Bourne shell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bourne shell
Autore Stephen Bourne
Data di origine 1977
Implementazione di riferimento
Sistema operativo Unix

La Bourne shell, nota anche col nome di sh, è una shell testuale per i sistemi operativi Unix.

Pur essendo concepita come interprete di un linguaggio di scripting, essa divenne popolare anche nell'uso interattivo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Essa prende il nome dal suo inventore, Stephen Bourne dei laboratori AT&T, che la sviluppò nel corso degli anni 1970[1], per rilasciarne nel 1978[2] la versione poi usata nella versione 7 di UNIX.

A partire dalla versione 7 di UNIX, la Bourne shell sostituì la Thompson shell come shell predefinita del sistema,[1] distribuita ai college ed alle università. Oggi è del tutto obsoleta, tuttavia è ancora presente su Solaris come /bin/sh. Nell'uso quotidiano è stata sostituita da altre shell come Bash e la Korn shell, che ne riprendono la sintassi, ampliandola.

Esempi di utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Hello, world![modifica | modifica wikitesto]

Scrive il testo "Hello world" sullo standard output.

echo 'Hello World'

Contenuto di una directory[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzo del comando "ls" per visualizzare il contenuto della Scrivania su un sistema Ubuntu.

ls /home/utente/Scrivania

Cambiare directory[modifica | modifica wikitesto]

Per spostarsi da una cartella all'altra, è necessario usare il comando "cd".

cd /home/utente/Scrivania/cartella/

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Nikolai Bezroukov, Introduction to the Unix shell history, softpanorama.org. URL consultato il 29 maggio 2008.
  2. ^ Si veda il file sorgente msg.c, che contiene la linea «MSG version = "\nVERSION sys137 DATE 1978 Nov 6 14:29:22\n";»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]