Bayer con il nome commerciale Adalat. Essendo scaduto da tempo il brevetto nifedipina è venduta anche come medicinale equivalente da numerose altre società farmaceutiche. È disponibile nella forma farmaceutica di capsule molli, soluzione per gocce orali e compresse a rilascio modificato. Quest'ultima formulazione prevede la presenza di un foro eseguito nella membrana della compressa stessa con tecnologia laser: questo foro che ruotando la compressa risulta visibile come un piccolo punto di colore bruno in alcune particolari posizioni, consente un rilascio controllato e costante del principio attivo, tra l'altro con benefici sia nel trattamento dell'ipertensione che dell'angina pectoris.[3]

Farmacodinamica[modifica | modifica sorgente]

Nifedipina è un calcio-antagonista appartenente alla classe delle 1,4 - diidropiridine. La molecola differisce da altri calcio antagonisti (ad esempio la nimodipina) per la sua particolare attività sulle cellule muscolari lisce delle arterie coronarie[4] così come su quelle dei vasi di resistenza periferici. Legandosi ai canali del Ca++ lenti della membrana plasmatica nifedipina blocca l’afflusso transmembrana del catione all'interno della cellula. Grazie a questa sua azione nifedipina dilata le arterie coronarie riducendone il tono della muscolatura liscia vascolare prevenendone il vasospasmo.[5] Il risultato finale è l’aumento del flusso ematico nei segmenti stenotici ed il conseguente incremento d’apporto di ossigeno. Nifedipina inoltre riduce il tono della muscolatura liscia vascolare delle arteriole periferiche, riducendo così le resistenze periferiche, e, quindi, la pressione arteriosa.[6] La riduzione delle resistenze periferiche (postcarico) comporta una riduzione della richiesta di O2 del miocardio.[7][8] Il farmaco ha dimostrato di aumentare l’escrezione di sodio ed acqua sia nell’utilizzo a breve termine che in quello a lungo termine. Inoltre è anche in grado di prevenire lo sviluppo di nuove lesioni aterosclerotiche a carico delle coronarie.[9]

Farmacocinetica[modifica | modifica sorgente]

Dopo somministrazione orale nifedipina viene ampiamente assorbita dal tratto gastrointestinale. La quota di farmaco assorbito è superiore al 90%. Il farmaco subisce un intenso effetto di primo passaggio a carico del fegato il che si traduce in una biodisponibilità compresa tra il 50% ed il 77%.[10][11] La concentrazione plasmatica massima (Cmax) è pari a circa 60 ng/ml e la Tmax è di circa 5,5 ore. Il tempo di dimezzamento (T½) è intorno alle 9-10 ore. Nifedipina si lega alle proteine plasmatiche per il 95%, particolarmente alla albumina. Nifedipina viene metabolizzata nel fegato ed a livello della parete intestinale attraverso processi ossidativi che danno luogo a metaboliti farmacologicamente inattivi. Il metabolismo epatico vede il coinvolgimento del sistema del citocromo P-450. Il farmaco viene escreto nei suoi metaboliti soprattutto per via renale e, per una piccola quota non superiore al 5-15%, attraverso la bile con le feci. Nelle urine è possibile ritrovare il principio attivo immodificato soltanto in tracce. I soggetti affetti da cirrosi epatica mostrano una biodisponibilità superiore a quella dei soggetti sani.[12] L’insufficienza renale non sembra invece alterare in modo significativo il profilo farmacocinetico della nifedipina.[13][14]

Usi clinici[modifica | modifica sorgente]

Nifedipina è utilizzata come medicinale in cardiologia nella cardiopatia ischemica e soprattutto nel trattamento dell'ipertensione arteriosa.[15][16] Il farmaco si è dimostrato valido nel trattamento di alcune forme di angina pectoris,[15][17][18][19] e del fenomeno di Raynaud.[20][21][22][23] Un'altra indicazione è costituita dalla terapia della minaccia di parto prematuro (tocolisi).[24][25][26] In letteratura esistono anche studi che evidenziano l'efficacia di nifedipina nella profilassi e nella terapia dell'edema polmonare acuto da alta quota.[27][28]

Controindicazioni[modifica | modifica sorgente]

Il farmaco è controindicato nei soggetti con ipersensibilità nota al principio attivo. Ne va evitato l'utilizzo anche in caso di shock cardiogeno e nelle donne in stato di gravidanza o che allattino al seno. In gravidanza una eccezione d'utilizzo è rappresentata dalle situazioni di emergenza ipertensiva, come ad esempio in caso di eclampsia, sotto la responsabilità e lo stretto controllo del medico, oppure in caso di minaccia di parto prematuro.

Effetti indesiderati[modifica | modifica sorgente]

Alcuni degli effetti indesiderati sono letargia, cefalea, edema, vertigini, nausea, tachicardia, palpitazioni, vampate, impotenza, ginecomastia, pollachiuria, diarrea, mialgia, dolore oculare, gengivopatia ipertrofica-iperplastica.

Dosi terapeutiche[modifica | modifica sorgente]

  • Trattamento dell'ipertensione: 20 mg di nifedipina (una capsula) 2 volte al dì, in genere mattino e sera. Se si utilizzano compresse a rilascio controllato (RC) il dosaggio usuale è di 30 mg una volta al dì.

In alcuni casi può essere necessario incrementare gradualmente la dose, in base alla risposta individuale, fino ad un dosaggio massimo di 120 mg/die quando si utilizzano le capsule e di 60 mg una volta al giorno per le compresse RC.

  • Trattamento dell'angina pectoris stabile: 20 mg di nifedipina (una capsula) 2 volte al dì oppure nifedipina 30 mg nella forma di compresse a rilascio controllato (RC) una volta al dì. Anche in questo caso il dosaggio può essere gradualmente aumentato fino ad un dosaggio massimo di 120 mg/die.
  • Trattamento del fenomeno di Raynaud: 5 mg 3 volte al giorno, fino ad un dosaggio massimo di 20 mg 3 volte al giorno.
  • Trattamento della minaccia di parto prematuro: 10 mg ogni 15 minuti per la prima ora fino alla cessazione delle contrazioni. A seguire 60–160 mg al giorno in relazione alle eventuali ulteriori contrazioni uterine.

Sovradosaggio[modifica | modifica sorgente]

Nei soggetti con grave intossicazione da nifedipina è possibile verificare la presenza di alterazioni dello stato di coscienza che possono giungere fino al coma, marcata ipotensione arteriosa, alterazioni del ritmo cardiaco ( bradicardia oppure tachicardia ), iperglicemia, acidosi metabolica, shock cardiogeno ed edema polmonare.

Interazioni[modifica | modifica sorgente]

Il paziente deve essere avvisato che è bene assumere nifedipina a stomaco vuoto e che la contemporanea assunzione di succo di pompelmo interferisce con il metabolismo ossidativo della nifedipina, inibendolo. Ne consegue un aumento della concentrazione plasmatica del farmaco con possibile maggiore effetto antiipertensivo.[29][30][31] Verosimilmente alla base di tale interazione sono coinvolti diversi possibili meccanismi, compresa una riduzione di attività dell'isoenzima CYP3A4.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 04.10.2012
  2. ^ F. Camerini, PF. Angelino; P. Bobba; G. Caturelli; A. Cherchi; CA. Giovannelli; GC. Maggi, Nifedipine in angina pectoris. A multicentric clinical trial. in G Ital Cardiol, vol. 4, nº 5, 1974, pp. 575-82, PMID 4215688.
  3. ^ KF. Croom, K. Wellington, Modified-release nifedipine: a review of the use of modified-release formulations in the treatment of hypertension and angina pectoris. in Drugs, vol. 66, nº 4, 2006, pp. 497-528, PMID 16597165.
  4. ^ WK. Raff, F. Kosche; W. Lochner, [Studies on nifedipine, a coronary vasodilator agent with rapid sublingual effects]. in Arzneimittelforschung, vol. 22, nº 1, Jan 1972, pp. 33-9, PMID 5066995.
  5. ^ F. Kosche, WK. Raff; W. Lochner, [The mechanism of coronary dilatating action of nifedipine]. in Arzneimittelforschung, vol. 22, nº 1, Jan 1972, pp. 39-42, PMID 5066996.
  6. ^ M. Murakami, E. Murakami; N. Takekoshi; M. Tsuchiya; T. Kin, Antihypertensive effect of (4-2'-nitrophenyl)-2,6-dimethyl-1,4-dihydropyridine-3,5-dicarbonic acid dimethylester (Nifedipine, Bay-a 1040), a new coronary dilator. in Jpn Heart J, vol. 13, nº 2, Mar 1972, pp. 128-35, PMID 4537344.
  7. ^ I. Assmann, P. Dittrich; H. Schwela; H. Fiehring, [Clinico-pharmacological studies with Nifedipine--a new coronary substance]. in Z Gesamte Inn Med, vol. 30, nº 17, Sep 1975, pp. 575-9, PMID 1224731.
  8. ^ JH. Atterhög, LG. Ekelund; AL. Melin, Effect of nifedipine on exercise tolerance in patients with angina pectoris. in Eur J Clin Pharmacol, vol. 8, nº 2, Feb 1975, pp. 125-30, PMID 786677.
  9. ^ W. Vater, G. Kroneberg; F. Hoffmeister; H. Saller; K. Meng; A. Oberdorf; W. Puls; K. Schlossmann; K. Stoepel, [Pharmacology of 4-(2'-nitrophenyl)-2,6-dimethyl-1,4-dihydropyridine-3,5-dicarboxylic acid dimethyl ester (Nifedipine, BAY a 1040)]. in Arzneimittelforschung, vol. 22, nº 1, Jan 1972, pp. 1-14, PMID 4622472.
  10. ^ TS. Foster, SR. Hamann; VR. Richards; PJ. Bryant; DA. Graves; RG. McAllister, Nifedipine kinetics and bioavailability after single intravenous and oral doses in normal subjects. in J Clin Pharmacol, vol. 23, nº 4, Apr 1983, pp. 161-70, PMID 6863580.
  11. ^ M. Chung, DP. Reitberg; M. Gaffney; W. Singleton, Clinical pharmacokinetics of nifedipine gastrointestinal therapeutic system. A controlled-release formulation of nifedipine. in Am J Med, vol. 83, 6B, Dec 1987, pp. 10-4, PMID 3503594.
  12. ^ CH. Kleinbloesem, J. van Harten; JP. Wilson; M. Danhof; P. van Brummelen; DD. Breimer, Nifedipine: kinetics and hemodynamic effects in patients with liver cirrhosis after intravenous and oral administration. in Clin Pharmacol Ther, vol. 40, nº 1, Jul 1986, pp. 21-8, PMID 3720176.
  13. ^ M. Eichelbaum, Clinical pharmacokinetics of calcium ion antagonists. in Clin Invest Med, vol. 3, 1-2, 1980, pp. 13-7, PMID 7471537.
  14. ^ KD. Raemsch, J. Sommer, Pharmacokinetics and metabolism of nifedipine. in Hypertension, vol. 5, 4 Pt 2, pp. II18-24, PMID 6862586.
  15. ^ a b C. Sierra, A. Coca, The ACTION study: nifedipine in patients with symptomatic stable angina and hypertension. in Expert Rev Cardiovasc Ther, vol. 6, nº 8, Sep 2008, pp. 1055-62, DOI:10.1586/14779072.6.8.1055, PMID 18793108.
  16. ^ JA. Kragten, PH. Dunselman, Nifedipine Gastrointestinal Therapeutic System (GITS) in the treatment of coronary heart disease and hypertension. in Expert Rev Cardiovasc Ther, vol. 5, nº 4, Jul 2007, pp. 643-53, DOI:10.1586/14779072.5.4.643, PMID 17605643.
  17. ^ PA. Poole-Wilson, J. Lubsen; BA. Kirwan; FJ. van Dalen; G. Wagener; N. Danchin; H. Just; KA. Fox; SJ. Pocock; TC. Clayton; M. Motro, Effect of long-acting nifedipine on mortality and cardiovascular morbidity in patients with stable angina requiring treatment (ACTION trial): randomised controlled trial. in Lancet, vol. 364, nº 9437, pp. 849-57, DOI:10.1016/S0140-6736(04)16980-8, PMID 15351192.
  18. ^ SA. Doggrell, Has the controversy over the use of calcium channel blockers in coronary artery disease been resolved? in Expert Opin Pharmacother, vol. 6, nº 5, maggio 2005, pp. 831-4, DOI:10.1517/14656566.6.5.831, PMID 15934908.
  19. ^ H. Shimokawa, [ACTION study: efficacy of nifedipine in preventing cardiovascular disease in patients with coronary artery disease]. in Drugs, 66 Spec No 1, 2006, pp. 10-2, PMID 18200771.
  20. ^ Nifedipine for Raynaud's phenomenon. in Lancet, vol. 1, nº 8316, Jan 1983, p. 130, PMID 6129447.
  21. ^ EH. Pierce, RD. Valle; J. Wielenga, Raynaud's disease and nifedipine. in Ann Intern Med, vol. 98, nº 1, Jan 1983, p. 111, PMID 6848031.
  22. ^ A. Kahan, S. Weber; B. Amor; L. Saporta; M. Hodara; M. Degeorges, Nifedipine and Raynaud's phenomenon. in Ann Intern Med, vol. 94, 4 pt 1, Apr 1981, p. 546, PMID 7212523.
  23. ^ Comparison of sustained-release nifedipine and temperature biofeedback for treatment of primary Raynaud phenomenon. Results from a randomized clinical trial with 1-year follow-up. in Arch Intern Med, vol. 160, nº 8, Apr 2000, pp. 1101-8, PMID 10789602.
  24. ^ U. Ulmsten, KE. Andersson; L. Wingerup, Treatment of premature labor with the calcium antagonist nifedipine. in Arch Gynecol, vol. 229, nº 1, Jan 1980, pp. 1-5, PMID 7362274.
  25. ^ JF. King, VJ. Flenady; DN. Papatsonis; GA. Dekker; B. Carbonne, Calcium channel blockers for inhibiting preterm labour. in Cochrane Database Syst Rev, nº 1, 2003, pp. CD002255, DOI:10.1002/14651858.CD002255, PMID 12535434.
  26. ^ A. Conde-Agudelo, R. Romero; JP. Kusanovic, Nifedipine in the management of preterm labor: a systematic review and metaanalysis. in Am J Obstet Gynecol, vol. 204, nº 2, Feb 2011, pp. 134.e1-20, DOI:10.1016/j.ajog.2010.11.038, PMID 21284967.
  27. ^ R. Deshwal, M. Iqbal; S. Basnet, Nifedipine for the treatment of high altitude pulmonary edema. in Wilderness Environ Med, vol. 23, nº 1, Mar 2012, pp. 7-10, DOI:10.1016/j.wem.2011.10.003, PMID 22441082.
  28. ^ XB. Mou, SZ. Li; YQ. Gao; FY. Liou; GL. Ye; HY. Tang; XB. Zhou; GL. Cheng, [Hemodynamic effects of aminophylline and nifedipine in patients with high altitude pulmonary edema]. in Zhongguo Ying Yong Sheng Li Xue Za Zhi, vol. 20, nº 1, Feb 2004, pp. 58-60, PMID 21162310.
  29. ^ DG. Bailey, JD. Spence; C. Munoz; JM. Arnold, Interaction of citrus juices with felodipine and nifedipine. in Lancet, vol. 337, nº 8736, Feb 1991, pp. 268-9, PMID 1671113.
  30. ^ P. Odou, N. Ferrari; C. Barthélémy; S. Brique; M. Lhermitte; A. Vincent; C. Libersa; H. Robert, Grapefruit juice-nifedipine interaction: possible involvement of several mechanisms. in J Clin Pharm Ther, vol. 30, nº 2, Apr 2005, pp. 153-8, DOI:10.1111/j.1365-2710.2004.00618.x, PMID 15811168.
  31. ^ M. Ohtani, S. Kawabata; S. Kariya; K. Uchino; K. Itou; H. Kotaki; K. Kasuyama; A. Morikawa; I. Seo; N. Nishida, [Effect of grapefruit pulp on the pharmacokinetics of the dihydropyridine calcium antagonists nifedipine and nisoldipine]. in Yakugaku Zasshi, vol. 122, nº 5, maggio 2002, pp. 323-9, PMID 12040751.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • British National Formulary, Guida all’uso dei farmaci, 4ª Edizione, Lavis, Agenzia Italiana del Farmaco, 2007.
  • Lusofarmaco, Farmabank 2006, Salerno, momento medico, 2005.
  • Aldo Zangara, Terapia medica ragionata delle malattie del cuore e dei vasi, Padova, Piccin, 2000, ISBN 88-299-1501-7.
  • Guideline Compendium, Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, RCOG Press, 2006.