Ian Murdock

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ian Murdock nel 2008

Ian Murdock (Costanza, 28 aprile 1973San Francisco, 28 dicembre 2015) è stato un informatico statunitense. Fondatore di Debian, di APT Advanced Packaging Tool e della distribuzione commerciale Progeny Debian.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Konstanz, nella Germania dell'Ovest, poiché il padre stava cercando di ottenere un borsa di studio per un dottorato di ricerca in quello Stato. Nel 1975 la famiglia ritornò negli USA, Ian crebbe a Lafayette nello stato dell'Indiana, ove suo padre divenne un professore presso la Purdue University. Si diplomò presso la Harrison High School nel 1991 e successivamente si iscrisse presso la stessa università per conseguire un bachelor's degree in computer science. Durante gli studi nel 1993 creò Debian e poco dopo nel 1994 scrisse il manifesto Debian. Scelse il nome Debian dalle prime tre lettere del suo nome e di quello della fidanzata Debra. Nel 1996 ottenne il titolo, e fondò la compagnia Progeny Linux Systems, chiusa il 1º maggio 2007; l'anno seguente divorziò dalla moglie.[1]

Il 28 dicembre 2015 è stato trovato morto a San Francisco, dove lavorava a Docker. Il giorno prima era stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale e scarcerato dietro cauzione.[1] Gli ultimi suoi posts su twitter denunciano ripetute violenze e umiliazioni, anche sessuali, subite durante la detenzione e proseguite fin dopo il rilascio.[senza fonte] Ad una prima intenzione di suicidio espressa sul social network, seguiva un'affermazione della volontà di combattere nel futuro contro l'abuso di potere esercitato dai dipartimenti di polizia americani. Gli accertamenti medici successivi hanno stabilito che si trattò di suicidio.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Chris Williams, Debian Linux founder Ian Murdock dead at 42, in The Register, 30 dicembre 2015. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  2. ^ (EN) Medical Examination of Ian Murdock (PDF), su regmedia.co.uk, 11 maggio 2016. URL consultato il 9 dicembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN190733767 · WorldCat Identities (ENviaf-190733767