Microsoft Teams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Microsoft Teams
software
Logo
GenereSoftware applicativo di gruppo
SviluppatoreMicrosoft
Data prima versionenovembre 2016
Sistema operativoMicrosoft Windows
Linux
macOS
iOS, Android
Licenzalicenza proprietaria
(licenza non libera)
Sito webteams.microsoft.com/

Microsoft Teams è una piattaforma di comunicazione e collaborazione unificata che combina chat di lavoro persistente, teleconferenza, condivisione di contenuti (incluso lo scambio e il lavoro simultaneo sui file) e integrazione delle applicazioni.

Il servizio si integra con la suite di produttività per l'ufficio in abbonamento di Microsoft 365 e include estensioni che possono integrarsi con prodotti non Microsoft. Microsoft Teams è un concorrente di servizi come Slack[1] ed è il percorso di evoluzione e aggiornamento da Microsoft Skype for Business.

Microsoft ha annunciato Teams ad un evento a New York e ha lanciato il servizio in tutto il mondo il 14 marzo 2017.[2][3] È stato creato durante un hackathon interno alla società ed è attualmente guidato da Brian MacDonald,[4] Corporate Vice President di Microsoft.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 marzo 2016, è stata divulgata la notizia che Microsoft aveva preso in considerazione un'offerta di $ 8 miliardi per Slack, ma che allo stesso tempo Bill Gates era contrario all'acquisto, affermando che l'azienda avrebbe dovuto invece concentrarsi sul miglioramento di Skype for Business. Qi Lu, EVP di applicazioni e servizi, ha sostenuto pubblicamente l'acquisto di Slack.[5] Dopo la dipartita di Lu poco più tardi, Microsoft ha annunciato Teams al pubblico come concorrente diretto di Slack il 2 novembre 2016.[1][6]

Slack pubblicò un annuncio a tutta pagina sul New York Times riconoscendo il servizio concorrente. Sebbene Slack sia utilizzato da 28 aziende nella Fortune 100, The Verge ha scritto che i dirigenti si sarebbero interrogati se fosse utile pagare per il servizio, se Teams fornisce una funzione simile nell'abbonamento preesistente di Microsoft 365 della propria azienda senza costi aggiuntivi.[7] ZDNet ha riferito che le società non erano in competizione per lo stesso pubblico, in quanto Teams, all'epoca, non consentiva ai membri esterni all'abbonamento di aderire alla piattaforma e per le piccole imprese e i liberi professionisti sarebbe stato difficile cambiarla.[8] In seguito Microsoft ha aggiunto questa funzionalità.[9] In risposta all'annuncio di Teams, Slack ha intensificato l'integrazione interna al prodotto con i servizi di Google.[10]

Il 3 maggio 2017 Microsoft ha annunciato che Microsoft Teams avrebbe sostituito Microsoft Classroom in Microsoft 365 Education (precedentemente noto come Microsoft 365 for Education).[11] Il 7 settembre 2017, gli utenti hanno iniziato a notare un messaggio che diceva "Skype for Business è ora Microsoft Teams".[12] Ciò è stato confermato il 25 settembre 2017, in occasione della conferenza annuale Ignite di Microsoft.[13]

Il 12 luglio 2018, Microsoft ha annunciato una versione gratuita di Microsoft Teams, che offre la maggior parte delle opzioni di comunicazione della piattaforma gratuitamente, limitando il numero di utenti e la capacità di archiviazione dei file del team.[14]

Nel gennaio 2019, Microsoft ha pubblicato un aggiornamento destinato a "Firstline Workers" al fine di migliorare l'interoperabilità di Microsoft Teams tra diversi computer per i lavoratori al dettaglio.[15][16]

Il 19 novembre 2019, Microsoft ha annunciato che Microsoft Teams ha raggiunto 20 milioni di utenti attivi, in aumento rispetto ai 13 milioni di luglio.[17] All'inizio del 2020 ha annunciato una funzionalità "Walkie Talkie" che utilizza il push-to-talk su smartphone e tablet tramite Wi-Fi o dati cellulari. La funzione è stata progettata per i dipendenti che parlano con i clienti o eseguono operazioni quotidiane.[18]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Team[modifica | modifica wikitesto]

Teams consente alle comunità, ai gruppi o ai team di unirsi o partecipare a una conferenza tramite un URL specifico o un invito inviato da un amministratore o proprietario del team. Teams for Education consente agli amministratori e agli insegnanti di creare team specifici per classi, comunità di apprendimento professionale (PLC), membri dello staff e tutti insieme.[19]

Canali[modifica | modifica wikitesto]

All'interno di un team, i membri possono impostare canali. I canali sono argomenti di conversazione che consentono ai membri del team di comunicare senza l'uso di e-mail o SMS di gruppo. Gli utenti possono rispondere ai post con testo, immagini, GIF e meme personalizzati.

I messaggi diretti consentono agli utenti di inviare messaggi privati a un utente specifico anziché a un gruppo di persone.

I connettori sono servizi di terze parti che possono inviare informazioni al canale. I connettori includono MailChimp, pagine Facebook, Twitter e notizie Bing.

Chiamate[modifica | modifica wikitesto]

Teams supporta le conferenze in rete telefonica generale (PSTN) consentendo agli utenti di chiamare numeri di telefono dal client.

Riunioni[modifica | modifica wikitesto]

Le riunioni possono essere programmate o create ad hoc e gli utenti che visitano il canale potranno vedere che una riunione è in corso. Teams ha anche un plugin per Microsoft Outlook per invitare altri a una riunione di Teams.[20]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Microsoft Teams consente agli insegnanti di distribuire, fornire commenti e suggerimenti e assegnare voti agli incarichi degli studenti tramite Teams utilizzando la scheda Assegnazioni, disponibile per gli abbonati a Microsoft 365 for Education.[21] I quiz possono anche essere assegnati agli studenti attraverso un'integrazione con Office Forms.[22]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

All’interno della pianificazione, tramite l'integrazione con Microsoft Planner, i membri del team possono monitorare diversi progetti di marketing, suddividendo ogni progetto in passaggi facili da raggiungere e assicurandosi che tutti i membri del team sappiano di quali strategie e attività sono responsabili.

Client[modifica | modifica wikitesto]

Client disponibili[modifica | modifica wikitesto]

A partire da settembre 2019 sono disponibili i seguenti client di Microsoft Teams:

  • Windows e MacOS: incluso con Microsoft 365 o disponibile gratuitamente
  • iOS: app Microsoft nell'App Store[23]
  • Android: app Microsoft in Google Play[24]
  • Web: client web di Teams, supportato su comuni browser web desktop[25]
  • Linux: da dicembre 2019 in anteprima[26]

Client fuori produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Windows Phone: il client non è stato più disponibile a partire da luglio 2018 e ha smesso di funzionare a ottobre 2018[27]
  • Windows 10 Mobile: a partire dal 2019, il client è elencato nell'archivio Microsoft, ma contrassegnato come "al momento non è disponibile"[28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Tom Warren, Microsoft Teams launches to take on Slack in the workplace, in The Verge, 2 novembre 2016. URL consultato il 15 marzo 2020.
  2. ^ (EN) John Falcone, Microsoft Teams: 7 things you need to know, in CNET, 2 novembre 2016. URL consultato il 15 marzo 2020.
  3. ^ (EN) Kirk Koenigsbauer, Microsoft Teams rolls out to Office 365 customers worldwide, in Office Blogs, 14 marzo 2017. URL consultato il 15 marzo 2020.
  4. ^ (EN) Tom Warren, How Microsoft built its Slack competitor, in The Verge, 14 marzo 2017. URL consultato il 15 marzo 2020.
  5. ^ (EN) Jon Russell e Ingrid Lunden, Source: Microsoft mulled an $8 billion bid for Slack, will focus on Skype instead, in TechCrunch, 4 marzo 2016. URL consultato il 15 marzo 2020.
  6. ^ (EN) Mary Jo Foley, Microsoft launches its Slack competitor, Microsoft Teams, in ZDNet, 2 novembre 2016. URL consultato il 15 marzo 2020.
  7. ^ (EN) Tom Warren, Slack shows it’s worried about Microsoft Teams with a full-page newspaper ad, in The Verge, 2 novembre 2016. URL consultato il 15 marzo 2020.
  8. ^ (EN) Ed Bott, Slack versus Microsoft Teams: It's really no contest, in ZDNet, 4 novembre 2016. URL consultato il 15 marzo 2020.
  9. ^ (EN) Nick Heath, Microsoft Teams: A cheat sheet, in TechRepublic, 6 agosto 2019. URL consultato il 15 marzo 2020.
  10. ^ (EN) Blair Hanley Frank, Google and Slack deepen partnership in the face of Microsoft Teams, in PC World, 7 dicembre 2016. URL consultato il 15 marzo 2020.
  11. ^ (EN) Richard Willis, Microsoft Classroom to be replaced by Microsoft Teams in Office 365 for Education, in SalamanderSoft, 26 luglio 2017. URL consultato il 15 marzo 2020.
  12. ^ (EN) Mary Jo Foley, Microsoft may be repositioning some (or all) of Skype for Business as Teams, in ZDNet, 7 settembre 2017. URL consultato il 15 marzo 2020.
  13. ^ (EN) Tom Warren, Microsoft Teams is replacing Skype for Business to put more pressure on Slack, in The Verge, 25 settembre 2017. URL consultato il 15 marzo 2020.
  14. ^ (EN) Emil Protalinski, Microsoft launches free version of Teams, in VentureBeat, 12 luglio 2018. URL consultato il 15 marzo 2020.
  15. ^ (EN) Richard Speed, Microsoft wins today's buzzword bingo with empowering set of updates to Teams, in The Register, 9 gennaio 2019. URL consultato il 15 marzo 2020.
  16. ^ (EN) Zac Bowden, Microsoft demos vocal translator that uses your own voice, in OnMSTF.com, 12 marzo 2012. URL consultato il 15 marzo 2020.
  17. ^ (EN) Microsoft Teams surpasses 20 million daily active users; rival Slack shares slip, in Reuters, 19 novembre 2019. URL consultato il 15 marzo 2020.
  18. ^ (EN) Tom Warren, Microsoft Teams is getting a Walkie Talkie feature so you can reach colleagues all day long, in The Verge, 9 gennaio 2020. URL consultato il 15 marzo 2020.
  19. ^ (EN) Kareem Anderson, Microsoft Teams for Education adds assignments and grading features, in OnMSFT.com, 2018-05.11. URL consultato il 15 marzo 2020.
  20. ^ (EN) Nishanth Nadarajah, Now available: Outlook add-in to schedule meetings in Microsoft Teams, in Microsoft Tech Community, 31 luglio 2017. URL consultato il 15 marzo 2020.
  21. ^ (EN) Kareem Anderson, Microsoft Teams for Education adds assignments and grading features, in OnMSFT.com, 11 maggio 2018. URL consultato il 15 marzo 2020.
  22. ^ (EN) Dan Thorp-Lancaster, Microsoft Teams for Education celebrates first year with batch of new features, in Windows Central, 5 giugno 2018. URL consultato il 15 marzo 2020.
  23. ^ Microsoft Teams, su App Store. URL consultato il 15 marzo 2020.
  24. ^ Microsoft Teams, su Google Play. URL consultato il 15 marzo 2020.
  25. ^ Ottenere client per Microsoft Teams, su Microsoft Docs. URL consultato il 15 marzo 2020.
  26. ^ (EN) Marissa Salazar, Microsoft Teams is now available on Linux, in Microsoft Teams Blog, 10 dicembre 2019. URL consultato il 15 marzo 2020.
  27. ^ (EN) Windows phone app for Microsoft Teams is being retired, su support.microsoft.com. URL consultato il 15 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2019).
  28. ^ Acquista Microsoft Teams, su Microsoft Store. URL consultato il 15 marzo 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]