Windows 11

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Windows 11
sistema operativo
Logo
Win11ScreenshotMenu.png
Menù di Windows 11
SviluppatoreMicrosoft
ProprietarioMicrosoft
FamigliaWindows NT
Release iniziale21H2 (10.0.22000.194) (5 ottobre 2021)
Release corrente10.0.22000.778 (versione stabile, 23 giugno 2022)

10.0.22621.105 (canale Release Preview 22H2, 14 giugno 2022) 10.0.22621.160 (canale Insider Beta 22H2, 13 giugno 2022) 10.0.25145.1011 (canale Insider Dev, 24 giugno 2022)

Tipo di kernelKernel ibrido, 64 bit
Piattaforme supportateARM64, x64
Metodo di aggiornamentoMicrosoft Store, Windows Update
Interfacce graficheWindows Explorer
Lingue disponibiliMultilingua
LicenzaSoftware proprietario

(MS-EULA)

Stadio di sviluppo21H2 (versione stabile), 22H2 (versione di anteprima), 23H2 (prossimamente)
PredecessoreWindows 10

Windows 10X (cancellata)

Sito webwww.microsoft.com/it-it/windows/windows-11

Windows 11 è un sistema operativo per personal computer, successore di Windows 10 e di Windows 10X (versione evoluta di Windows 10 progettata per dispositivi a due schermi, annunciata e poi cancellata), prodotto dalla Microsoft Corporation come parte della famiglia di sistemi operativi Windows NT.

La sua presentazione è avvenuta il 24 giugno 2021 con un evento dedicato sul sito ufficiale di Microsoft. La sua uscita è avvenuta nella notte tra il 4 ed il 5 ottobre 2021.[1][2]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Sin dai primi tempi dal rilascio del predecessore Windows 10, esso veniva descritto dalla stessa Microsoft come il "Windows definitivo"; sarebbe quindi stata l'ultima versione, e sarebbe diventata un servizio (Windows as a Service), con build ed aggiornamenti continui nel tempo; tuttavia, non è stato così[3][4].

Le prime voci su una nuova versione di Windows iniziarono a diffondersi in seguito a un annuncio di lavoro da parte della Microsoft, pubblicato il 4 gennaio 2021, nel quale vi era un riferimento ad un "rinnovamento radicale" di Windows[5]; secondo le voci si trattava di un aggiornamento dal nome in codice "Sun Valley", che aveva come obiettivo il miglioramento dell'interfaccia utente[6]. Intanto, a fine maggio i siti web dedicati alla tecnologia informatica avevano intensificato le speculazioni intorno ai disegni di Microsoft a riguardo di un possibile successore di Windows 10[7].

Il primo riferimento ufficiale a una nuova versione di Windows è stato dato dall'amministratore delegato di Microsoft Satya Nadella durante Microsoft Build 2021, la conferenza annuale per sviluppatori di Microsoft tenutasi il 25-27 maggio 2021, affermando che l'annuncio ufficiale sarebbe arrivato molto presto[8]. La settimana seguente Microsoft ha iniziato a distribuire inviti per un evento nominato "What's next" dedicato a Windows che si sarebbe tenuto il 24 giugno 2021 alle 11:00 ET, inoltre l'azienda ha pubblicato su YouTube un video di 11 minuti contenente i suoni di avvio dei sistemi operativi Windows precedenti rallentati 4000 volte[9][10][11][12]. La nuova versione è stata definita come "una nuova era di Windows"[13].

Il 15 giugno 2021 è trapelata in rete una leak del sistema operativo[14], la build 21996.1, avente un'interfaccia simile a quella di Windows 10X (versione evoluta di Windows 10 progettata per dispositivi a due schermi, annunciata e poi cancellata) e la schermata di configurazione ridisegnata insieme al menù Start e alla taskbar.

In corrispondenza dell'annuncio da parte del CEO di Microsoft, il 24 giugno è stata messa on-line la pagina ufficiale dedicata a Windows 11 che presenta le caratteristiche e le specifiche hardware.

Il 28 giugno 2021 è stata rilasciata la prima beta ufficiale di Windows 11 nel canale Dev per Windows Insider: la versione Build è la 10.0.22000.51.[15]

Dal 29 luglio 2021 la Build 10.0.22000.100 è disponibile anche nel canale Beta.

Dal 2 settembre 2021 il canale Dev passa alla nuova versione 22H2.

Inizialmente previsto per il 5 ottobre, il rilascio pubblico è avvenuto nella notte tra il 4 ed il 5 ottobre, attorno alle ore 21 del 4 ottobre (UTC).[16] Assieme all'aggiornamento, sono stati annunciati i primi PC con Windows 11 nativo.

Una versione del Task Manager con il Fluent Design è stata avvistata nella build 22538 del canale Dev, ma non è finalizzata e richiede un programma per essere sbloccata e utilizzata (in una maniera simile a come accadeva con Bluepill nelle versioni beta di Windows 7 e con Redpill nelle versioni beta di Windows 8).

Nella versione 22H2 verrà rinnovato con il Fluent Design anche il nuovo cursore del volume, posizionato al centro (presente da Windows 8 in poi, anche su Windows 11 21H2, dove è ancora posizionato in alto a sinistra).

Dopo la distribuzione finale dell'aggiornamento gratuito a Windows 11, tale aggiornamento sarà a pagamento.

Il 2 marzo è stata rilasciata sul canale Dev del Programma Insider la build 22567.1, la prima con branding di versione 22H2.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Windows 11 è disponibile in due edizioni principali; l'edizione Home, destinata agli utenti consumer, e l'edizione Pro, che contiene funzionalità di rete e sicurezza aggiuntive (come BitLocker), oltre alla possibilità di entrare in un dominio. Windows 11 Home potrebbe essere limitato per impostazione predefinita al software verificato ottenuto da Microsoft Store ("Modalità S"). Windows 11 Home richiede una connessione Internet e un account Microsoft per completare la prima configurazione. Windows 11 SE è stato annunciato il 9 novembre 2021 come edizione esclusivamente per dispositivi di fascia bassa venduti nel mercato dell'istruzione e successore di Windows 10 S. È progettato per essere gestito tramite Microsoft Intune e presenta modifiche basate sul feedback dagli insegnanti per semplificare l'interfaccia utente e ridurre le "distrazioni", come Snap Layout che non contengono layout per più di due applicazioni contemporaneamente; tutte le applicazioni che si aprono ingrandite per impostazione predefinita; Widget completamente rimossi e Microsoft Edge configurato per impostazione predefinita per consentire le estensioni dal Chrome Web Store (principalmente per scegliere come target coloro che migrano da Chrome OS). Viene fornito in bundle con applicazioni come Microsoft Office per Microsoft 365, Minecraft Education Edition e Flipgrid, mentre OneDrive viene utilizzato per salvare i file per impostazione predefinita. Windows 11 SE non include Microsoft Store; il software di terze parti viene fornito o installato dagli amministratori. Il programma Windows Insider riprende da Windows 10, con build preliminari divise in "Dev" (build instabili utilizzate per testare le funzionalità per futuri aggiornamenti delle funzionalità), "Beta" (build di test per il prossimo aggiornamento delle funzionalità; relativamente stabile rispetto a Dev channel) e i canali "Release Preview" (build pre-release per il test finale dei prossimi aggiornamenti delle funzionalità

Versioni di Windows 11
Versione Nome in codice Nome ufficiale Build Data di rilascio Supportato fino a
Home, Pro, Pro Education, Pro for Workstations Education, Enterprise, IoT Enterprise
21H2 Sun Valley 1 Windows 11 22000.co_release.210604-1628 4 ottobre 2021 10 ottobre 2023 8 ottobre 2024
22H2 Sun Valley 2 Windows 11, versione 22H2 22621.1.ni_release.220506-1250 (canale Release Preview) Secondo semestre del 2022 (nei mesi autunnali, forse a Settembre o ad Ottobre)
23H2 Sun Valley 3 Secondo semestre del 2023

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Interfaccia utente e design[modifica | modifica wikitesto]

Windows 11 presenta un'interfaccia utente radicalmente rinnovata che segue le linee guida del Fluent Design di Microsoft: in tutto il sistema sono infatti presenti effetti di trasparenza (simili a Windows Aero di Windows Vista e Windows 7) e angoli e relative ombre smussati.[17] La barra delle applicazioni è ridisegnata e centrata per impostazione predefinita con la possibilità di modificarne l'allineamento,[18][19] mentre il menu Start è stato riprogettato.

La funzionalità Visualizzazione attività, introdotta in Windows 10, presenta un design rinnovato.

Sono state rinnovate anche le icone di sistema, le animazioni, i suoni e i widget ed è stata reintrodotta la schermata di avvio con il relativo suono[20][21].

In Windows 11 è presente un nuovo font chiamato Segoe UI Variable, versione di Segoe UI, pensata per una miglior resa grafica nei display ad alta densità di pixel[22].

È stato introdotto un pannello di widget accessibile cliccando sul pulsante apposito nella barra delle applicazioni; essi contengono informazioni su notizie, sport, meteo e finanza di MSN[23][19].

Esclusione Internet Explorer[modifica | modifica wikitesto]

A differenza di Windows 10, Internet Explorer non è presente in forma autonoma. Tuttavia, per poter aprire pagine legacy esiste la funzione di Edge "modalità IE11" che attiva (all'interno del codice Chromium) il motore Trident MSHTML di Internet Explorer 11 (IE11) per i siti sviluppati con tecnologia obsoleta.

Requisiti hardware[modifica | modifica wikitesto]

Microsoft ha imposto dei requisiti hardware minimi più alti, considerati abbastanza stringenti, per poter installare il sistema operativo:[24]

  • Processore da almeno 1 gigahertz (GHz) con 2 o più core su un processore a 64 bit compatibile (almeno Intel 8ª generazione o superiore o AMD 2ª generazione)
  • RAM da almeno 4 GB;
  • Memoria da almeno 64 GB;
  • Firmware UEFI, compatibile con Avvio protetto;
  • Trusted Platform Module (TPM) versione 2.0;
  • Scheda video compatibile con DirectX 12+ o versione successiva con driver WDDM 2.0;
  • Schermo ad alta definizione (720p) con una diagonale maggiore di 9 pollici, 8 bit per canale di colore.

Oltre a questo Microsoft ha pubblicato una lista di processori ufficialmente compatibili con il proprio sistema operativo, includendo al suo interno CPU che per Intel vanno dall'ottava generazione in poi e per AMD dalla seconda generazione Ryzen in su. Successivamente ha spiegato il motivo di questa scelta indicando che alla base c'è la volontà di garantire all'utente la miglior esperienza d'uso possibile, ha altresì suggerito[25] che tecnicamente è possibile installare Windows 11 in presenza di CPU non ufficialmente presenti nella lista (grazie ad un metodo fornito dalla stessa Microsoft), ma che, in quel caso, non potrebbe esser garantita la piena affidabilità del sistema e Microsoft non garantirebbe gli aggiornamenti di sicurezza al sistema operativo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Windows 11 disponibile a partire dal 5 ottobre 2021, su Microsoft News Center Italy, 31 agosto 2021. URL consultato il 31 agosto 2021.
  2. ^ (EN) Windows 11 Home and Pro (Version 21H2) - Microsoft Lifecycle, su docs.microsoft.com. URL consultato il 6 ottobre 2021.
  3. ^ (EN) Windows forever: Windows 10 builds will continue even after Microsoft ships it, su PC World, 30 aprile 2015. URL consultato il 23 giugno 2021.
  4. ^ (EN) Windows 10 Takes Its Place as Microsoft's 'Forever OS' -- Redmondmag.com, su redmondmag.com, 7 gennaio 2019. URL consultato il 23 giugno 2021.
  5. ^ (EN) Microsoft planning ‘sweeping visual rejuvenation of Windows’, su The Verge, 4 gennaio 2021. URL consultato il 16 giugno 2021.
  6. ^ (EN) Everything we know about Windows' big Sun Valley release so far, su windowscentral.com, 3 giugno 2021. URL consultato il 16 giugno 2021.
  7. ^ Manuel Micaletto, Sun Valley pensiona Windows 10? La nuova generazione potrebbe avere un altro nome, su hdblog.it, 25 maggio 2021. URL consultato il 25 giugno 2021.
  8. ^ (EN) Satya Nadella teases 'the next generation of Windows' is coming soon, su windowscentral.com, 25 maggio 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  9. ^ (EN) Microsoft to reveal its next generation of Windows on June 24th, su The Verge, 2 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  10. ^ (EN) Join us to see what's next for Windows, su Microsoft. URL consultato il 23 giugno 2021.
  11. ^ Filmato audio (EN) Windows, Windows | Startup Sounds – Slo-fi Remix, su YouTube, 10 giugno 2021. URL consultato il 23 giugno 2021.
  12. ^ (EN) Microsoft teases new Windows 11 startup sound with 11-minute video, su The Verge, 10 giugno 2021. URL consultato il 15 giugno 2021.
  13. ^ (EN) Windows 11 confirmed in a new Microsoft support document, su windowslatest.com, 20 giugno 2021. URL consultato il 21 giugno 2021.
  14. ^ Francesco Santin, Windows 11 trapela online in una build: le prime immagini in anteprima, su Everyeye Tech, 15 giugno 2021. URL consultato il 24 giugno 2021.
  15. ^ (EN) Amanda Langowski, Brandon LeBlanc, Announcing the first Insider Preview for Windows 11, su Windows Insider Blog, 28 giugno 2021. URL consultato il 28 giugno 2021.
  16. ^ Simone Tagliaferri, Windows 11 lanciato in anticipo: video ufficiale spiega come fare l'upgrade da Windows 10, su Multiplayer.it, 5 ottobre 2021. URL consultato il 6 ottobre 2021.
  17. ^ (EN) Windows 11 Leaks Indicate a Dramatic New Look Is Coming Soon, su Gizmodo. URL consultato il 16 giugno 2021.
  18. ^ (EN) Windows 11 Build Leaks, Shows a New Desktop UI, Start Menu, and More – Review Geek, su reviewgeek.com. URL consultato il 15 giugno 2021.
  19. ^ a b (EN) Windows 11 leak reveals new UI, Start menu, and more, su The Verge, 15 giugno 2021. URL consultato il 23 giugno 2021.
  20. ^ (EN) Leak Shows Off 'Windows 11' Ahead of Next Week's Microsoft Event, su PC Magazine. URL consultato il 16 giugno 2021.
  21. ^ (EN) Arif Bacchus, 11 New Windows 11 Features We Are Most Excited For, su digitaltrends.com, 16 giugno 2021. URL consultato il 19 giugno 2021.
  22. ^ (EN) Windows 11 features already in preview: Everything you can try right now, su XDA Developers, 18 giugno 2021. URL consultato il 23 giugno 2021.
  23. ^ (EN) Windows 11 has a new 'Widgets' panel that replaces News & Interests, su windowscentral.com, 16 giugno 2021. URL consultato il 23 giugno 2021.
  24. ^ Specifiche e requisiti di sistema di Windows 11 | Microsoft, su microsoft.com.
  25. ^ Microsoft chiarisce i requisiti di sistema di Windows 11, su angolodiwindows.com, 28 agosto 2021. URL consultato il 16 settembre 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Precedente Versione di Windows Successivo Windows logo - 2021.svg
10 11 -
  Portale Microsoft: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microsoft