App Store

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mac App Store)
Jump to navigation Jump to search
App Store
software
Logo
App Store su macOS Big Sur
App Store su macOS Big Sur
Generedistribuzione digitale
SviluppatoreApple Inc.
Data prima versione10 luglio 2008
Ultima versione3.0 (24 settembre 2018)
Sistema operativoiOS
iPadOS
macOS
LicenzaProprietaria
(licenza non libera)
Linguaitaliano
Sito webwww.apple.com/it/app-store/

L'App Store è un negozio virtuale realizzato da Apple disponibile per iPhone, iPad e Macintosh che permette agli utenti di cercare e scaricare applicazioni.

Le app possono essere sia gratuite che a pagamento. Le app sono suddivise in categorie a seconda del contenuto che offrono e sono anche indicizzate per data. Inoltre possono ricevere uno o più aggiornamenti da parte dello sviluppatore.

Si possono votare le app, con un giudizio da una a cinque stelle, e recensirle, con un testo che sarà leggibile pubblicamente: accrescimento conoscitivo lato-utente (valutazione) e lato-sviluppatore (feedback).

L'app App Store propone cinque sezioni[1]:

     Oggi: la pagina del giorno, aggiornata quotidianamente.

     Giochi: la raccolta di giochi.[2]

     App: le applicazioni suddivise per categoria.

     Arcade: i giochi accessibili tramite abbonamento.[3]

     Cerca: la ricerca delle app per nome.


Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'App Store è stato inaugurato il 10 luglio 2008[4].

Al 13 giugno 2016 erano presenti in App Store più di due milioni di applicazioni sviluppate da terze parti, con oltre 130 miliardi di download.

Con iOS 13 è disponibile il servizio in abbonamento Apple Arcade, con il quale si possono scaricare giochi pagando un abbonamento mensile.[5]

Con IOS 15, Apple fa esordire gli eventi in-app: veri e propri eventi in programma nelle app e nei giochi, molto coinvolgenti per gli utenti di App Store.[6][7]

Inoltre, fa debuttare i widget App Store: finalmente sono usufruibili sulla schermata Home del dispositivo.[8]

Da luglio 2022 l'App Store consente di eliminare un account creato con un'app di terze parti.[9][10]

macOS[modifica | modifica wikitesto]

App Store
software
Logo
Generedistribuzione digitale
SviluppatoreApple Inc.
Data prima versione6 gennaio 2011
Ultima versione3.0 (1003.3) (24 settembre 2018)
Sistema operativomacOS
LicenzaProprietaria
(licenza non libera)
Linguaitaliano
Sito webwww.apple.com/mac/appstore

L'App Store di macOS (precedentemente chiamato Mac App Store), è stato annunciato per la prima volta il 20 ottobre 2010 all'evento Back to the Mac tenuto dal CEO Apple Steve Jobs. Dal 3 dicembre 2010, gli sviluppatori hanno iniziato a inviare le loro applicazioni in vista della futura pubblicazione sul Mac App Store[11], distribuito il 6 gennaio 2011 come parte dell'aggiornamento a OS X Snow Leopard[12].

In un comunicato ufficiale di Apple è stato annunciato che, in sole 24 ore dal lancio, il Mac App Store ha superato il milione di download[13], con oltre 1 000 applicazioni immediatamente disponibili[12]. A fine aprile 2012 il negozio ha raggiunto le 10 000 applicazioni scaricabili[14].

A ottobre 2014, le applicazioni disponibili si erano quadruplicate: circa 40 000. A novembre dello stesso anno, Apple ha ridisegnato il Mac App Store[15] con una grafica più flat per riflettere lo stile introdotto con OS X Yosemite.

Simile all'App Store disponibile per i dispositivi iOS, Apple ha adottato diverse restrizioni anche per il Mac App Store. Prima di poter essere acquistate, le applicazioni devono essere preventivamente approvate dalla stessa Apple.

Fino a macOS High Sierra, è possibile scaricare la nuova versione del sistema operativo e gli aggiornamenti di sistema direttamente dall'App Store.

Con l'arrivo di macOS Mojave, l'App Store viene totalmente ridisegnato, introducendo nuove sezioni e un nuovo layout. Scompaiono, inoltre, gli aggiornamenti del sistema, che tornano nel menu Preferenze di Sistema del Mac.

Applicazioni disponibili e scaricate[modifica | modifica wikitesto]

Marchio riservato alle applicazioni disponibili su App Store.

Il 10 luglio 2008, il CEO Steve Jobs ha dichiarato ai microfoni di Usa Today che l'App Store conteneva 500 applicazioni di terze parti per iPhone e iPad.[16]. L'11 luglio 2008, l'App Store viene aperto permettendo agli utenti di acquistare le applicazioni tramite il proprio dispositivo. Nella prima settimana sono state scaricate 10 milioni di applicazioni[17].

Il 16 gennaio 2009, Apple ha annunciato sul proprio sito web di aver raggiunto il traguardo di 500 milioni di applicazioni scaricate[18]. La miliardesima applicazione è stata scaricata il 23 aprile 2009[19].

Le applicazioni possono anche essere rimborsate, se la richiesta è ritenuta congruente da Apple.[20] Per riportare un problema, Apple ha una sezione appositamente dedicata.[21]

Nel 2022 la spesa per gli abbonamenti su App Store ha superato i giochi mobili.[22]

Abbonamenti[modifica | modifica wikitesto]

Qualsiasi abbonamento dell'App Store può essere annullato, in maniera facile e veloce.[23]

Abbonamento a iCloud[modifica | modifica wikitesto]

E' possibile estendere lo spazio di iCloud attraverso un abbonamento a cadenza mensile (ogni utente ha a disposizione 5 GB di spazio gratuito per la sincronizzazione di e-mail, documenti e backup).

Nel 2022, in Italia le tre tariffe sono:

  • 50 GB a € 0,99 mensili
  • 200 GB a € 2,99 mensili
  • 2 TB a € 9,99 mensili[24]

Abbonamento a Apple One[modifica | modifica wikitesto]

L'abbonamento denominato Apple One include i seguenti servizi:

  • iCloud+ 50 GB
  • Apple Arcade
  • Apple Fitness+
  • Apple Music
  • Apple TV+

Nel 2022 il piano individuale di Apple One ha un prezzo di 14,95 euro mensili.[25]

Metodi di pagamento[modifica | modifica wikitesto]

In Italia i metodi di pagamento accettati sono i seguenti:

  • Apple Pay
  • Carte di credito
  • Carte di debito
  • PayPal
  • Addebito sul conto telefonico
  • Saldo dell'ID Apple[26]

Visualizzare il saldo per controllare l'importo[modifica | modifica wikitesto]

Tramite App Store è possibile controllare in qualsiasi momento il saldo di una carta regalo[27] Apple.

Le Apple Gift Card si possono usare unicamente per acquistare prodotti e servizi negli Apple Store, nell’app Apple Store, su apple.com, sull’App Store e su iTunes, Apple Music, Apple TV, Apple Books e altre piattaforme di proprietà di Apple.

E' sufficiente entrare nell'applicazione e accedere al proprio account per visualizzare in tutta semplicità il saldo dell'ID Apple.[28]

Formato delle applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

IPA è il formato di file usato per le applicazioni dell'App Store. I file IPA sono file eseguibili associati ad una app iOS, questo significa che ogni app che risiede nella App Store ha un file con estensione IPA associato.

Di solito è criptato con la tecnologia FairPlay DRM. Questi file possono essere installati su un'iPhone, iPod o iPad. I file IPA possono essere decompressi rinominando l'estensione in .zip e estraendone il contenuto.

Download[modifica | modifica wikitesto]

Date Applicazioni disponibili Download accumulati Media di download per applicazione
12 settembre 2012[29] 700 000+ 35 000 000 000+ ~50 000
28 gennaio 2013[30] 800 000+ 40 000 000 000+ 50 000
23 aprile 2013 825 000+ 45 000 000 000+ 50 000
16 maggio 2013[31] 850 000+ 50 000 000 000+ 50 000
10 giugno 2013 900 000+ 50 000 000 000+ 50 000
22 ottobre 2013[32] 1 000 000+ 60 000 000 000+ 60 000
2 giugno 2014[33] 1 200 000+ 75 000 000 000+ 62 500
9 settembre 2014[34] 1 300 000+ 75 000 000 000+ 62 500
16 gennaio 2015[35] 1 400 000+ 75 000 000 000+ 62 500
8 giugno 2015[36] 1 400 000+ 100 000 000 000+ 62 500
13 giugno 2016[37] 2 000 000+ 130 000 000 000+ 62 500

Inoltre Apple ha indetto un concorso con rispettivi premi in gadget per il miliardesimo download.

Il concorso è stato vinto da un ragazzo tredicenne di Weston che ha scaricato la miliardesima applicazione ed ha ricevuto in premio una Apple Gift Card da 10 000 dollari, un iPod touch, una Time Capsule e un MacBook Pro. Nel giugno 2010 Apple ha dichiarato che gli sviluppatori hanno guadagnato più di un miliardo di dollari dalla vendita delle applicazioni.

Sempre su App Store è stato raggiunto, il 22 gennaio 2011, il decimiliardesimo download di una App per iPad, iPhone o iPod touch. Il concorso - che metteva in palio 10 000 dollari in Apple Gift Card – è stato vinto da Gail Davis di Orpington, nel Regno Unito[38].

Il 2 marzo 2012, App Store ha registrato la 25 miliardesima applicazione scaricata. Ad aggiudicarsi la consuetudinaria Apple Gift Card da 10 000 dollari è stato il cinese Chunli Fu, scaricando l'app Dov'è la mia acqua? (Where's My Water?)[39].

Nel 2012 da parte di Adeven è stato studiato come l'elevatissimo numero di applicazioni presenti tenda ad offuscare quasi il 60% delle applicazioni presenti e che non vengono scaricate neanche 1 volta[40].

Il 16 maggio 2013, dopo un conto alla rovescia durato diversi giorni, l'App Store ha contato la 50 miliardesima app scaricata nel mondo. Il primo premio per lo storico traguardo è stato l'abituale iTunes Gift Card da 10 000 dollari. I successivi 49 download sono stati premiati con altrettante iTunes Gift Card dal valore di 500 dollari ciascuna. Il vincitore è stato un ragazzo dell'Ohio e l'app numero 50 000 000 000 in questione è stata Say the Same Thing.

Età raccomandate[modifica | modifica wikitesto]

Apple in base al contenuto delle applicazioni stabilisce l'età opportuna. Dal firmware 3.0 l'iPhone permette di bloccare le applicazioni tramite le restrizioni.

Età Descrizione
4+ Non contiene materiale inappropriato.
9+ Potrebbe contenere rara o infrequente violenza di cartoni, fantasia o realistica, e infrequenti temi di horror che potrebbero non essere adatti a bambini al di sotto di 9 anni.
12+ Potrebbe anche contenere rara o infrequente violenza di cartoni, fantasia o realistica, e infrequenti temi di horror che potrebbero non essere adatti a bambini al di sotto di 12 anni.
17+ Potrebbe contenere frequenti scene di horror, contenuto sessuale, nudità, alcool, tabacco e droghe, che potrebbero non essere adatti a ragazzi sotto i 17 anni.

Tutte le applicazioni che funzionano tramite un browser, come ad esempio Facebook, sono state classificate da Apple con 17+ a causa dei contenuti accessibili su Internet.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ App Store, Aranzulla.it, 6 agosto 2022
  2. ^ App Store Giochi - Apple (IT), link ufficiale, letto il 6 agosto 2022
  3. ^ Apple Arcade - Apple (IT), sito ufficiale, letto il 6 agosto 2022
  4. ^ App Store online con 500 applicazioni, su iphoneitalia.com. URL consultato il 4 luglio 2022.
  5. ^ Apple Arcade, sito ufficiale, 9 febbraio 2022
  6. ^ In-App-Events, Apple Developer, 25 settembre 2021
  7. ^ What's new in iOS 15 for App Store, appfigures.com, 25 settembre 2021
  8. ^ iOS 15 e iPadOS 15: Apple ha attivato gli eventi in-app per l’App Store, macitynet.it, 3 agosto 2021
  9. ^ App Store - da luglio si cambia: eliminare account app terze parti sarà più facile, hdblog.it, 25 maggio 2022
  10. ^ Apple obbliga gli sviluppatori a permettere la cancellazione dell'account nelle loro app, mobileworld.it, 25 maggio 2022
  11. ^ Apple invita gli sviluppatori ad inviare le loro applicazioni per il Mac App Store, su ispazio.net. URL consultato il 7 dicembre 2010 (archiviato il 28 marzo 2014).
  12. ^ a b Articolo lancio Mac App Store Archiviato il 9 marzo 2012 in Internet Archive. su Macity.
  13. ^ Mac App Store: un milione di download nel primo giorno, su melablog.it, 7 gennaio 2011. URL consultato il 7 gennaio 2011 (archiviato il 4 marzo 2016).
  14. ^ Mac App Store a quota 10 000 app, su theapplelounge.com, 28 aprile 2012. URL consultato il 30 aprile 2012 (archiviato il 16 maggio 2012).
  15. ^ Mac App Store si aggiorna con grafica flat per Yosemite | iSpazio.net, su ispazio.net (archiviato il 22 ottobre 2016).
  16. ^ Jobs: App Store launching with 500 iPhone applications, su engadget.com. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato il 30 marzo 2017).
  17. ^ Apple - Press Info - iPhone App Store Downloads Top 10 Million in First Weekend, su apple.com. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2009).
  18. ^ Copia archiviata, su theregister.co.uk. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato il 5 maggio 2017).
  19. ^ Copia archiviata, su apple.com. URL consultato il 3 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2011).
  20. ^ Come richiedere il rimborso App Store per iPhone, iPad e Mac, macitynet.it, 3 febbraio 2022
  21. ^ How to return an app on the iOS App Store, trustedreviews.com, 2 agosto 2022
  22. ^ La spesa per gli abbonamenti su App Store di Apple ora supera i giochi, playblog.it, 15 luglio 2022
  23. ^ Come annullare un abbonamento, mobileworld.it, 24 maggio 2022
  24. ^ Prezzi e piani di iCloud+, Supporto Apple (IT), 30 giugno 2022
  25. ^ "Il meglio di Apple, tutto in uno”, ecco il nuovo spot su Apple One, iphoneitalia.com, 13 agosto 2022
  26. ^ Metodi di pagamento, Supporto Apple (IT), 9 luglio 2022
  27. ^ Apple Gift Card - Apple (IT), sito ufficiale, letto il 1 luglio 2022
  28. ^ Controllare il saldo dell'ID Apple, sito ufficiale, 3 agisto 2022
  29. ^ (EN) Darrell Etherington, iOS App Store Boasts 700K Apps, 90% Downloaded Every Month, su TechCrunch. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  30. ^ (EN) Apple - Press Info - Apple Updates iOS to 6.1, su apple.com. URL consultato il 9 febbraio 2017 (archiviato il 16 marzo 2017).
  31. ^ (EN) Roberto Baldwin, Apple Hits 50 Billion Apps Served, in WIRED. URL consultato il 9 febbraio 2017 (archiviato l'11 febbraio 2017).
  32. ^ (EN) Nathan Ingraham, Apple announces 1 million apps in the App Store, more than 1 billion songs played on iTunes radio, su The Verge, 22 ottobre 2013. URL consultato il 9 febbraio 2017 (archiviato il 12 maggio 2017).
  33. ^ (EN) Sarah Perez, iTunes App Store Now Has 1.2 Million Apps, Has Seen 75 Billion Downloads To Date, su TechCrunch. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  34. ^ (EN) Nick Summers, Apple's App Store Boasts 1.3M iOS Apps, in The Next Web, 9 settembre 2014. URL consultato il 9 febbraio 2017 (archiviato il 14 gennaio 2017).
  35. ^ (EN) Steve Ranger, iOS versus Android. Apple App Store versus Google Play: Here comes the next battle in the app wars | ZDNet, in ZDNet. URL consultato il 9 febbraio 2017 (archiviato il 30 dicembre 2016).
  36. ^ (EN) Nathan Ingraham, Apple's App Store has passed 100 billion app downloads, su The Verge, 8 giugno 2015. URL consultato il 9 febbraio 2017 (archiviato il 15 gennaio 2017).
  37. ^ (EN) Jordan Golson, Apple’s App Store now has over 2 million apps, su The Verge, 13 giugno 2016. URL consultato il 9 febbraio 2017 (archiviato il 10 febbraio 2017).
  38. ^ Dieci miliardi di applicazioni scaricate da App Store, su apple.com. URL consultato il 29 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2011).
  39. ^ Chunli Fu vince l'iTunes Gift Card da 10.000 dollari per aver scaricato la 25 miliardesima app. Archiviato il 10 marzo 2012 in Internet Archive.
  40. ^ L'App Store ha 400mila applicazioni che prendono polvere, su tomshw.it. URL consultato il 6 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2012).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]