HAL 9000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HAL 9000
HAL9000.svg
L'"occhio" di HAL 9000.
Lingua orig.Inglese
SoprannomeHAL
AutoreStanley Kubrick
1ª app.2001: Odissea nello spazio
Interpretato daDouglas Rain[1]
Voci italiane
SpecieIntelligenza artificiale
Luogo di nascitaUrbana (Stati Uniti)
Data di nascita12 gennaio 1992[2]
ProfessioneComputer di bordo della Discovery 1
AbilitàCapacità teorica di non commettere errori di calcolo[3]
Capacità di provare emozioni[4]
Capacità di comprendere il linguaggio labiale[5]
Elevatissima intelligenza

HAL 9000 è il supercomputer di bordo della nave spaziale Discovery nel film 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick e dell'omonimo libro di Arthur C. Clarke. Il suo nome è l'acronimo per Heuristic ALgorithmic" ("algoritmo euristico").

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il film, HAL 9000 è entrato in funzione alle "Officine HAL" di Urbana, Illinois, il 12 gennaio 1992. È dotato di un'evoluta intelligenza artificiale che gli consente di riprodurre tutte le attività della mente umana, di provare emozioni, di parlare con una voce totalmente umana e di governare l'astronave "Discovery 1", per condurla durante la missione spaziale, dialogando con gli astronauti (sarebbe in grado di governare la nave anche senza equipaggio umano) e tenendo sotto il suo controllo ogni singolo aspetto della missione, dai più piccoli ai più importanti.

HAL 9000 appare anche nel film 2010 - L'anno del contatto diretto da Peter Hyams, tratto dal romanzo 2010: Odissea due di Arthur C. Clarke.

Nell'originale in lingua inglese di entrambi i film la voce del computer è dell'attore canadese Douglas Rain, doppiato per la versione italiana di 2001 dall'attore palermitano Gianfranco Bellini, dall'inconfondibile timbro freddo e asettico che ben rende l'idea di un'intelligenza artificiale. Negli anni seguenti la voce di Bellini fu utilizzata altre volte per dare voce a dei computer, ad esempio in uno spot pubblicitario dell'Olivetti.[6]. Nel seguito 2010 fu invece usata la voce di Renato Cortesi, più simile all'inflessione da maggiordomo della voce originale di Rain.

Il mistero del malfunzionamento di HAL[modifica | modifica wikitesto]

HAL, macchina teoricamente incapace di commettere errori (gli elaboratori della serie 9000 sono noti per non aver mai commesso errori o alterato informazioni anche in maniera irrilevante), ne commette uno per la prima volta quando rileva un inesistente guasto all'elemento AE-35 dell'antenna principale della Discovery, diventando improvvisamente inaffidabile per l'equipaggio e per il controllo missione sulla Terra. HAL origlia il dialogo tra i due astronauti Bowman e Poole leggendo i loro labiali (i due si erano chiusi in una capsula per fare in modo che HAL non potesse sentirli), si rende conto che sono convinti che l'unica scelta sicura sia disinserirlo e, impaurito, non trova altra soluzione che tentare di eliminare l'intero equipaggio. Come ben descritto nel romanzo di Clarke 2001, per motivi di segretezza e per non sottoporre a stress i due comandanti, HAL e i tre membri in animazione sospesa sono i soli al corrente del vero scopo della missione, ovvero indagare su una trasmissione aliena risalente a tempi remoti, diretta verso l'orbita di Giove. Tuttavia HAL, come tutti gli elaboratori della sua serie, non è stato concepito per tenere nascoste le informazioni che gli vengono fornite, né tantomeno gli è stato spiegato il motivo della reticenza che dovrà avere, quindi la sua mente entra in un conflitto tra le priorità della salvaguardia della missione e quella degli astronauti. Mentre HAL parla con Bowman e tenta di fargli trapelare qualche indizio, avverte il guasto all'antenna. Il conflitto si "somatizza" proprio sul collegamento tra la nave ed il controllo a Terra. In 2010 il dottor Chandra, creatore e primo istruttore di HAL, denuncia un'intromissione della Casa Bianca nelle direttive impartite al computer (che lo stesso Chandra ha riattivato), macchina che non è stata progettata per dissimulare, al contrario di "persone abituate a mentire molto facilmente".

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Spesso fu attribuita l'origine del nome "HAL" ad un gioco con l'acronimo IBM, nome di quella che all'epoca era la più nota azienda costruttrice di computer. Applicando infatti il cifrario di Cesare, con uno spostamento in avanti di una sola lettera dell'alfabeto (invece che di tre, come nel vero cifrario) alle tre lettere "H-A-L", si ottengono le lettere I-B-M.
Tuttavia, sia Clarke che Kubrick smentirono tale ipotesi, considerandola una pura coincidenza[7]. Almeno questa fu la loro risposta ufficiale, anche perché fu anche chiesto ai vertici IBM un parere sulla produzione di un film con un computer che diventa psicotico[8], oltre che usare il logo IBM sul braccio della tuta spaziale in una scena del film.
Clarke asserì che, inizialmente, il nome del supercomputer doveva essere "Athena", ma fu poi cambiato in "Hal", il diminutivo del nome inglese Henry, e facendolo derivare ufficialmente dalle lettere Heuristic ALgorithmic"[7].[9][10], come omaggio ai due principali metodi con cui il pensiero umano si manifesta: il procedimento euristico ("H"euristic) e quello algoritmico ("AL"gorithmic). Il primo è basato sull'intuizione prima del ragionamento, il secondo basato sul metodo che porta in modo sequenziale, procedurale, alla soluzione di un problema. Nella versione francese HAL diventa CARL, acronimo di Cerveau Analytique de Recherche et de Liaison, ovvero "Cervello Analitico per Ricerca e Comunicazione".
La cifra "9000" fu invece un'invenzione di Kubrick, come allegoria del Zoroastrismo, religione che ipotizza il ritorno del profeta Zarathustra 90000 + 1 anni dopo la sua prima venuta sulla Terra, secondo il calendario zoroastriano, approssimato nel nostro calendario gregoriano all'anno 2001, appunto, un tema mitologico introdotto dal regista anche attraverso la nota sinfonia di "Così parlò Zarathustra", di Richard Strauss, all'inizio del film. Non è ancora chiaro se fu una coincidenza anche il fatto che la IBM introdusse una famiglia di super-elaboratori mainframe col nome di ES/9000 agli inizi degli anni novanta.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La voce di Douglas Rain
  2. ^ Nel suo caso, è da considerare la data dell'entrata in funzione
  3. ^ Capacità che, contro ogni previsione, si rivelerà errata
  4. ^ Mentre David si appresta a disattivarlo, HAL dichiara di sentirsi morire e di avere paura
  5. ^ Grazie alla quale HAL scoprirà che David e Frank vogliono disinserirlo, pur non sentendoli
  6. ^ Gianfranco Bellini, su Il mondo dei doppiatori.
  7. ^ a b http://www.slate.com/blogs/browbeat/2013/01/07/hal_9000_ibm_theory_stanley_kubrick_letters_shed_new_light_on_old_debate.html
  8. ^ http://io9.com/5973339/stanley-kubrick-worried-the-psychotic-hal-9000-would-offend-ibm
  9. ^ Dr. David G. Stork, Dawn of HAL: History of Artificial Intelligence - Dr. Arthur C. Clarke Interview, in 2001: HAL's Legacy Web site, PBS. URL consultato il 10 maggio 2007.
  10. ^ What do the letters HAL stand for and is there a connection with IBM?, in The Kubrick FAQ. URL consultato il 12 maggio 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]