AirPrint

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
AirPrint
software
Generestampa (non in lista)
SviluppatoreApple Inc.
Data prima versione22 novembre 2010
Sistema operativoiOS
macOS
Licenza(licenza non libera)
Sito webwww.apple.com/it

AirPrint è una tecnologia sviluppata dalla Apple Inc., per i suoi sistemi operativi iOS, iPadOS e macOS[1], in grado di stampare tramite Wi-Fi.

Non è da confondere con AirPlay.

Requisiti[modifica | modifica wikitesto]

  • È possibile inviare i dati direttamente a una stampante compatibile con AirPrint;
  • È possibile anche inviare i dati a una stampante non compatibile condivisa in una rete;
  • AirPrint non necessita di driver specifici;
  • La stampante deve essere collegata alla rete Wi-Fi[2], perciò è necessario disporre di un access point. Questo è un requisito fondamentale, ma è sufficiente utilizzare per esempio il router casalingo.

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

AirPrint dispone delle funzioni elencate di seguito:

  • rilevazione semplice;
  • selezione automatica del supporto;
  • opzioni di rifinitura di livello enterprise.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le lamentele degli utenti che non erano in grado di stampare utilizzando il loro iPhone o iPad, il fondatore di Apple, Steve Jobs, fece sapere che a breve sarebbe arrivata la possibilità di stampare attraverso i dispositivi mobili[3].

Con iOS 4.2, venne introdotto AirPrint, offrendo, per la prima volta, agli iPhone e iPad la possibilità di stampare. AirPrint venne poi pubblicato anche sui Mac con OS X Lion.

Al suo lancio, solo 20 stampanti erano compatibili con questo servizio[4]. In luglio 2014, il numero è aumentato fino a 1.000.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Informazioni su AirPrint, in Apple Support. URL consultato il 7 luglio 2022.
  2. ^ Come stampare da iPhone, aranzulla.it, letto il 7 luglio 2022
  3. ^ (EN) Steve Jobs Says Printing, su macrumors.com. URL consultato il 7 luglio 2022.
  4. ^ (EN) Only 12 Printers Work With Apple's AirPrint -- Here's The List (AAPL, HPQ), in SFGate. URL consultato il 2 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]