Windows MultiPoint Server

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Windows MultiPoint Server è un sistema operativo basato su Microsoft Windows Server che utilizza la tecnologia di Servizi di desktop remoto per ospitare più stazioni di calcolo indipendenti indipendenti o terminali collegate a un singolo computer. Windows MultiPoint Server 2012 è stato la pubblicazione finale come SKU indipendente ed è stato sostituito dal ruolo MultiPoint Services in Windows Server 2016.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Windows MultiPoint Server 2010[modifica | modifica wikitesto]

Questa versione è stata pianificata a gennaio 2010 ma è stata pubblicata a febbraio 2010 e si basa su Windows Server 2008 R2.[1] È possibile aggiungere più stazioni a un computer host WMS 2010 collegando un singolo monitor, hub USB 2.0, tastiera e mouse per ciascuna stazione. I requisiti hardware per le stazioni MultiPoint non sono proprietari e per creare una stazione è possibile utilizzare qualsiasi scheda video, mouse, tastiera e monitor multi-monitor supportati su Windows Server 2008 R2.[2]

Windows MultiPoint Server 2010 è disponibile per l'acquisto tramite OEM o Academic Volume Licensing. La versione Accademica, acquisita tramite Academic Volume Licensing, supporta il dominio ed è senza limiti di licenza sul numero di stazione (tuttavia, si applicano ancora i limiti hardware), ma richiede un Windows Server 2008 R2 CAL e Windows MultiPoint Server 2010 CAL per ogni stazione, mentre la versione non accademica acquisita tramite OEM è limitata a un massimo di 10 stazioni e non supporta l'adesione al dominio, ma richiede solo una CAL per Windows MultiPoint Server 2010 per stazione e nessuna CAL per Windows Server 2008 R2.[3]

Windows MultiPoint Server 2011[modifica | modifica wikitesto]

Windows MultiPoint Server 2011, basato su Windows Server 2008 R2 SP1, è stato commercializzato alla produzione il 10 marzo 2011.[4] Le nuove funzionalità di Windows MultiPoint Server 2011 includono:

  • La possibilità di aggiungere stazioni di connessione e thin client sulla LAN tramite client RDP tradizionali
  • Supporto per thin client compatibili con RemoteFX
  • Un'estensibilità della console di gestione condivisa con Windows Small Business Server 2011 e Windows Home Server 2011
  • Possibilità di eseguire il backup da Windows Small Business Server Essentials 2011 (l'unico SKU del server che lo consente e supporta)[5]
  • Funzionalità che consentono agli amministratori di visualizzare e interagire con le anteprime dei desktop delle stazioni, tra cui
    • Proiezione del desktop di una singola stazione su una o tutte le stazioni[6]
    • Blocco della tastiera e del mouse della stazione e visualizzazione di un messaggio
    • Apertura e/o chiusura in remoto delle applicazioni
    • Limitare la navigazione in Internet a un elenco specifico di siti o bloccare la navigazione in un elenco specifico di siti
  • Gestione di più server e stazioni WMS da un'unica console di amministrazione
  • Supporto per l'esecuzione all'interno di una macchina virtuale
  • Distribuzione attraverso una più ampia varietà di canali di distribuzione per entrambe le edizioni

Inoltre, a differenza di Windows MultiPoint Server 2010, Windows MultiPoint Server 2011 ha le edizioni Standard e Premium. La tabella seguente confronta le differenze tra le due edizioni; condividono tutte le altre funzionalità allo stesso modo.[3][7][8]

TABELLA

Windows MultiPoint Server 2012[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 novembre 2012, Microsoft ha pubblicato Windows MultiPoint Server 2012 alla produzione.[9] Questa è la prima versione di MultiPoint basata su Windows Server 2012 e contiene diverse nuove funzionalità e aggiornamenti rispetto alle versioni precedenti:

  • L'aggiunta di MultiPoint Dashboard, un'applicazione che consente a utenti non amministratori specifici di monitorare e interagire con i desktop degli utenti
  • La possibilità di creare stazioni da macchine virtuali in esecuzione sul server WMS Premium, non disponibile nella versione standard
  • Protezione del disco, una funzionalità del server che ignora le modifiche apportate al server durante le sessioni utente simili a Windows SteadyState
  • Esperienza desktop di Windows 8 per gli utenti, incluso l'accesso a Microsoft Store
  • Monitoraggio dei computer client che eseguono Windows 7 o 8 con MultiPoint Server Connector

Windows Server 2016[modifica | modifica wikitesto]

Windows Server 2016 include MultiPoint Services come ruolo. Include la possibilità di distribuire un server in un ruolo multipunto.

Windows Server, versione 1803[modifica | modifica wikitesto]

In Windows Server, versione 1803, Microsoft non sta più sviluppando il ruolo Servizi MultiPoint come parte di Windows Server. Solo i servizi MultiPoint Connector sono disponibili tramite Feature on Demand sia per Windows Server che per Windows 10.[10]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Windowsteamblog.com, 24 February 2010, https://web.archive.org/web/20100921084901/http://windowsteamblog.com/windows/b/windowsexperience/archive/2010/02/24/windows-multipoint-server-2010-brings-more-affordable-computing-for-education.aspx. URL consultato il 10 March 2011 (archiviato dall'url originale il 21 September 2010).
  2. ^ Microsoft, https://www.microsoft.com/windows/multipoint/learn-more.aspx. URL consultato il 10 March 2011.
  3. ^ a b Microsoft, 1º February 2008, https://www.microsoft.com/windows/multipoint/buy.aspx. URL consultato il 10 March 2011.
  4. ^ Copia archiviata, Windows Multipoint Server Team Blog. URL consultato il 10 March 2011 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2011).
  5. ^ The Official SBS Blog, 23 February 2011, https://blogs.technet.com/b/sbs/archive/2011/02/23/windows-multipoint-server-2011-and-interaction-with-small-business-server-2011-essentials.aspx. URL consultato il 10 March 2011.
  6. ^ Microsoft, https://www.microsoft.com/windows/multipoint/2011.aspx. URL consultato il 10 March 2011.
  7. ^ SeanDaniel, 6 January 2011, http://sbs.seandaniel.com/2011/01/windows-multi-point-2011-and-how-it.html. URL consultato il 10 March 2011.
  8. ^ Msmvps.com, 6 March 2011, https://msmvps.com/blogs/bradley/archive/2011/03/06/did-you-know-this-about-multipoint-server.aspx. URL consultato il 10 March 2011.
  9. ^ Goddard, Steven, Copia archiviata, Technet, November 27, 2012. URL consultato il 20 January 2013 (archiviato dall'url originale il febbraio 3, 2013).
  10. ^ microsoft.com, 10 May 2018, https://docs.microsoft.com/en-us/windows-server/get-started/windows-server-1803-removed-features. URL consultato il 27 December 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]