Mac OS 9

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mac OS 9
Logo
Mac OS 9.png
SviluppatoreApple Inc.
Famiglia SOProprietaria (Mac OS Classic)
Release iniziale9.0 (23 ottobre 1999; 18 anni fa)
Release corrente9.2.2 (6 dicembre 2001; 16 anni fa)
Tipo di kernelFIXME
Piattaforme supportatePowerPC
Tipologia licenzaSoftware proprietario
LicenzaProprietario
Stadio di sviluppoNon supportato dal 1º febbraio 2002; 16 anni fa
PredecessoreMac OS 8
SuccessoreMac OS X Public Beta
Sito webApple - Mac OS 9.1 in Internet Archive (archiviato 13 giugno 2001)

Mac OS 9 è l'ultima versione del sistema operativo Classic Mac OS. Venne prodotto da Apple Computer il 23 ottobre 1999.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Apple aggiornò OS 9 con una serie di aggiornamenti minori che risolsero dei bug e apportarono delle migliorie. Tra i vari aggiornamenti conviene segnalare il 9.0.4 e il 9.1 distribuiti nel 2000 il primo e nel 2001 il secondo. Il 9.2 venne introdotto nel 2002 e la sua unica funzione era l'adattamento del Mac OS al fine di consentirgli di funzionare anche dentro l'ambiente Classic del macOS. Tuttavia il Mac OS 9.2 era un sistema operativo indipendente e completo in grado di avviare i computer anche senza macOS.

Nel maggio del 2002 durante l'Apple Worldwide Developers Conference a San Jose (California), il CEO dell'Apple Steve Jobs annunciò il "funerale" del Mac OS 9. Durante il keynote, apparve vestito di nero, con una bara. Quella presentazione molto teatrale serviva a sottolineare che Apple aveva bloccato lo sviluppo del Mac OS 9 e che quindi la versione 9.2.2 sarebbe stata l'ultima versione distribuita da Apple.

Nonostante questo Mac OS 9 vive in milioni di computer Macintosh anche se da giugno 2004 non viene più fornito (insieme a Mac OS X) come componente del Power Mac ma va richiesto a parte quando viene ordinato. Per consentire un passaggio indolore delle applicazioni da Mac OS 9 a Mac OS X Apple oltre all'applicazione Classic ha previsto delle librerie chiamate Carbon che consentono ai programmi di funzionare sia su Mac OS 9 e che su Mac OS X.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Considerata la versione più funzionale e stabile del Mac OS originale, l'OS 9 non era dotato di molte caratteristiche che i moderni sistemi operativi del tempo possedevano come la memoria protetta o il multitasking preemptive. Nonostante queste mancanze era un notevole miglioramento rispetto al Mac OS 8, era dotato della tecnologia OpenTrasport per le reti locali e del motore di ricerca Sherlock 2. A differenza delle precedenti versioni supportava nativamente più utenti senza bisogno di software di terze parti. Una caratteristica molto importante dell'OS 9 era che il codice era quasi totalmente codice PowerPC. Nelle versioni precedenti buona parte del sistema operativo era scritto in codice 68000 e veniva eseguito utilizzando un emulatore, ovviamente era una soluzione lenta e che consumava molte risorse. Il nuovo codice PowerPC rendeva il sistema operativo più veloce e più parco nell'uso delle risorse.

Apple pubblicizzò Mac OS 9 grazie alle "50 nuove funzionalità" e lanciò sul mercato con abbondanti pubblicità il software Sherlock 2, il quale introduceva la funzione "canali" per cercare svariate risorse online e un aspetto metallico in stile QuickTime. Mac OS 9 includeva anche il supporto integrato per la suite di servizi Internet di Apple conosciuta come iTools (più tardi rinominati .Mac, poi MobileMe che è stato infine rimpiazzato da iCloud) e includeva una migliore funzionalità TCP/IP grazie ad Open Transport 2.5.

Altre nuove caratteristiche di Mac OS 9 erano:

  • Supporto integrato per la multiutenza senza l'uso di At Ease.
  • Supporto per l'accesso vocale attraverso le password VoicePrint.
  • Accesso portachiavi, una funzione che permetteva agli utenti di salvare password e dati testuali in portachiavi protetti.
  • Il pannello di controllo Aggiornamento Software, per il download e l'installazione di aggiornamenti software del sistema Apple.
  • Un rinnovato pannello di controllo per l'Audio e il supporto per Audio USB.
  • Speakable Items 2.0, conosciuto anche come PlainTalk, migliora la sintesi, il riconoscimento vocale ed anche l'integrazione con AppleScript.
  • File-sharing personale su TCP/IP.
  • Condivisione stampanti USB, un pannello di controllo che permetteva ad alcune stampanti USB di essere condivise in una rete TCP/IP.
  • Crittografia file a 128-bit nel Finder.
  • Supporto per file più grandi di 2 GB.
  • Supporto per volumi Unix.
  • Masterizzazione CD integrata nel Finder (introdotta in Mac OS 9.1)
  • Aggiunta di un menu "Finestra" nel Finder (introdotta in Mac OS 9.1)

Mac OS 9 (System 9) e Classic[modifica | modifica wikitesto]

Le versioni PowerPC del macOS precedenti alla 10.5 includono uno strato software di compatibilità chiamato Classic, che permette agli utenti di eseguire applicazioni ed hardware che richiede Mac OS 9 dall'interno di Mac OS X. Questo è ottenibile attraverso il booting di un completo sistema Mac OS 9. Come risultato, Mac OS 9 deve essere installato sul computer in modo che Classic possa funzionare. La maggior parte delle applicazioni Mac OS 9 vengono ben eseguite in Classic, sebbene alcune applicazioni mostrino problemi di riscrittura video. In aggiunta, i driver degli scanner e molte altre utility non funzionano più. Nel giugno 2005, Jobs annunciò che le piattaforme Macintosh sarebbero state definitivamente portate verso i microprocessori Intel x86. La documentazione degli sviluppatori dello strato software di emulazione del PowerPC (Rosetta) rivelarono che le applicazioni scritte per il Mac OS 8 o 9 non avrebbero potuto essere eseguite sui Mac basati su x86. L'ambiente Classic Environment rimase solo nella versione per PowerPC del Mac OS X 10.4; le versioni x86 di OS X non supportano ufficialmente Classic.

Come workaround per i Mac basati su Intel, Mac OS 9 può essere emulato fino alla versione 9.0.4 usando SheepShaver, un emulatore di PowerPC. SheepShaver non può emulare versioni più nuove della 9.0.4 perché non emula un'unità di gestione della memoria. L'emulatore PowerPC PearPC non supporta Mac OS 9.[1]

Requisiti minimi[modifica | modifica wikitesto]

Mac OS 9 requisiti minimi
Processore PowerPC 166 MHz o superiore, PowerPC G3, PowerPC G4
Memoria almeno 32 MB di RAM fisica

Disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante Mac OS 9 non sia più supportato da Apple, delle copie sono comunque disponibili in diversi store online a vario prezzo. Classificato come abandonware, vista la fine dello sviluppo, è comunque utilizzato da chi non può aggiornare il proprio computer ad OS X, a causa di limitazioni di tipo hardware, o lo preferisce a OS X. Mac OS 9 è anche una scelta popolare tra chi coltiva l'hobby del retrocomputing. Viene utilizzato anche dai giocatori su piattaforme Apple (spesso via emulazione) per usufruire di giochi che non sono supportati su OS X; ad esempio: Bugdom, Nanosaur, Pista dell'Oregon e Civilization II.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Versione Data di rilascio Cambiamenti Nome in codice Computer Prezzo
9.0 23 Ottobre 1999
  • Primo rilascio.
Sonata iMac G3 199.000 Lire (Iva esclusa)
9.0.2 Febbraio 2000

(Incluso nei Mac)

  • Risoluzione di bug.
N.D. PowerBook (FireWire) Incluso nei Mac
9.0.3 Marzo 2000

(Incluso nei Mac)

iMac/iMac DV/iMac DV SE
9.0.4 4 Aprile 2000
  • Migliorato supporto USB e FireWire.
  • Risoluzione di altri bug.
Minuet iMac G3 (Slot loading) Aggiornamento Gratuito
9.1 9 Gennaio 2001
  • Masterizzazione integrata nel Finder
  • Implementazione del menu "Finestra" nel Finder
  • Miglioramento della stabilità.
Fortissimo iBook 14 e 12 pollici
9.2 18 Giugno 2001

(Incluso nei Mac)

  • Processore G3 come requisito minimo.
  • Supporto all'ambiente Classic e miglioramento della velocità.
Moonlight Power Mac G4 Incluso nei Mac
9.2.1 21 Agosto 2001
  • Correzione di bug minori.
Limelight iBook (fine 2001), PowerBook G4 (Gigabit Ethernet) Aggiornamento Gratuito
9.2.2 5 Dicembre 2001
  • Risoluzione di bug relativi all'ambiente Classic.
LU1 eMac

Gli aggiornamenti a Mac OS 9 includono 9.0.4, 9.1, 9.2.1 e 9.2.2. Mac OS 9.0.4 era un set di risoluzione di bug principalmente collegati al supporto USB e FireWire. Mac OS 9.1 includeva il supporto alla masterizzazione direttamente dal Finder e aggiungeva un nuovo menu "Finestra" per passare da una finestra aperta all'altra. Mac OS 9.2 aumentava le performance notevolmente e migliorava il supporto all'ambiente Classic. Mentre Mac OS 9.2 era supportato ufficialmente solo su Power Mac G3, poteva comunque essere installato su alcuni modelli di PowerPC non supportati attraverso l'uso di software di terze parti, come Mac OS 9 Helper.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Frequently Asked Questions, PearPC Developers.
  2. ^ (EN) Apple Mac Upgrades - RAM, SSD Flash, External Drives and More, su os9forever.com. URL consultato il 17 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Apple Portale Apple: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Apple