The Verge (sito web)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Verge
sito web
Logo
The Verge Wordmark 2016.svg
URLtheverge.com
Tipo di sitoGiornalismo tecnologico
LinguaInglese
Registrazionefacoltativa
ProprietarioVox Media
Creato da
Lancio1º novembre 2011
Stato attualeattivo

The Verge è una rete di notizie e media tecnologiche americane gestita da Vox Media. La rete pubblica notizie, storie di caratteristiche di lunga durata, guide, recensioni di prodotti e podcast.

Il sito web utilizza Chorus, la piattaforma di pubblicazione multimediale proprietaria di Vox Media.[2][3] La rete è gestita dal suo redattore capo Nilay Patel, dal direttore esecutivo Dieter Bohn e dal direttore editoriale Helen Havlak.[4][5] Il sito è stato lanciato l'1 novembre 2011. The Verge ha vinto cinque Webby Awards per l'anno 2012 tra cui i premi come Miglior scrittore (Editoriale), Miglior podcast per The Vergecast, Miglior design visivo, Miglior sito di elettronica di consumo e Miglior app mobile di notizie.[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

This Is My Next[modifica | modifica wikitesto]

Lancio[modifica | modifica wikitesto]

The Verge venne lanciato il 1º novembre 2011, insieme ad un annuncio di una nuova casa madre: Vox Media.[1] Secondo la compagnia, il sito è stato lanciato con 4 milioni di visitatori unici e 20 milioni di pagine visualizzate.[7]

2016–presente[modifica | modifica wikitesto]

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Podcast[modifica | modifica wikitesto]

Contenuto multimediale[modifica | modifica wikitesto]

On The Verge[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2018, The Verge pubblicò un articolo intitolato "Come creare un PC personalizzato per l'editing, il gioco o la codifica" e caricò un video su YouTube dal titolo "Come abbiamo costruito un PC da gioco con 2000 dollari", che venne ampiamente criticato per i suoi numerosi errori. Questo includeva il reporter di Verge, Stefan Etienne, che indossava un cinturino da polso antistatico senza averlo collegato a terra, installando la RAM e la scheda video in slot scorretti, applicando un eccesso di pasta termica e installando l'alimentatore in un modo che bloccasse il flusso d'aria verso di esso.[8] Dopo aver inizialmente disabilitato i commenti, The Verge rimosse completamente il video. Nel febbraio 2019, gli avvocati della società madre di The Verge, Vox Media, presentarono una notifica di rimozione DMCA, chiedendo a YouTube di rimuovere i video critici del video di The Verge, relativi alla violazione del copyright. YouTube rimosse due dei video, caricati dai canali YouTube BitWit e ReviewTechUSA, mentre applicò un "avvertimento" di copyright a questi due canali.[8][9] Dopo una protesta in seguito alla decisione, YouTube ripristinò questi due video, oltre a ritirare gli "avvertimenti" di copyright applicati.[10] Timothy B. Lee di Ars Technica descrisse questa controversia come un esempio dell'effetto Streisand, dicendo che mentre la legge riguardante il fair use non è chiara per questo tipo di situazione, "l'unico precedente legale ...suggerisce... che questo tipo di video è saldamente entro i limiti della dottrina del fair use del copyright."[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Daniel Roberts, With The Verge, SB Nation looks beyond just gadgets, in CNNMoney, 26 ottobre 2011. URL consultato il 4 maggio 2013 (archiviato il 4 maggio 2013).
  2. ^ Eric Eldon, A Closer Look At Chorus, The Next-Generation Publishing Platform That Runs Vox Media, techcrunch.com, 7 maggio 2012. URL consultato il 3 settembre 2012.
  3. ^ Richard Edelman – 6 A.M.: The Verge Is Coming, in Edelman. URL consultato il 7 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2012).
  4. ^ Nilay Patel becomes Editor-in-Chief of The Verge, Dieter Bohn is Executive Editor, Vox Media (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2015).
  5. ^ Corinne Grinapol, The Verge Names Helen Havlak Editorial Director, Promotes 3, in Adweek, 19 giugno 2017. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  6. ^ Searching for the verge | The Webby Awards Gallery + Archive, Winners.webbyawards.com. URL consultato il 15 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2014).
  7. ^ Kevin Lincoln, THE RAID ON AOL: How Vox Pillaged Engadget And Founded An Empire, in Business Insider, 9 gennaio 2012. URL consultato il 3 maggio 2013 (archiviato il 4 maggio 2013).
  8. ^ a b c Timothy B. Lee, Vox lawyers briefly censored YouTubers who mocked The Verge’s bad PC build advice, su Ars Technica, 20 febbraio 2019. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  9. ^ Sam Medley, The Verge issues copyright claims against multiple YouTube videos criticizing its infamous PC build video, su Notebookcheck, 15 febbraio 2019. URL consultato il 21 febbraio 2019.
  10. ^ Shawn Knight, Vox Media targets YouTuber that parodied The Verge's terrible PC build video, TechSpot, 14 febbraio 2019. URL consultato il 16 febbraio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]