Microsoft Excel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Excel" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Excel (disambigua).
Microsoft Excel
Logo
Microsoft Excel su macOS Sierra.
Microsoft Excel su macOS Sierra.
SviluppatoreMicrosoft Corporation
Data prima versione30 settembre 1985
Ultima versioneiOS: 1.30 (12 febbraio 2017)
macOS: 15.30
Sistema operativoMicrosoft Windows
macOS
iOS
Android
Linguaggio
GenereFoglio elettronico
LicenzaEULA
(licenza non libera)
LinguaMultilingua
Sito webwww.microsoft.com

Microsoft Excel è un programma prodotto da Microsoft, dedicato alla produzione ed alla gestione di fogli elettronici. È parte della suite di software di produttività personale Microsoft Office, ed è disponibile per i sistemi operativi Windows e Macintosh. È il programma per la produzione e gestione di fogli elettronici più utilizzato.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Excel 2002

La prima versione di Excel, denominata Excel 1.0, viene pubblicata nel 1985 per il sistema operativo Macintosh.[1]

La prima versione per Windows, denominata Excel 2, viene pubblicata nel 1987.[1] Segue poi Excel 3, pubblicato nel 1990.[1]

Per il sistema operativo OS/2 vengono pubblicati Excel 2.1 (1989),[1] Excel 2.2 (1990)[1] ed Excel 3 (1991).[1]

Seguono poi Excel 3.1 (1992), Excel 4 ed Excel 5.[1] In particolare a partire dalla versione 4, Excel viene integrato nel pacchetto Microsoft Office.[1]

Successivamente il numero della versione non segue più la successione numerica. In particolare sono pubblicate le versioni Excel 95, Excel 97, Excel 2000, Excel XP (2001) ed Excel 2003.[1]

Con Excel 2007 l'interfaccia grafica viene modificata sostanzialmente con l'introduzione dei "ribbon", al posto di menù e toolbar.[1] Le stesse modifiche verranno svolte anche per la corrispondente versione per Macintosh, denominata Excel 2008.[1]

Le successive versioni sono Excel 2010, Excel 2011, Excel 2013 e Excel 2016.[1]

Sommario[modifica | modifica wikitesto]

Microsoft Excel per Windows
Anno Nome Versione Commenti
1987 Excel 2 2.0 Rinumerato a 2 per corrispondere alla relativa versione di Macintosh
1990 Excel 3 3.0 Aggiunte potenzialità per creazione grafici 3D
1992 Excel 4 4.0 Introdotta funzionalità di riempimento automatico
1993 Excel 5 5.0 Incluso Visual Basic for Applications (VBA) e varie opzioni orientate a oggetti
1995 Excel 95 7.0 Rinumerato con la relativa versione di Word. Entrambi i programmi sono inclusi nel pacchetto Office a partire da questa versione
1997 Excel 97 8.0
2000 Excel 2000 9.0 Parte di Microsoft Office 2000, a sua volta parte di Windows Millennium (anche detto "Windows ME")
2002 Excel 2002 10.0
2003 Excel 2003 11.0 Distribuito solo un anno dopo per integrarsi meglio con gli altri programmi di Microsoft Office (Word, PowerPoint, ecc.)
2007 Excel 2007 12.0
2010 Excel 2010 14.0 Excel 13 non esiste a causa delle superstizioni sul numero 13
2013 Excel 2013 15.0 Introdotte altre 50 funzioni matematiche
2016 Excel 2016 16.0 Parte di Microsoft Office 2016
2018 Excel 2019 17.0 Parte di Microsoft Office 2019
Microsoft Excel per Macintosh
Anno Nome Versione Commenti
1985 Excel 1 1.0 Versione iniziale di Excel
1988 Excel 1.5 1.5
1989 Excel 2 2.2
1990 Excel 3 3.0
1992 Excel 4 4.0
1993 Excel 5 5.0 Disponibile solo su Mac basati su PowerPC. Prima versione PowerPC
1998 Excel 98 8.0 Excel 6 e Excel 7 sono saltate dalla numerazione per corrispondere alla relativa versione di Microsoft Office
2000 Excel 2000 9.0
2001 Excel 2001 10.0
2004 Excel 2004 11.0
2008 Excel 2008 12.0
2011 Excel 2011 14.0 Analogamente alla versione Windows, la versione 13 è saltata dalla numerazione per motivi di superstizione
2015 Excel 2015 15.0
2016 Excel 2016 16.0 Come il resto dei programmi di Microsoft Office: le future versioni sono numerate per corrispondere meglio alle versioni di Windows
Microsoft Excel per OS/2
Anno Nome Versione Commenti
1989 Excel 2.2 2.2
1990 Excel 2.3 2.3
1991 Excel 3 3.0 Ultima versione per OS/2

Estensioni[modifica | modifica wikitesto]

L'estensione .xls, per le versioni dalla 97 alla 2003, e .xlsx, dalla versione 2007, identifica la maggior parte dei fogli di calcolo (in inglese spreadsheet) o cartella di lavoro creati con Excel (il tipo MIME dei file identificati da questa estensione è tipicamente application/vnd.ms-excel). Excel tuttavia può importare ed esportare dati in altri formati, ad esempio nel formato .csv (comma-separated values).

Interfaccia grafica[modifica | modifica wikitesto]

La schermata iniziale di Excel mostra un foglio di calcolo vuoto composto da colonne (contrassegnate dalle lettere A, B, C, ecc.) e da righe (contrassegnate dai numeri 1, 2, 3, ecc.). L'intersezione di una riga con una colonna forma una "cella" (contrassegnate sempre prima dalla colonna, poi dalla riga, ad esempio: A1, B3, C4,...), all'interno della quale si può inserire un valore o una funzione. I valori che si possono inserire sono di tipo alfanumerico, mentre le funzioni si esprimono tramite le formule. Excel presenta dimensioni molto vaste, infatti è costituito da 1.048.576 righe e 16.384 colonne.

Formule[modifica | modifica wikitesto]

Per immettere una formula (ad esempio: media, mediana, moda, ecc.) in una cella del foglio di calcolo, è necessario anzitutto selezionare la cella in questione e inserire all'inizio il simbolo =, quindi scegliere un operatore (ad esempio "media"), poi il inserire tra parentesi la cella (cella) o l'insieme di celle (prima cella:ultima cella) e premere Invio. Ad esempio:

=media(A1:A4) Invio

Nel caso di operazioni algebriche (+ - * /), è necessario scrivere =nome della prima cella, scegliere un operatore e inserire il nome dell'ultima cella interessata. Ad esempio:

= A1*A4 Invio

Formule 3D[modifica | modifica wikitesto]

Una formula 3D permette di eseguire una funzione sullo stesso intervallo di celle, ma all'interno di più di un foglio dello stesso file Excel. L'intervallo di fogli Excel consecutivi su cui si vuole eseguire la funzione sono indicati da Fogliox:Foglioy, separati dal ":". Ad esempio si usa la seguente sintassi:

=SOMMA(Foglio1:Foglio20!B2; Foglio21:Foglio25!B2:D5)

per sommare la cella B2 su tutti i fogli compresi tra il Foglio1 e Foglio20, e per sommare le celle comprese tra B2 e D5 nei fogli che si trovano tra Foglio 21 e Foglio 25.

Formule matriciali[modifica | modifica wikitesto]

All'interno di un singolo foglio Excel, la formula matriciale estende una formula di una singola cella a un'intera riga o ad un'intera colonna in maniera analoga all'operazione di drag and drop, digitando Ctrl+Shift+Invio, che fanno apparire la formula circondata da parentesi graffe. Ad esempio se abbiamo C1= A1*B1, dove A e B hanno ciascuna 10 righe, è possibile "trascinare" la formula da C1 a C10, oppure scrivere nella cella C1 la formula "=A1:A10*B1:B10" (senza "") e premere Ctrl+Shift+Invio.
Le formule matriciali possono essere sostituite con la funzione matrice.somma.prodotto (Sumproduct nella versione inglese) che consente di effettuare somme condizionali su un intervallo di celle che soddisfano uno o più criteri di ricerca, definibili sullo stesso intervallo del calcolo o su altri intervalli di celle, anche di altri fogli o cartelle, purché di eguale dimensione; ed è quindi l'equivalente della funzione somma.se, ma con la possibilità di inserire due o più condizioni, ovvero alla possibilità di usare il foglio Excel come un database nel quale si effettuano semplici query di selezione.

Riferimento relativo e assoluto[modifica | modifica wikitesto]

Col simbolo $ è possibile creare un "riferimento assoluto" di cella, in cui la colonna e/o la riga non cambiano durante l'operazione di drag and drop. Ad esempio digitando nella formula precedente $A$1, ogni cella da B1 a B10 sarà moltiplicata per la cella A1.

Negli altri casi si parla invece di "riferimento relativo".

Formule nidificate[modifica | modifica wikitesto]

Excel consente inoltre la creazione di formule "nidificate" in un quantitativo fino a 7 strati dell'Excel 2003 ed a 64 livelli del più recente 2013, dove la risultante di una formula si comporta come argomento per la funzione che la contiene, a condizione che il valore in uscita dalla contenuta sia accettato senza errori dalla contenitrice e che quindi vi sia assenza di errori non gestiti: =se(somma(A1;B1)<>C1;concatena(C1;" è diverso da ";A1;" sommato a ";B1);concatena(C1;" è uguale a ";A1;"+"B1)) lo si potrebbe usare in D1 a controllare la risultante della somma di A1 e B1 se diversa da C1 ed inserirebbe "C1 è diverso da A1 sommato a B1" altrimenti metterebbe "C1 è uguale a A1+B1" coi rispettivi valori assegnati alle celle.

Grafici[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di grafico creato con Excel.

In Excel è possibile costruire diagrammi o grafici statistici (es. grafici a linea, grafici a torta, istogrammi, ortogrammi, diagrammi a bolle, diagrammi a trend, ecc.) a partire dai dati inseriti in input ed elaborati per creare dei report informativi.

Macro e registratore di macro[modifica | modifica wikitesto]

Excel permette la creazione di macro, che sono pezzi di codice che possono eseguire in automatico una serie di comandi.

Il linguaggio di programmazione utilizzato per la creazione delle macro di Excel è Visual Basic for Applications (VBA), che è un linguaggio di programmazione ad oggetti (anche se non possiede tutte le caratteristiche della programmazione orientata agli oggetti) che utilizza la dot notation. Tramite il codice VBA è possibile scrivere macro che modificano le proprietà degli oggetti (ad esempio il colore di una cella), lanciare metodi (ad esempio il refresh di una pivot table) e reagire ad un evento (ad esempio eseguire un pezzo di codice quando viene modificato il contenuto di una cella).

Per visualizzare il codice contenuto in un file Excel, o scriverne di nuovo, occorre selezionare il menu Tools/Macro/Visual Basic Editor. Per visualizzare il codice associato a un singolo foglio Excel, occorre selezionare la linguetta del foglio, tasto destro del mouse e Visualizza codice sorgente: in questo caso, la macro sarà ripetuta ogni volta che si apre il foglio Excel. Per eseguire una macro occorre invece selezionare il menu Tools/Macro/Macro.

Registrazione delle macro[modifica | modifica wikitesto]

Per chi usa le macro per la prima volta o per chi non ha voglia di imparare a memoria i nomi di tutti gli oggetti, le proprietà e i metodi di Excel, esiste la possibilità di registrare una macro. Registrare una macro significa registrare una serie di comandi di Excel e trasformarli in una macro. Questi comandi verranno poi ripetuti automaticamente quando si lancia la macro. Per registrare una macro è necessario selezionare il menu Tools/Macro/Record New Macro.

Esecuzione di una macro[modifica | modifica wikitesto]

La macro può essere eseguita a vari livelli. Può essere associata ad un foglio di lavoro (tasto destro del mouse sul nome del foglio e "visualizza codice"), al file corrente, a tutte le cartelle di lavoro aperte, oppure a qualsiasi file Excel, cioè ogni volta che si avvia il programma. Per avere questa funzione, la macro deve essere salvato nel file vuoto "personal.xls" della cartella "XLSTART", che contiene tutto ciò che viene eseguito all'apertura di Excel.

Esempio[modifica | modifica wikitesto]

Quella che segue è un esempio di macro, che può essere inserita aprendo l'editor di Visual Basic:

    Public Sub Macro3()
    Dim z As Integer
    Dim i(41) As Integer
    Dim k As Integer
    Dim j As Integer
    Dim y As Integer
    
    Cells.Select
    With Selection.Interior
        .ColorIndex = 1
        .Pattern = xlSolid
    End With
    Selection.Font.ColorIndex = 4
    Selection.Font.Bold = True
    With Selection
        .HorizontalAlignment = xlCenter
        .VerticalAlignment = xlBottom
        .WrapText = False
        .Orientation = 0
        .AddIndent = False
        .ShrinkToFit = False
        .MergeCells = False
    End With
    Columns("A:AZ").ColumnWidth = 2.71
    
    For z = 1 To 32000
        y = Int(Rnd() * 40 + 1)
        k = Int(Rnd() * 255 + 1)
        ActiveSheet.Cells(i(y) + 1, y).Select
        Selection.Value = Chr(k)
        i(y) = i(y) + 1
    Next z
    End Sub

Dopo avere eseguito la macro, la si può bloccare premendo il tasto ESC.

Controversie legali[modifica | modifica wikitesto]

La prima versione del programma, Microsoft Excel 95, fu causa di una disputa legale tra la Microsoft ed un giovane programmatore del Guatemala.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Codice Amado.

Errori[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 settembre 2007 si è scoperto che Excel versione 2007 mostrava in modo errato i risultati di alcune operazioni.[2][3] Nello specifico quando il programma si trova ad eseguire delle operazioni che producono come risultato 65.535 il programma mostra invece 100 000. Il bug è legato a un problema di visualizzazione; eseguendo altre operazioni con la cella del risultato si ottengono dei risultati corretti. Microsoft nel blog dedicato al programma ha riconosciuto il problema[4] ed ha promesso a breve un aggiornamento che risolvesse il problema. Il 26 settembre ha dichiarato di aver pronto l'aggiornamento e che lo avrebbe distribuito appena questo avesse superato le fasi di test. L'aggiornamento è stato distribuito con un hot fix pubblicato il 9 ottobre 2007.[5]

Un altro noto bug si ritrova in tutte le versioni di Excel nella gestione delle date: l'anno 1900 è erroneamente considerato bisestile e quindi le date anteriori al primo marzo 1900 sono sbagliate: ad esempio Excel calcola il giorno 1/1/1900 come una domenica (la funzione =GIORNO.SETTIMANA("1/1/1900") dà risultato "1"), mentre nella realtà si trattava di un lunedì. Il motivo di questo bug è per garantire la compatibilità con Lotus 1-2-3.[6]

Comandi per scelte rapide Excel[modifica | modifica wikitesto]

Tramite la combinazione dei tasti Ctrl, Alt, Shift e alcune lettere è possibile anche in Excel eseguire rapidamente delle operazioni da tastiera, senza cercare il relativo menu con il mouse o fra le opzioni nelle barre del programma. Non è tuttavia possibile personalizzarle se non attraverso la registrazione di una macro.

Alcuni esempi:

  • evidenziando una cella: "CTRL" e tasto "+", oppure "CTRL" e tasto "+", producono lo stesso effetto, di aprire una finestra in cui (con le frecce) si può scegliere se spostare la cella in alto, in basso, a destra o sinistra.
  • evidenziando un foglio, una riga oppure una colonna, "Ctrl" e tasto "+", oppure "Ctrl" e tasto "-", aggiungono/rimuovono una riga/colonna.
  • digitando una formula, il tasto "F4" blocca un riferimento, aggiunge il carattere "$" al riferimento di riga e colonna della cella in cui è posizionato il cursore.
  • aprendo Microsoft Excel, se si preme il tasto "Ctrl" viene creata una nuova istanza del programma, che permette ad esempio di eseguire una macro e contemporaneamente lavorare ad altri file.
  • Ctrl + X: taglia
  • Ctrl + C: copia
  • Ctrl + V: incolla
  • Ctrl + Z: annulla operazione
  • Ctrl + Y: operazione successiva
  • F2: per modificare il contenuto di una cella senza cancellarlo.
  • F5: per evidenziare celle senza formule, vuote, con valori numerici o testuali, o messaggi di errore, formule dipendenti.
  • F11: crea un grafico a partire dai dati selezionati.
  • ALT + INVIO: permette di andare a capo nella stessa cella
  • CTRL+(: (digitare CTRL+MAIUSC+8) per visualizzare le formule del foglio Excel.

Limiti[modifica | modifica wikitesto]

Dalla versione del 2007 le righe e le colonne per ogni foglio di lavoro sono passate rispettivamente da 65.536 (216) a 1.048.576 (220) e da 256 (28) a 16.384 (214).
Questa è la coordinata dei limiti di Excel: XFD1048576 [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND: (DE4138932-3
Microsoft Portale Microsoft: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Microsoft