Logo (informatica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo
Remi turtlegrafik.png
AutoreWally Feurzeig, Seymour Papert e Cynthia Solomon
Data di origine1967
Paradigmiprogrammazione funzionale
Influenzato daLisp
Logo turtle graphic

Logo, o LOGO, è un linguaggio di programmazione a scopo didattico, il primo pensato eminentemente per scopi educativi e orientato all'infanzia. Venne progettato nel 1967 da Wally Feurzeig, Seymour Papert e Cynthia Solomon alla Bolt Beranek and Newman, un'azienda americana di Cambridge e vide la prima implementazione della sua caratteristica interfaccia grafica, la tartaruga, nel 1969. Il progetto trova origine negli studi di Papert con Jean Piaget e nella successiva fondazione, con Marvin Minsky, del laboratorio di intelligenza artificiale del MIT. Il suo fondamento filosofico è costruttivista.

Logo è un dialetto Lisp multi-paradigma.[1] Non ha uno standard vero e proprio e alcune implementazioni ne estendono ampiamente i costrutti fino a renderlo equivalente a un linguaggio di programmazione generico. Di solito viene interpretato ma negli anni sono stati sviluppati anche compilatori per alcuni dialetti, come Lhogho e Liogo.

Il nome non è un acronimo ma deriva dal greco λόγος, logos, nel significato di "parola" o "pensiero". Fu scelto da Feurzeig per evidenziare che a differenza dei linguaggi di programmazione suoi contemporanei era maggiormente orientato alla grafica e alla logica.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Venne creato nel 1967 presso i laboratori della Bolt, Beranek e Newman (BBN), una società di ricerca di Cambridge, nel Massachusetts, da Wally Feurzeig, Cynthia Solomon e Seymour Papert.[3] Le sue radici intellettuali sono nell'intelligenza artificiale, nella logica matematica e nella psicologia dello sviluppo. I primi quattro anni di attività di ricerca, sviluppo e insegnamento del linguaggio vennero effettuati presso la BBN. La prima implementazione, chiamata Ghost, venne stata scritta in Lisp su un PDP-1. L'obiettivo era creare un ambiente in cui i bambini potessero giocare con parole e frasi.[4] Modellato su LISP, tramite l'uso di tartarughe virtuali ha permesso un immediato riscontro visivo e il debug della programmazione grafica. La prima implementazione di questa caratteristica interfaccia grafica avvenne nel 1969 e non è cambiato molto da allora nei concetti di base. La prima tartaruga era un vagabondo a pavimento, non radiocomandato o wireless. Alla BBN, Paul Wexelblat sviluppò una tartaruga di nome Irving che aveva sensori tattili e poteva muoversi avanti, indietro, ruotare e suonare la campana. I primi utenti del linguaggio furono gli alunni della Muzzey Jr High, Lexington, Massachusetts, nel 1968-69. Le tartarughe virtuali e quelle fisiche furono usate per la prima volta dalla quinta elementare alla Bridge School di Lexington negli anni 1970-71.

In origine il LOGO fu utilizzato per muovere un semplice robot, al quale si potevano dare comandi del tipo FORWARD 50 per andare avanti di 50 passi o RIGHT 90 per girare a destra di 90 gradi. Il primo di questi robot aveva una corazza simile a quella di una tartaruga, da cui il nome del cursore (che nelle prime versioni su schermo era semplicemente un piccolo triangolo). Con lo sviluppo dei monitor il linguaggio LOGO divenne più accessibile e negli anni ottanta ne vennero realizzate versioni per personal computer, ad esempio l'Apple II, il Commodore 64, l'MSX e lo ZX Spectrum, utilizzate a scopi didattici, spesso per il laboratorio di geometria.

Negli anni ottanta fu realizzata anche una versione del LOGO con i comandi in italiano. Una delle caratteristiche del LOGO è che ogni comando ha una forma lunga e una abbreviata.

Impieghi pedagogici[modifica | modifica wikitesto]

La geometria della tartaruga si differenzia dal modo tradizionale di disegnare al computer perché descrive i percorsi "dall'interno" piuttosto che "dall'esterno" o "dall'alto". A esempio, dicendo "gira a destra", non si esprime una direzione assoluta, ma una direzione relativa all'orientamento corrente della tartaruga, dicendo "vai avanti di dieci passi", ci si riferisce alla posizione e alla direzione correnti. Questo approccio ha molti vantaggi: disegnare un quadrato inclinato - a esempio - è facile come disegnare un quadrato non inclinato in quanto la sequenza delle istruzioni sarà la stessa, cambierà solo la posizione iniziale della tartaruga; un altro vantaggio è di carattere pedagogico in quanto questo modo di disegnare, infatti, è consono all'esperienza del ragazzo, poiché è analogo al modo di muoversi nello spazio.

Il LOGO è stato utilizzato con vantaggio nelle scuole elementari e medie inferiori perché permette anche a un principiante di ottenere subito risultati visibili. Dal punto di vista didattico, insegnava un metodo di programmazione più strutturato rispetto al più famoso BASIC in cui anche i programmi più banali costringono a un uso massiccio del costrutto GOTO. Inoltre incoraggia la programmazione modulare con uso intensivo di procedure e offre molta estensibilità per gli utenti più esperti. Al programmatore principiante vengono proposte in modo naturale le basi della programmazione per contratto. A esempio in un manuale di LOGO per la scuola media si legge: "È bene abituarsi a scrivere i programmi in modo tale che alla fine la tartaruga risulti rivolta verso l'alto".

Comandi[modifica | modifica wikitesto]

La tartaruga che appare sullo schermo sembra un piccolo triangolo. La testa mostra in quale direzione si muoverà il cursore. Quando la tartaruga si muove disegna una linea. È possibile dare comandi alla tartaruga per andare avanti, indietro, girare a destra o a sinistra. La successione di più comandi determinerà la creazione di figure geometriche.

ATTIVITÀ COMANDO ABBREVIAZIONE
Andare avanti FORWARD FD
Andare indietro BACK BK
Ruotare a destra RIGHT RT
Ruotare a sinistra LEFT LT
Cancella il disegno CLEARSCREEN CS
Torna al punto iniziale HOME HT
Penna su PENUP PU
Penna giù PENDOWN PD
Colore penna SETPC
Colore riempimento ROSSO SETFC RED FILL
Colore schermo SETSC
Dimensione penna SETPENSIZE [50 50]

Esempi di programmi[modifica | modifica wikitesto]

Hello, world![modifica | modifica wikitesto]

Il seguente esempio stampa il testo "Hello world".

  print word "Hello World"

Disegno di un quadrato[modifica | modifica wikitesto]

Altro programma di esempio: Disegno di un quadrato con 50 pixel di lato

(versione LOGO in inglese)

  REPEAT 4 [FORWARD 50 RIGHT 90]       oppure
  REPEAT 4 [FD 50 RT 90]          (sintassi abbreviata)

(versione LOGO in italiano)

  RIPETI 4 [AVANTI 50 DESTRA 90]       oppure
  RIPETI 4 [A 50 D 90]            (sintassi abbreviata)

Disegna un pentagono

  Ripeti 5 [A 50 D 72]
  End

Disegno del triangolo[modifica | modifica wikitesto]

- Triangolo equilatero con 50 pixel di lato (versione LOGO in inglese)

  REPEAT 3 [LEFT 120 FORWARD 50]       oppure
  REPEAT 3 [LT 120 FD 50]          (sintassi abbreviata)

- Triangolo rettangolo con 80, 150 e 130 pixel di lato (versione LOGO in inglese)

  FORWARD 80
  RIGHT 120
  FORWARD 150
  RIGHT 150
  FORWARD 130       oppure
  FD 80
  RT 120
  FD 150
  RT 150
  FD 130          (sintassi abbreviata)

Proposte didattiche[modifica | modifica wikitesto]

CLASSE III

Descrizione del linguaggio LOGO, con elencazione dei comandi necessari per far muovere la tartaruga sullo schermo e creazione di semplici figure geometriche come il quadrato, il cerchio, il rettangolo e vari tipi di triangoli.

CLASSE IV

Introduzione del concetto di procedura, quindi dei comandi TO e END.

CLASSE V

Introduzione di nuove variabili locali come il colore e il suono.

Introduzione delle stringhe.

Introduzione delle variabili globali.

Introduzione delle condizioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CSLS Vol 1, Preface .pxvi, Harvey 1997
  2. ^ Paul E. Goldenberg, Logo - A Cultural Glossary, in BYTE, agosto 1982. URL consultato il 29 gennaio 2018.
  3. ^ Logo Foundation
  4. ^ Cynthia Solomon

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]