Debian GNU/kFreeBSD

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Debian GNU/kFreeBSD
Logo
Sviluppatore Principali sviluppatori
Tipo di kernel Kernel monolitico
Piattaforme supportate i386, amd64
Tipologia licenza Software libero
Licenza GNU General Public License
Sito web www.debian.org/ports/kfreebsd-gnu/

Debian GNU/kFreeBSD è un progetto che ha come scopo la realizzazione di un sistema operativo per architetture IA-32 e x86-64. Si tratta di una distribuzione GNU che utilizza la libreria C GNU e un kernel FreeBSD sottostante, abbinati con l'insieme di pacchetti Debian. La k di kFreeBSD indica che è utilizzato esclusivamente il kernel del progetto FreeBSD[1].

Una prima piattaforma di testing per iniziare a compilare i pacchetti per questo sistema è nata nel 2002, e nello stesso anno fu reso utilizzabile l'Advanced Packaging Tool.[2][3]

Con Debian 6.0 (nome in codice "Squeeze") sono stati distribuiti in anteprima due nuovi port del kernel del progetto FreeBSD sul sistema Debian/GNU: Debian GNU/kFreeBSD per i PC a 32 bit (kfreebsd-i386) e a 64 bit (kfreebsd-amd64). Questi port sono in assoluto i primi inclusi in una release di Debian a non essere basati sul kernel Linux.

Il supporto ai comuni programmi server è solido e unisce le funzionalità esistenti delle versioni di Debian basate sul kernel Linux con le peculiarità del mondo BSD. Tuttavia, per questa release i due nuovi port sono limitati; ad esempio, alcune funzionalità avanzate per il desktop non sono ancora supportate[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Debian GNU/kFreeBSD FAQ, wiki.debian.org.
  2. ^ (EN) Chrooted NetBSD environment available for testing, lists.debian.org, 6 gennaio 2002. URL consultato il 17 giugno 2016.
  3. ^ (EN) Re: getting apt to work, lists.debian.org, 20 gennaio 2002. URL consultato il 17 giugno 2016.
  4. ^ Note di rilascio di Debian 6.0, debian.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Software libero Portale Software libero: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Software libero