Nitroprussiato di sodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nitroprussiato di sodio
Struttura del nitroprussiato di sodio
Sodium-nitroprusside-2D.png
Nome IUPAC
pentacianonitrosilferrato (II) di disodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare Na2[Fe(CN)5NO] · 2H2O
Massa molecolare (u) 297,95 g/mol
Aspetto solido cristallino rosso
Numero CAS [13755-38-9]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1,71 (20 °C)
Solubilità in acqua 400 g/l (20 °C) (lenta decomposizione)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta

pericolo

Frasi H 301
Consigli P 301+310 [1]

Il nitroprussiato di sodio è un sale complesso di ferro (II) e sodio. A temperatura ambiente si presenta come un solido cristallino rosso inodore. È un composto tossico e potente vasodilatatore.

Farmacologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nitroprussiato sodico agisce come vasodilatatore su arteriole e, in maniera minore, sulle venule fungendo da donatore di monossido di azoto (NO). Per questa sua attività, come il diazossido, è somministrato per via endovenosa nei casi di emergenze ipertensive. Il meccanismo d'azione prevede la cessione diretta di NO, al contrario della Nitroglicerina dove la cessione di monossido d'azoto è operata da una reazione di ossidoriduzione con glutatione. L'NO poi attiva nelle cellule muscolari lisce la guanilato ciclasi che ciclizza il GTP a dare GMP ciclico. Il GMP ciclico (cGMP) quindi, tramite la protein chinasi cGMP-dipendente (PKG) stimola il movimento di calcio dal citoplasma al reticolo sarcoplasmatico diminuendo quindi la concentrazione di calcio citosolico a disposizione per la calmodulina e inducendo rilassamento muscolare. Il monossido d'azoto è un gas che, in vivo, presenta un'emivita molto breve, pertanto dopo essersi formato a partire dal nitroprussiato nel torrente circolatorio agisce nelle immediate vicinanze sulla muscolatura liscia vasale. Nel complesso, quindi, l'attività farmacologica del nitroprussiato è data dalla vasodilatazione a livello periferico di arteriole, vasi di resistenza, e delle venule, vasi di capacitanza. Ne derivano una diminuzione delle resistenze vascolari periferiche, quindi del postcarico, ed un minor ritorno venoso, quindi una riduzione del precarico. La somma di questi effetti comporta una marcata riduzione della pressione arteriosa.

Altri impieghi[modifica | modifica wikitesto]

Viene usato anche in anestesia generale per eseguire interventi in ipotensione controllata; è fotosensibile.

Il nitroprussiato sodico viene impiegato in chimica analitica, quale catalizzatore nella reazione di Berthelot, per la determinazione dello ione ammonio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 16.01.2012