PC World

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
PCWorld
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Linguainglese
Periodicitàmensile
Genererivista
FondatoreDavid Bunnell
Cheryl Woodard
FondazioneMarzo 1983
Chiusura2018
SedeSan Francisco, CA
EditoreIDG
Tiratura355 117 (USA)[1] (dicembre 2012)
DirettoreJon Phillips
ISSN0737-8939 (WC · ACNP) e 1944-9143 (WC · ACNP)
Distribuzione
multimediale
Edizione digitalesi
Sito webpcworld.com
 

PC World, stilizzato PCWorld, è una rivista informatica globale pubblicata mensilmente dalla IDG.[2] Offre consulenza su vari aspetti del PC e argomenti correlati a Internet e altri prodotti e servizi di alta tecnologia personale. In ogni pubblicazione, PC World recensisce e prova i prodotti hardware e software da una varietà di produttori, così come altri dispositivi connessi alla tecnologia, quali fotocamere e videocamere, dispositivi audio e TV.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale direttore di PC World è Jon Phillips, ex di Wired. Ad agosto 2012 ha sostituito Steve Fox, che era stato direttore editoriale dal numero di dicembre 2008. Fox ha rimpiazzato il veterano direttore della rivista Harry McCracken, che si era dimesso quella stessa primavera,[3] dopo alcuni tempi duri, incluse le sue dimissioni e la sua riconduzione su questioni di controllo editoriale nel 2007.[4]

PC World è pubblicato sotto altri nomi come ad esempio PC Advisor e PC Welt in alcuni paesi. Il nome societario di PC World è IDG Consumer & SMB ed ha sede a San Francisco.[5]

La pubblicazione fu annunciata alla fiera COMDEX nel novembre 1982 e apparve per la prima volta in edicola nel marzo 1983; Felix Dennis creò Personal Computer World che in seguito vendette alla VNU, e fondò MacUser che vendette alla Ziff Davis Publishing a metà degli anni ottanta. PC Magazine è stata acquisita anche da Ziff Davis[6].

La rivista è stata fondata da David Bunnell e Cheryl Woodard, e il suo primo editore è stato Andrew Fluegelman . La rivista e il sito web di PC World hanno vinto numerosi premi da Folio, American Society of Business Publication Editors, MIN, Western Publications Association e altre organizzazioni; è anche una delle poche riviste di tecnologia ad essere stata finalista per un National Magazine Award.

Molti noti scrittori di tecnologia hanno contribuito a PC World, tra cui Steve Bass, Daniel Tynan, Christina Wood, John C. Dvorak, Stephen Manes , Lincoln Spector, Stewart Alsop, David Coursey, James A. Martin e altri. La leadership editoriale ha incluso Harry Miller, Richard Landry, Eric Knorr, Phil Lemmons, Cathryn Baskin, Kevin McKean e Harry McCracken.

Nel febbraio 1999 PC World ' s numero di abbonamenti a pagamento ha raggiunto un record di 1.000.453. A quel tempo, era la prima e unica rivista di informatica con un programma di rilascio mensile a raggiungere quel traguardo[7]. Nell'aprile 2005, lo spettacolo Digital Duo è stato leggermente ribattezzato e rilanciato come PC World Digital Duo, ed è andato in onda per altri 26 episodi. A partire dal 2006, PC World 's base di tasso controllato di 750.000 ha la più grande circolazione Computing Magazine nel mondo[8].

Il 10 luglio 2013, il proprietario IDG ha annunciato che la rivista avrebbe cessato la sua tiratura trentennale[9]. Il numero di agosto 2013 è stato l'ultimo stampato della rivista PC World , i numeri futuri saranno solo digitali[10].

Paesi[modifica | modifica wikitesto]

Con sede a San Francisco, l'edizione originale PC World viene pubblicata negli Stati Uniti, tuttavia è disponibile anche in altri paesi (51 in totale), a volte con un nome diverso:

  • PC World in Albania, Australia, Bangladesh, Bulgaria, Brasile, Danimarca, Grecia, Ungheria, India (da luglio 2006), Kosovo, Nuova Zelanda, Norvegia, Perù, Filippine, Polonia, Spagna, Romania, Russia, Turchia, Vietnam, Ecuador.
  • PC Advisor in Irlanda e Regno Unito. (Un'altra rivista ora fuori produzione chiamata Personal Computer World e unrivenditore PC World - nessuno dei quali correlato alla rivista PC World - esistono già o esistevano in quei mercati.)
  • PC Welt è l'edizione in lingua tedesca.
  • Info Komputer è l'edizione in lingua indonesiana.
  • Kompiuterija è l'edizione in lingua lituana.
  • Thế Giới Vi Tính è l'edizione in lingua vietnamita (chiamata anche PC World Vietnam).
  • Mikro - PC World è l'edizione in lingua serba.
  • Мир ПК è l'edizione in lingua russa.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 2007, McCracken si è dimesso bruscamente in circostanze controverse. Secondo fonti citate in Wired, McCracken si è licenziato bruscamente perché il nuovo CEO di PC World, Colin Crawford, ha cercato di nascondere una vicenda sfavorevole su Apple e Steve Jobs[11]. Crawford ha risposto definendo "inaccurati" i resoconti dei media sulle dimissioni di McCracken[12]. CNET in seguito riferì che McCracken aveva detto ai colleghi che IDG "lo stava facendo pressioni per evitare storie critiche nei confronti dei principali inserzionisti"[13][14].

Il 9 maggio Crawford è stato trasferito in un altro dipartimento e McCracken è tornato a PC World fino alla sua partenza nel 2008[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) eCirc for Consumer Magazines, Alliance for Audited Media, 31 dicembre 2012. URL consultato il 22 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2014).
  2. ^ (EN) IDG Print Publication: PCWorld, su idg.com. URL consultato il 18 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2012).
  3. ^ (EN) Goodbye, Kind PC World, su blogs.pcworld.com (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2011).
  4. ^ (EN) Editor in Chief Harry McCracken Returns to PCW, su pcworld.com (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2011).
  5. ^ (EN) PC World Communications, su pcworld.com. URL consultato il 29 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2010).
  6. ^ Deborah Wise, Staff walks out on PC Magazine, starts new journal, in InfoWorld, vol. 4, n. 50, Popular Computing, Inc., 20 dicembre 1982, pp. 1, 10, ISSN 0199-6649 (WC · ACNP).
  7. ^ Timely News from the Interactive Entertainment Industry - PC World Reaches One Million, su gamedaily.com. URL consultato il 20 maggio 2001 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2001).
  8. ^ Print circulation Archiviato il June 15, 2007 Data nell'URL non combaciante: 15 giugno 2007 in Internet Archive.
  9. ^ Bill Mickey, IDG's PCWorld Going Digital-Only, su Folio, Access Intelligence, 10 luglio 2013. URL consultato il 10 luglio 2013.
  10. ^ Harry McCracken, PCWorld Exits Print, and the Era of Computer Magazines Ends, in Time Magazine, 11 luglio 2013. URL consultato il 13 agosto 2015.
  11. ^ Kim Zetter, "PC World Editor Quits Over Apple Story" in Wired magazine, May 2, 2007.
  12. ^ "PC World editor quits during dispute over Apple story" in AppleInsider, May 3, 2007.
  13. ^ Tom Krazit, "PC World editor resigns over apparent ad pressure" from CNet, May 2, 2007.
  14. ^ "Editor quits after PC Mag kills Apple story" from MacNN, May 3, 2007.
  15. ^ Ramon G. McLeod, "Editor in Chief Harry McCracken Returns to PCW" Archiviato il May 10, 2007 Data nell'URL non combaciante: 10 maggio 2007 in Internet Archive. from PC World.com, May 9, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altre edizioni
Archivi