Otite media

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Otite media
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 381-382
ICD-10 (EN) H65-H67

L'otite media è un'infiammazione dell'orecchio medio, o una infezione dell'orecchio medio.

Si verifica nella zona tra la membrana timpanica e l'orecchio interno.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi e i segni clinici che si riscontrano sono: dolore, febbre, vomito, ipoacusia, senso di occlusione, otorrea verso il concludersi del processo infettivo.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Il raffreddore, la causa più comune negli infanti, si estende in alto lungo la tuba di Eustachio, condotto che collega la parte posteriore del naso all'orecchio medio. Questo condotto può essere ostruito dall'infiammazione o dall'ingrossamento delle adenoidi, spesso associato alle infezioni del naso e della gola. Di conseguenza, il liquido prodotto dall'infezione, insieme al pus nel caso di infezioni batteriche, non defluisce attraverso il condotto, accumulandosi nell'orecchio medio. I bambini hanno diverse caratteristiche che facilitano l'insorgenza della malattia come il diametro più piccolo dell'orecchio, larghezza, lunghezza e angolazione orizzontale ridotte della tuba di Eustachio.

Fattori di rischio[modifica | modifica wikitesto]

Fumo passivo.

In età pediatrica l'abitudine ad utilizzare il ciuccio è strettamente correlata ad otiti medie recidivanti [1][2].

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

Le rare complicanze che si possono manifestare sono di due tipi: endotemporali e quelle endocraniche.

Fra le prime rientrano le labirintiti, la petrosite, e la paralisi del nervo faciale. Nelle seconde ritroviamo ascessi, encefaliti e la leptomeningite, tromboflebiti del seno mascellare.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Il trattamento prevede:

  • Antibiotici fra cui soprattutto l'amoxicillina per la forma acuta ad esempio servono 90 mg/kg al giorno (dose massima 2 g) a cui si può aggiungere del clavulanato. Altri principi attivi sono il cefdinir, la clindamicina, il ceftriaxone. (50 mg/kg al giorno nella forma acuta).[3] In casi peggiori si possono utilizzare i TMP-SMX (il trimetoprim-sulfametoxazolo)
  • Analgesici
  • Decongestionanti nasali
  • Irradiazione di calore verso il luogo dell'infezione
  • Interventi chirurgici come la miringotomia, dove si effettuano delle incisioni per diminuire i versamenti (utilizzata soprattutto per la forma cronica) e la timpanostomia, inserimento di una piccola valvola che consente di drenare il liquido prodotto con l'infezione senza danneggiare il timpano.

In pediatria una possibile terapia è il Politzer crenoterapico.

Terapia "fai da te"[modifica | modifica wikitesto]

Masticare equilibra la pressione interna dell'orecchio, generando un momentaneo sollievo, lo stesso dicasi per una posizione più rialzata del solito durante il sonno. A volte viene raccomandato l'uso di decongestionanti e vaporizzatori.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wellington M, Hall CB., Pacifier as a risk factor for acute otitis media. Pediatrics. in Pediatrics., 109(2), 2002, pp. 351–352.
  2. ^ Wellington M, Hall CB., Is pacifier use a risk factor for acute otitis media? A dynamic cohort study. in Fam Pract., 25(4), 2008, pp. 233-6.
  3. ^ Harrison, Principi di Medicina Interna (il manuale - 16ª edizione)pag 271, New York - Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Generica[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Specialistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Quaranta, Fiorella Raffaella, Manuale di otorinolaringoiatria, Milano, McGraw-Hill, 1998, ISBN 88-386-2346-5.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina