Debian GNU/Hurd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Debian GNU/Hurd
Logo
Gnu hurd debian 1.png
Famiglia SO Debian (GNU/Hurd)
Release corrente Debian GNU/Hurd 9.0 "Stretch" (12 giugno 2017)
Tipo di kernel GNU Hurd
Tipologia licenza Software libero
Licenza GNU GPL
Sito web e

Debian GNU/Hurd è una distribuzione del progetto Debian che unisce il sistema operativo GNU al kernel GNU Hurd. È disponibile solamente su architettura i386.

La versione Debian GNU/Hurd 2015, rilasciata il 25 Aprile 2015 e che supportava oltre l'80% dei pacchetti disponibili su Debian GNU/Linux.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: GNU Hurd § Caratteristiche.

Essendo basata su GNU Hurd questa particolare versione di Debian eredita i vantaggi di flessibilità e stabilità dei sistemi basati su microkernel. In linea teorica, infatti, è possibile modificare il kernel del sistema senza ricompilarlo nella sua interezza, ad esempio per provare nuove funzionalità in sviluppo o eventuali miglioramenti.[1]

Nonostante i vantaggi teorici, GNU/Hurd non risulta ancora sufficientemente stabile da garantire l'affidabilità che può vantare la versione di Debian basata su Linux.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo di Debian GNU/Hurd è iniziato nel 1999 e i passi principali dei primi anni sono stati i seguenti:[2]

  • 5 Luglio 1999: inizio dello sviluppo
  • 27 Luglio 1999: implementazione dei pacchetti fondamentali del sistema.
  • 30 Dicembre 2004: aggiornamento dei driver relativi alle schede di rete e supporto a filesystem superiori a 2 GB.
  • 19 Ottobre 2009: rilascio della versione L1. Grazie all'intenso lavoro di porting dei pacchetti, con questa versione viene raggiunto il supporto in Hurd del 66% dei pacchetti Debian.[3]
  • 11 Giugno 2011: risoluzione dei bug relativi all'installer di Debian, seppur GNOME e KDE non risultino ancora installabili.

Arrivati al 2013 viene distribuita una nuova versione ufficiale chiamata Debian GNU/Hurd 2013. Gli sviluppatori ritengono di essere arrivati, nonostante i limitati mezzi e la scarsità di sviluppatori, ad un livello di stabilità ragionevole. Affermano inoltre che la percentuale dei pacchetti Debian utilizzabili sia salita al 75%.[4]

Il 25 aprile del 2015 è stata distribuita una nuova versione di Debian GNU/Hurd basata su Debian 8.0 con GNU Hurd 0.6 e GNU Mach 1.5, importanti aggiornamenti di Iceweasel 31 ESR, XFCE4 4.10, X.org 7.7 and Emacs 24.4 e un supporto di dei pacchetti Debian su Hurd che supera l'80%.[5]

Lo sviluppo del sistema operativo si protrae da quasi vent'anni ma non è stata ancora distribuita una versione ufficiale considerabile stabile per sistemi di produzione.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ GNU Hurd - Progetto GNU - Free Software Foundation (FSF), fsugitalia.org, 05 dicembre 2013. URL consultato il 27 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2013).
  2. ^ Debian -- Debian GNU/Hurd – Ultime notizie, su www.debian.org. URL consultato il 27 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2015).
  3. ^ 2009-12-31, su www.gnu.org. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  4. ^ (EN) Gnu Hurd News - 2013, su The GNU Hurd. URL consultato il 16 settembre 2013.
  5. ^ Debian GNU/Hurd 2015 released!, su lists.debian.org. URL consultato il 27 dicembre 2016.
  6. ^ Debian GNU/Hurd, su Debian. URL consultato il 21 febbraio 2014.
    «Hurd è sviluppato attivamente, ma non fornisce ancora le prestazioni e la stabilità per un sistema di produzione.».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Software libero