Research Unix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Research Unix è un termine che si riferisce alle varie versioni del sistema operativo Unix per i computer DEC PDP-7, PDP-11, VAX e Interdata 7/32 and 8/32, sviluppati da Bell Labs Computing Science Research Center (di solito indicato come Dipartimento 1127).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Versione Unix 7 per il PDP-11, eseguito in SIMH

Il termine Research Unix per la prima volta apparve in un articolo pubblicato dal Bell System Technical Journal (Vol. 57, No. 6, Pt. 2 Luglio/Agosto 1978) per distinguerlo dalle altre versioni interne del Bell Labs (come PWB/UNIX e MERT) il quale codice di base era stato modificato rispetto alle prime versioni CSRC. Il termine fu usato raramente fino alla versione 8, ma poi applicato allo stesso modo alle versioni precedenti. Prima delle versioni precedenti alla 8, il sistema era comunemente chiamato UNIX (in maiuscolo) o "UNIX Time-Sharing System".

La versione 5 era stata fornita da AT&T alle istituzioni educazionali, la versione 6 estesa anche alle organizzazioni commerciali. Le scuole pagavano 200 $, tutti gli altri 20.000 $ in modo da scoraggiare ogni possibile uso commerciale. Nonostante ciò la versione 6 fu la versione maggiormente usata negli anni 80. Le versioni di Research Unix sono solitamente indicate dall'edizione del manuale che le descrive poiché le prime versioni erano state sviluppate organicamente ma non erano state distribuite al di fuori dei Bell Labs (quindi il primo Research Unix è da considerarsi la prima versione, l'ultima la decima). Un altro modo comune di indicare la versione è: Unix versione x (o Vx), dove x è la versione del manuale. Tutte le moderne edizioni di Unix -eccezion fatta per i sistemi Unix compatibili come Coherent, Minix, and Linux- derivano dalla settima edizione.

A partire dalla ottava edizione, il sistema operativo Research Unix ebbe una forte correlazione con BSD. Questo avvenne poiché si scelse di usare 4.1cBSD come base per la ottava edizione. In un post pubblicato su Usenet nel 2000, Dennis Ritchie descrisse queste ultime versioni di Research Unix come più simili a BSD che a System V,[1] che includeva anch'esso del codice BSD:

« Research Unix ottava edizione è partito (così mi sembra) da BSD 4.1c, ma con molto materiale sostituito dal nostro. Si è proseguito allo stesso modo per la nona e la decima edizione. I command-set ordinari, ritengo, sono a tratti più nella direzione di BSD piuttosto che di SysVish, ma rimane piuttosto eclettico. »

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Edizione del manuale Data di rilascio Descrizione
Edizione 1 3 novembre 1971 È la prima edizione del manuale Unix, modellato sulla versione del manuale del PDP-11. Include la Thompson shell, mail, cp, and su. Il sistema operativo era stato sviluppato da due anni,[2] come port dal PDP-7 al PDP-11/20 nel 1970.
Edizione 2 12 giugno 1972 Il numero delle installazioni totali al tempo erano 10, "più di quello che ci si aspettava" secondo la prefazione al manuale.[3] Include echo e il primo compilatore C.
Edizione 3 febbraio 1973 Vengono introdotti il linguaggio di programmazione C, Unix pipe, crypt, and yacc. I comandi sono divisi tra /bin e /usr/bin, chiedendo all'utente di indicare il path (/usr era invece il mount point per il secondo hard disk). Il numero di installazioni totali era 16.
Edizione 4 novembre 1973 La prima versione scritta in C. Vennero anche introdotte: groups, grep, and printf.[2] Il numero delle installazione era indicato come: "più di 20". Il manuale venne formattato con troff per la prima volta. La versione è descritta da Thompsons e Ritchie nella rivista Communications of the ACM,[4] e rappresenta la prima presentazione pubblica del sistema operativo.[2]
Edizione 5 giugno 1974 Fu largamente distribuita alle istituzione educative. Venne introdotto: find, dd e lo sticky bit. Era per le macchine PDP-11/40 e altri 11 modelli con indirizzi a 18 bit. Installazioni "oltre le 50".
Edizione 6 maggio 1975 Include: ratfor e bc. La prima versione distribuita anche agli utenti commerciali,[5] con il port all'hardware non-PDP. Nel maggio 1977 venne rilasciata una versione MINI-UNIX, una versione ridotta per macchine low end tali PYP-11/10.
Edizione 7 gennaio 1979 Include Bourne shell, cpio, sed, ioctl, awk, f77, spell, e stdio. Vennero introdotti la maggior parte degli strumenti di PWB/UNIX insieme ad un kernel largamente modificato con più dell' 80% di codice nuovo rispetto al V6. Nel febbraio un port chiamato 32V fu progettato per l'hardware del DEC VAX; 32V era la base per la 4BSD.
Edizione 8 febbraio 1985 È una versione modificata di 4.1cBSD per il VAX, con la shell di System V e I socket sostituiti da STREAMS. Usato intermente e concesso solo per uso educativo.[6] Il terminale Blit divenne l'interfaccia grafica primaria. Fu aggiunto un filesystem di rete che permette l'accesso remoto ai file come /n/hostname/path e una API. È la prima versione senza assembly nella documentazione.
Edizione 9 settembre 1986 Venne incorporato il codice di 4.3BSD e distribuito solo internamente. Incorpora una versione generalizzata degli Streams ICP introdotti nella versione 8. La chiamata al mount system era estesa ad uno stream di un file, a sua volta collegato ad un programma user level. Questo meccanismo serviva ad implementare la connessione di rete nello spazio utente.[7] Altre innovazioni includono make and Sam.[2] Secondo Denni Ritchie la V9 e la V10 erano “concettuali”: i manuali esistevano ma nessuna distribuzione dell'OS “in maniera completa e coerente” fu rilasciata.[6]
Edizione 10 ottobre 1989 L'ultimo Research Unix. Nonostante il manuale venne pubblicato al di fuori di AT&T da Saunders College Publishing,[8] non vi erano distribuzioni complete del sistema operativo in sé.[6] Le novità includono tool grafici di typesetting, strumenti per lavorare con troff, un interprete per il linguaggio C, programmi di animazione e molti altri tool poi distribuiti in Plan 9: Mk build tool e la shell rc. V10 fu anche la base per il sistema operativo IX di Doug McIlroy e James A. Reeds.[9]

La versione 3, versione 4 e la versione 5 non dovrebbero essere confuse con UNIX 3.0, UNIX 4.0 e UNIX 5.0 rilasciate da AT&T UNIX Support Group. Dopo la versione 10 lo sviluppo di Unix ai Bell Labs fu interrotta in favore di Plan 9 (che condivide parte del suo spazio utente con V10).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dennis Ritchie, alt.folklore.computers: BSD (Dennis Ritchie), yarchive.net, 26 ottobre 2000. URL consultato il 3 luglio 2014.
  2. ^ a b c d McIlroy, A Research Unix reader: annotated excerpts from the Programmer's Manual, 1971–1986 (PDF), CSTR, nº 139, Bell Labs, 1987. Errore nell'uso delle note: Tag <ref> non valido; il nome "reader" è stato definito più volte con contenuti diversi
  3. ^ Ken Thompson e Dennis M. Ritchie, UNIX Programmer's Manual, Second Edition (PDF), Bell Telephone Laboratories, 12 giugno 1972.
  4. ^ D. M. Ritchie e K. Thompson, The UNIX Time-Sharing System, in CACM, vol. 17, nº 7, 1974, pp. 365–375.
  5. ^ Fiedler, Ryan, The Unix Tutorial / Part 3: Unix in the Microcomputer Marketplace, in BYTE, ottobre 1983, pp. 132. URL consultato il 30 gennaio 2015.
  6. ^ a b c Dennis Ritchie, [TUHS] Re: V7 UNIX on VAX 11/750, minnie.tuhs.org, 27 giugno 2003. URL consultato il 9 aprile 2014.
  7. ^ David L. Presotto e Dennis M. Ritchie, Interprocess Communication in the Ninth Edition Unix System, in Software—Practice and Experience, vol. 19, 1990.
  8. ^ Unix Tenth Edition Manual, Bell Labs. URL consultato il 25 dicembre 2013.
  9. ^ The IX Multilevel-Secure UNIX System, cs.dartmouth.edu.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]