Parametrite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Parametrite
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 614.4
ICD-10 (EN) N73.0-N73.2

La parametrite è una malattia infiammatoria infettiva della regione del bacino circostante l'utero, più precisamente nel parametrio e si distingue in anteriore, laterale o posteriore a seconda della localizzazione rispetto all'utero stesso[1].

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

La parametrite è provocata da batteri penetrati attraverso lesioni del canale genitale o attraverso le vie ematica e linfatica, soprattutto Staphilococcus Aureus, Streptococcus ed Escherichia coli[1]. Le forme croniche possono insorgere anche in assenza di infezione conclamata, anche in conseguenza di posizioni anomale dell'utero[1].

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

La malattia si manifesta con[1]:

Esami di laboratorio e strumentali[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi può essere effettuata mediante un esame ginecologico. La malattia entra in diagnosi differenziale con malattie infiammatorie proprio delle ovaie, delle tube di Falloppio e del cavo del Douglas[1].

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

La terapia si basa sulla somministrazione di antibiotici ad ampio spettro[1].

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

Le forme acute hanno una prognosi ottima, ma in taluni casi possono cronicizzare e dare disturbi persistenti in conseguenza di processi di sostituzione fibrosa[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Vaglio, pp. 476-7, 1983.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Zanoio, Ginecologia e ostetricia, Elsevier, 2007, ISBN 88-214-2730-7.
  • Nicola Vaglio, Ginecologia clinica, Padova, Piccin, 1983.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina