Dacriocistite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Dacriocistite
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 375.30
ICD-10 (EN) H04.3 H04.4

La dacriocistite è l'infiammazione del sacco lacrimale il cui nome scientifico è dacrio, dal greco Δὰκρυα (lacrima).

Dacriocistite del neonato[modifica | modifica wikitesto]

È una condizione caratterizzata dall'ostruzione congenita del dotto lacrimale (chiamata dacriostenosi). Il neonato presenta epifora, edema palpebrale e fuoriuscita di pus dopo la spremitura del sacco lacrimale.

La patologia in genere è auto-risolutiva in 6 mesi, può tuttavia essere utile l'impiego di antibiotici e il massaggio locale nella regione del sacco.

Dacriocistite dell'adulto[modifica | modifica wikitesto]

Negli adulti l'infiammazione è causata, in genere, da pneumococchi o streptococchi. Si possono distinguere una forma acuta e una forma cronica.

Forma acuta[modifica | modifica wikitesto]

È caratterizzata dall'ostruzione del canale nasolacrimale. Il soggetto presenta dolore nella regione del sacco lacrimale, arrossamento locale, edema del tessuto, fuoriuscita di pus dopo la spremitura del canale lacrimale. La terapia si fonda sull'uso di antibiotici, locali e generali.

Forma cronica[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta in genere dell'evoluzione di una dacriocistite acuta, la quale col passare del tempo può portare al restringimento e all'occlusione delle vie lacrimali. Il soggetto presenta epifora, che ne è il sintomo principale, che si accompagna alla fuoriuscita di pus in seguito alla compressione della regione del sacco.

La terapia antibiotica può rivelarsi insufficiente in questa forma di dacriocistite, rendendo quindi necessario il ricorso alla chirurgia. Il trattamento chirurgico prevede la creazione di una comunicazione tra sacco lacrimale e meato nasale superiore, permettendo il deflusso delle lacrime.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosario Brancato, Oftalmologia essenziale
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina