Gestione NetInfo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gestione NetInfo
Finestra principale di Gestione NetInfo di macOS
Finestra principale di Gestione NetInfo di macOS
SviluppatoreApple Inc.
Ultima versione1.4 (23 marzo 2005)
Sistema operativomacOS
Linguaggio
GenereUtility (non in lista)
LicenzaProprietaria
(licenza non libera)
Sito web

Gestione NetInfo è un'utility sviluppata dalla Apple Inc. per gestire l'omonimo database di configurazione di sistema in NEXTSTEP e macOS fino alla versione Mac OS X Tiger[1]. Gestione NetInfo sostituisce gran parte dei file di configurazione di Unix (essi sono comunque presenti per consentire l'avvio nella modalità utente singolo). Molte API UNIX operano attorno a Gestione NetInfo. Quest'ultimo è l'equivalente del registro di sistema di Windows anche se, in questo caso, le applicazioni macOS salvano la loro configurazione come file plist nella directory di preferenze dell'utente, non andando quindi a ingrossare questo database.

A partire da Mac OS X Leopard, Gestione NetInfo è stato totalmente abbandonato, affidando la gestione di utenti locali e gruppi al servizio Directory; mentre il vecchio Database Netinfo è stato rimpiazzato da una serie di file XML contenuti in /var/db/dslocal[2].

Dove si trova[modifica | modifica wikitesto]

Il database di NetInfo si trova nel percorso /private/var/db/netinfo/local.nidb/ ed è modificabile soltanto dall'utente root, anche se non bisognerebbe mai modificare il database di NetInfo senza l'ausilio della sua API.

L'applicazione (dotata di interfaccia grafica) si trova nel percorso /Applicazioni/Utility/Gestione NetInfo.app.

Altrimenti, è possibile modificare il database NetInfo utilizzando l'utilità niutil, eseguibile da un terminale virtuale, come il Terminale.

Dati[modifica | modifica wikitesto]

Netinfo memorizza le seguenti informazioni:

  • afpuser_aliases
  • aliases
  • groups
  • machines
  • mounts
  • networks
  • printers
  • protocols
  • rpcs
  • services
  • users

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Brian Jepson and Ernest E. Rothman, Mac OS X for Unix Geeks, su docstore.mik.ua. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  2. ^ (EN) Analysis: The end of Netinfo, su Macworld. URL consultato il 14 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]