iCloud Drive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
iCloud Drive
software
L'applicazione iCloud Drive su iOS 10.
L'applicazione iCloud Drive su iOS 10.
Generehosting (non in lista)
SviluppatoreApple Inc.
Sistema operativoiOS (non in lista)
macOS
Microsoft Windows
Licenza(licenza non libera)
Sito webwww.apple.com/it

iCloud Drive è un'applicazione sviluppata dalla Apple Inc. per i sistemi operativi iOS e macOS e Microsoft Windows. Essa fornisce accesso all'omonimo servizio di file hosting per i dispositivi con sistema operativo iOS 8, OS X Yosemite e Windows 7 o versioni più recenti[1]. È anche disponibile un'applicazione online su iCloud.com.

Il servizio permette agli utenti di archiviare ogni tipo di file, tra cui foto, video, documenti, musica e altro. Di default, ogni utente ha a disposizione 5 GB di spazio di archiviazione gratis. Sono disponibili piani fino a un totale di 2 TB[2].

Per liberare spazio si possono cancellare fotografie o filmati tramite l'app di sistema File. [3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

iCloud Drive è stato presentato durante la WWDC 2014 per iOS 8 e OS X Yosemite[4]. Dal 10 settembre 2014 è possibile accedere a iCloud Drive via web all'indirizzo iCloud.com[5]. Con macOS Sierra è possibile caricare tutti i file presenti nella scrivania e nella cartella Documenti in iCloud Drive, così da potervi accedere da ogni dispositivo[6].

iCloud+[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio iCloud comprende 5 GB di spazio gratuiti, espandibili tramite abbonamento a 50 GB, 200 GB o 2 TB di spazio di archiviazione.[7]

A settembre 2021, durante la WWDC annuale, Apple ha annunciato l'introduzione del servizio iCloud+ per chi sceglie uno dei piani a pagamento. Esso va a sostituire il precedente sistema di abbonamento iCloud, fornendo agli stessi prezzi le seguenti funzionalità aggiuntive:

  • la possibilità di nascondere il proprio indirizzo e-mail durante la registrazioni ai servizi tramite ID Apple
  • la possibilità di attivare il relay privato di iCloud, che consente di mascherare il proprio indirizzo IP quando si utilizza il browser Safari
  • il supporto della funzione Video sicuro di HomeKit
  • un dominio email personalizzato [8]

Il limite teorico di spazio a disposizione è in realtà di 4 TB, ottenibili abbonandosi al servizio Apple One Premium - che include 2 TB su iCloud - e anche al servizio iCloud+ con 2 TB.[9]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ iCloud - iCloud Drive, su Apple (Italia). URL consultato il 10 giugno 2022.
  2. ^ Domande frequenti su iCloud Drive, in Apple Support. URL consultato il 10 giugno 2022.
  3. ^ Come eliminare file da iCloud Drive, Salvatore Aranzulla, 3 luglio 2022
  4. ^ Configurare iCloud Drive, su support.apple.com. URL consultato il 10 giugno 2022.
  5. ^ Da oggi è possibile utilizzare iCloud Drive dal Web con il sito Beta di iCloud. URL consultato il 10 settembre 2014.
  6. ^ Come caricare i Documenti e la Scrivania del Mac su iCloud Drive, per un successivo accesso da iPhone e iPad. URL consultato il 21 settembre 2016.
  7. ^ Eseguire l'upgrade ad iCloud+, su Apple.com, 1º ottobre 2021. URL consultato il 10 giugno 2022.
  8. ^ iCloud+, tutto quello che c’è da sapere, su iphoneitalia.com, 29 set 2021. URL consultato il 10 giugno 2022.
  9. ^ Come avere 4 TB di spazio su iCloud, su iphoneitalia.com, 24 marzo 2022. URL consultato il 10 giugno 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]