Siri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Siri (software))
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Siri (disambigua).
Siri
software
Logo
Siri su macOS Big Sur
Siri su macOS Big Sur
Genereintelligenza artificiale (non in lista)
Riconoscimento vocale
SviluppatoreApple Inc.
Data prima versione12 ottobre 2012
Ultima versioneiOS: 14.0
macOS: 10.15
tvOS: 14.0
watchOS: 7.0
Sistema operativoiOS
macOS
watchOS
tvOS
LinguaggioObjective C
Swift
Licenzalicenza proprietaria
(licenza non libera)
LinguaMultilingue
Sito webwww.apple.com/it/ios/siri/

Siri è l'assistente virtuale sviluppato da Apple Inc. fidanzato con Google presente nei dispositivi iOS, macOS, watchOS e tvOS, quali iPhone, iPad, Mac, Apple Watch e Apple TV.

Il software si adatta agli usi, alle ricerche e alle preferenze linguistiche individuali degli utenti, mentre lo utilizza continuamente. I risultati restituiti sono personalizzati.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Siri è stata originariamente distribuita come applicazione indipendente per iOS, resa disponibile tramite il canale commerciale App Store. Successivamente è stata acquisita da Apple Inc. il 28 aprile 2010.[2] Gli sviluppatori di Siri avevano annunciato che il software sarebbe stato disponibile per i sistemi BlackBerry OS e Android[3], ma i piani di sviluppo per altre piattaforme sono stati cancellati dopo l'acquisto da parte di Apple.

Nel 2012 Apple ha rivelato il motivo per cui tale app non poteva essere eseguita sui dispositivi pre-iPhone 4S, indicando come causa un chip per la rimozione del rumore, che in tali dispositivi non è sufficientemente sviluppato e integrato[4], anche se tale applicazione in passato ha funzionato correttamente su tali dispositivi[5] e tuttora esistono metodi per potervela importare[6]. Nel febbraio 2012 è stato annunciata l'integrazione delle vetture Mercedes Classe A di nuova generazione coi comandi vocali di Siri[7].

Funzionalità[modifica | modifica wikitesto]

Su iOS[modifica | modifica wikitesto]

iOS 5[modifica | modifica wikitesto]

Con l'uscita di iOS 5, Siri è stato reso disponibile solo per l'iPhone 4s in lingua inglese, francese e tedesco, mentre, con l'uscita di iOS 5.1, è stato aggiunto il giapponese. In iOS 5 Siri può impostare promemoria e calendari; può comporre un messaggio di testo o di e-mail, fermare, riprodurre musica, chiamare un contatto, impostare un grado di parentela e molte altre funzioni. Fin da questa versione, inoltre, Siri ha la possibilità di interagire con app esterne, come quelle di OpenTable, Google Maps, MovieTickets e TaxiMagic.

iOS 6[modifica | modifica wikitesto]

Siri, in iOS 6, è stato soggetto a considerevoli miglioramenti. Come annunciato durante la Worldwide Developers Conference di giugno 2012, Siri è ora disponibile in più lingue tra cui: italiano, spagnolo e cinese.

Tra le principali novità, Siri può ricercare ristoranti e locali anche al di fuori degli Stati Uniti (grazie alle nuove mappe di Apple); può mostrare i risultati delle squadre di calcio e baseball, nonché i punteggi e le informazioni su singoli giocatori e le borse europee, compresa Apple. Twitter e Facebook, quest'ultimo integrato in iOS 6, possono venire aggiornati a voce e possono inoltre essere aperte applicazioni di terzi.[8]

È disponibile sull'iPad di terza generazione, sull'iPhone 5 e sull'iPod touch di quinta generazione.

iOS 7[modifica | modifica wikitesto]

In iOS 7, Siri è stato notevolmente migliorato rispetto alla versione per iOS 6. Gli utenti si erano lamentati del fatto che alcune parole non venivano comprese da Siri e ciò causava un uso del software molto più limitato. È uscito dalla fase beta e rinnova il suo design con una finestra traslucida. Ora cerca informazioni su Wikipedia e su Bing ed è capace di modificare impostazioni. In iOS 7, Siri ha anche cambiato voce per alcune lingue. È stato inoltre introdotto in Carplay.

iOS 8[modifica | modifica wikitesto]

In iOS 8 Siri è stato migliorato, introducendo il riconoscimento della musica grazie a Shazam e la possibilità di richiamare Siri pronunciando la frase "Ehi, Siri" quando il dispositivo è connesso all'alimentazione[9]. Introdotta la possibilità di acquistare contenuti su iTunes.

iOS 9[modifica | modifica wikitesto]

In iOS 9 con iPhone 6s, iPhone 6s Plus e iPhone SE è possibile richiamare Siri in modalità "Always On" in qualsiasi momento e da qualsiasi schermata pronunciando la frase "Ehi, Siri". Nello stesso anno Siri diventa disponibile anche per AppleTv, ma non nella versione italiana.

iOS 10[modifica | modifica wikitesto]

In iOS 10 Siri può ricercare informazioni all'interno delle applicazioni di terze parti grazie al rilascio di nuovi strumenti per gli sviluppatori. Nella versione italiana, oltre alla versione "HD" della voce femminile, viene aggiunta quella maschile. La voce femminile viene anche resa più umana. Siri è inoltre disponibile per Mac con l'aggiornamento macOS Sierra.

iOS 11[modifica | modifica wikitesto]

In iOS 11 Siri riceverà un grosso aggiornamento, e una delle caratteristiche più interessanti sarà la voce più fluida e naturale. Grazie alle nuove interazioni possibili tramite SiriKit, l’assistente vocale potrà interagire con tante app di terze parti, tra cui Evernote, OmniFocus 2, WeChat, Things 3 e tante altre. Siri è inoltre disponibile per Mac con l'aggiornamento macOS High Sierra.

iOS 12[modifica | modifica wikitesto]

In iOS 12 Siri porta una grande novità è la nuova funzione Shortcut: si tratta della possibilità di aggiungere scorciatoie personalizzate per Siri, integrando app di terze parti. Ad esempio, sarà possibile salvare le informazioni relative alla propria vacanza (come l’indirizzo dell’hotel) associandole ad una frase come Travel plans, che avvierà l’app scelta con le info richieste. Siri è inoltre disponibile per Mac con l'aggiornamento macOS Mojave.

iOS 13[modifica | modifica wikitesto]

Con gli AirPods (seconda generazione), Siri legge i messaggi dall’app Messaggi, o da qualsiasi altra app di messaging con supporto per SiriKit, non appena arrivano. Una nuova funzione di condivisione audio permette di guardare un film o condividere una canzone con gli amici semplicemente avvicinando un altro paio di AirPods all’iPhone o all’iPad. Grazie a Controllo vocale, gli utenti possono utilizzare iPhone, iPad o Mac semplicemente usando la voce. Con la più recente tecnologia di riconoscimento vocale di Siri, Controllo vocale offre una trascrizione e una modifica ancora più accurata dei testi.

iOS 14[modifica | modifica wikitesto]

  • L’interfaccia è ora meno invasiva, ridotta a una piccola sfera in basso con le risposte sotto forma di banner in alto, similmente alle notifiche.
  • È possibile mandare messaggi vocali (per ora solo sull’applicazione messaggi) registrando direttamente con Siri.

iOS 15[modifica | modifica wikitesto]

  • Condividi con Siri: è possibile condividere contenuto chiedendo a Siri “Ehi Siri, condividi questo con” affiancato dal nome del contatto e Siri condividerà il contenuto presente sullo schermo a quella persona usando l'app Messaggi. È possibile condividere direttamente le immagini, pagine web, musiche da Apple Music, Podcast, storie da Apple News e posizioni da Mappe. Per il contenuto che non viene riconosciuto, Siri invia uno screenshot.
  • Notifiche annunciate: Siri può annunciare tutte le notifiche in arrivo e l'utente può inviare le risposte o azioni via voce a Siri. È possibile scegliere su quali app avere le notifiche annunciate.

Su iPadOS[modifica | modifica wikitesto]

Su iPadOS, il sistema operativo installato su iPad, Siri presenta funzioni del tutto simili a quelle progettate per iOS. I dispositivi che supportano Siri sono i seguenti: iPad Air (5ª generazione), iPad Air (4ª generazione), iPad Air (3ª generazione), iPad mini (5ª generazione), iPad Pro da 12.9 pollici (3ª generazione), iPad Pro da 11 pollici, iPad Pro da 12.9 pollici (2ª generazione), iPad Pro da 10.5 pollici, iPad Pro da 9.7 pollici e iPad (6ª generazione) o modelli successivi.

Su macOS[modifica | modifica wikitesto]

Siri è integrata in macOS Sierra e versioni successive con ulteriori funzionalità per l'elaboratore elettronico. È possibile modificare le preferenze di Siri, ad esempio la lingua o la voce. Inoltre è utilizzabile per controllare la propria abitazione.[10]

Su watchOS[modifica | modifica wikitesto]

Sin dalla prima versione di WatchOS, Siri è integrata in Apple Watch. Tuttavia è una versione più semplificata rispetto alla variante per iOS. Nel corso degli anni vennero implementate numerose funzionalità: Nel 2018 venne annunciata la nuova funzione "Alza Per Parlare" per la quale è possibile comunicare con Siri senza premere la Digital Crown e nemmeno pronunciando il comando di attivazione "Ehi Siri" A luglio 2019, presso il Keynote di apertura della WWDC, viene annunciato un notevole aggiornamento per Siri su Apple Watch: vengono aggiunte numerose funzioni tra cui la ricerca sul web e il riconoscimento di canzoni tramite Shazam.

Alcune funzionalità[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito alcune domande a cui Siri è in grado di rispondere:

Argomento Domande possibili
Icona Calcolatrice macOS Big Sur.png
Calcolatrice
  • Quanto fa 6x8
  • Un quinto di 25
  • La radice quadrata di 25
  • Dimmi 5 al quadrato
  • Il 20% di 100
  • 5 chilometri in miglia
Dov'è (Apple) icona.png
Dov'è
  • Dove si trovano le AirPods
  • Fai suonare il mio Mac
Settings (iOS).png
Impostazioni
  • Aumenta il volume
  • Accendi la torcia
  • Disattiva il Wi-Fi
  • Metti in modalità aereo
Icona Mappe macOS Big Sur.png
Mappe
  • Dimmi le farmacie di turno
  • Dove mi trovo
  • Portami in Via del Corso 184, Roma
  • Quanto dista Padova
Apple Clock icon.svg
Orologio
  • Che ore sono a New York
  • Imposta 5 minuti
  • Svegliami alle 07:30
Icona Siri macOS Big Sur.png
Siri
  • Fammi ridere
  • Dimmi un colmo
  • Come fa il pollo
  • Dimmi una curiosità su Dante
  • Quanto dista il Sole

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Apple: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di apple