Grande circolazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Si intende per grande circolazione, o circolazione sistemica, quella parte dell'apparato circolatorio che ha il compito di inviare il sangue (già ossigenato per mezzo della piccola circolazione e ricco di sostanze nutritive raccolte dalla pareti intestinali) a tutti i tessuti.

Anatomia nei mammiferi ed uccelli[modifica | modifica sorgente]

Dall'atrio sinistro del cuore il sangue, già ricco di ossigeno, come si è detto, viene spinto nel sottostante ventricolo sinistro e da esso mediante una forte contrazione, detta sistole, nell'aorta e poi in tutti i distretti corporei.

Attraverso una diramazione dell'aorta si porta prima alle pareti intestinali dove si arricchisce anche delle sostanze nutritizie utili ai vari tessuti irrorati e poi, giunto ad essi, cede queste ultime, insieme all' ossigeno, e raccoglie le sostanze di rifiuto (cataboliti) dai tessuti stessi. Un esempio di irrorazione di un organo importante può essere quello del fegato al quale il sangue giunge, dopo aver irrorato l'intestino, tramite la vena porta (sistema porta - epatico), e dal quale esce, dopo aver raccolto altre importanti sostanze utili al metabolismo cellulare, tramite le vene epatiche che sboccano ancora nel grande circolo ma riportando il sangue al cuore (alla sua parte destra).

Dall' aorta addominale il sangue viene indirizzato verso l'apparato escretore dove viene filttrato dai reni ed infine, per mezzo della vena cava inferiore torna al cuore; ma questa volta all'atrio destro, dal quale passa nel sottostante ventricolo destro e da esso viene spinto (con un'altra sistole) verso i polmoni iniziando di nuovo la piccola circolazione. Una volta che quest' ultima si è compiuta il sangue ritorna all' atrio sinistro ed il ciclo ricomincia.

Anatomia nelle altre classi animali[modifica | modifica sorgente]

Come abbiamo visto nei mammiferi e gli uccelli la grande e piccola circolazione sono separate, essendo anche il cuore diviso in due parti (destra e sinistra) tra di loro non comunicanti. In altre classi di vertebrati, la grande e la piccola circolazione sono totalmente o parzialmente comunicanti a livello cardiaco:

  • Nei pesci sono totalmente comunicanti in quanto il cuore ha solo due vani: un atrio ed un ventricolo.
  • Negli anfibi e nei rettili si ha la separazione degli atri (che quindi sono due) ma il ventricolo è ancora unico.

A causa della Commistio sanguinis questi apparati sono di efficienza inferiore, rispetto a quelli degli uccelli ed i mammiferi, rispecchiando un più basso livello evolutivo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Padoa E., Manuale di anatomia comparata dei Vertebrati, Feltrinelli, Milano, 1969

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia