Interleuchina 1

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Proteina}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Interleuchina 1
Struttura chimica
Gene
HUGO IL1
Proteina

L'interleuchina 1 (IL-1) è una citochina secreta da vari tipi di cellule del sistema immunitario tra cui macrofagi, monociti e cellule dendritiche, ma anche da fibroblasti e cellule endoteliali. Deve il suo nome al fatto di essere stata la prima citochina a venire scoperta.

Questa proteina viene prodotta tra l'altro in risposta a infezioni batteriche (la sua produzione viene stimolata soprattutto dall' LPS, una endotossina dei batteri Gram negativi), alla presenza di TNF e dall'interazione delle cellule produttrici con linfociti T - CD4 positivi.

La IL-1 ha molteplici effetti a livello sia locale che generale nell'organismo tra cui quello di favorire processi infiammatori in risposta ad infezioni batteriche quali vasodilatazione, crampi e febbre. Inoltre stimola la produzione di prostaglandine da parte di vari tipi di cellule (muscolari, epiteliali, ecc), la produzione di altre citochine quali IL-2 e l'attivazione e il reclutamento di altre cellule del sistema immunitario.

Queste manifestazioni sono sintomo dell'attività di questa molecola: la vasodilatazione dei vasi sanguigni (per mezzo delle prostaglandine) favorisce la migrazione di cellule immunitarie quali macrofagi e linfociti verso il sito di infezione. Inoltre l'espressione di molecole di adesione nelle cellule dell'endotelio dei vasi sanguigni favorisce l'ancoraggio dei leucociti alle pareti dei vasi stessi e la loro migrazione verso i tessuti.

Un'altra capacità di queste chemochine è quella di contribuire ad attivare linfociti T helper e alla maturazione e all'espansione clonale (moltiplicazione di linfociti B in grado di riconoscere lo stesso antigene) dei linfociti B. In caso di infezione sistemica, l'interleuchina 1 agisce in maniera simile al TNF-alfa, stimolando la produzione nel fegato delle cosiddette proteine di fase acuta.

Oltre a stimolare processi infiammatori, l' IL-1 è in grado direttamente e autonomamente di stimolare la febbre, anche in assenza di altri stimoli (antigeni batterici), ed è per questo conosciuto come un pirogeno endogeno. Questa citochina si lega a recettori presenti nelle cellule endoteliali dell'ipotalamo e sembra essere in grado di "resettare" il suo centro termoregolatore facendo aumentare la temperatura del corpo provocando febbre. In queste condizioni la replicazione batterica e virale diminuisce mentre la risposta immunitaria diviene più efficiente.

Sono stati identificati finora diversi tipi di IL-1 tra cui:

  • IL1 alfa
  • IL1 beta

Queste due classi hanno attività simili ma strutture diverse, e infatti sono codificate da geni diversi e mostrano una identità di meno del 30% tra le loro sequenze, mentre all'interno delle loro sottofamiglie l'omologia sale al 60-70%. Entrambe sono sintetizzate a partire da precursori (33 kDa) che in seguito a processamento originano le forme attive (circa 17 kDa).
Sia IL1α che IL1β agiscono sullo stesso recettore, che viene poi internalizzato per portare agli effetti sopra citati.

Oltre a queste 2 classi, esiste un'altra citochina strutturalmente omologa alle 2 (e quindi in grado di legarsi ai suoi stessi recettori), ma funzionalmente inattiva. Essa agisce quindi da inibitore competitivo bloccando gli effetti di IL1α e IL1β e viene perciò chiamata IL-1 RA (cioè IL-1 Receptor Antagonist).

In quanto queste interleuchine svolgono un ruolo fondamentale nella regolazione dei processi infiammatori, giocano anche un ruolo importante nella patogenesi di alcune malattie autoimmuni croniche, quale l'artrite reumatoide.

Trattamento con corticosteroidi, ormoni prodotti dalle ghiandole surrenali inibisce l'azione dell' IL-1 ed è usato per ridurre le infiammazioni. Esiste anche una forma ricombinante dell'IL-1 RA (conosciuta sotto il nome di anakinra) che viene impiegata nel trattamento dell'artrite reumatoide.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti bibliografiche[modifica | modifica sorgente]

  • Dinarello CA (1988) Biology of interleukin 1. FASEB J. 2(2):108-15.[1]
  • Dinarello CA (2002) The IL-1 family and inflammatory diseases. Clin Exp Rheumatol.20(5 Suppl 27):S1-13 PubMed - NCBI
  • Oppenheim JJ (1986) There is more than one interleukin 1. Immunol. Today 7: 45-56
  • EMBL-EBI