Riese Pio X

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riese Pio X
comune
Riese Pio X – Stemma Riese Pio X – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Amministrazione
Sindaco Matteo Guidolin (lista civica Scelgo Riese) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate 45°43′47.64″N 11°55′12″E / 45.7299°N 11.92°E45.7299; 11.92 (Riese Pio X)Coordinate: 45°43′47.64″N 11°55′12″E / 45.7299°N 11.92°E45.7299; 11.92 (Riese Pio X)
Altitudine 65 m s.l.m.
Superficie 30,64 km²
Abitanti 10 976[1] (31-12-2010)
Densità 358,22 ab./km²
Frazioni Poggiana, Spineda, Vallà

Località: Cendrole

Comuni confinanti Altivole, Asolo, Castelfranco Veneto, Castello di Godego, Fonte, Loria, San Zenone degli Ezzelini, Vedelago
Altre informazioni
Cod. postale 31039
Prefisso 0423
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 026068
Cod. catastale H280
Targa TV
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti riesini
Patrono san Matteo
Giorno festivo 21 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Riese Pio X
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

Riese Pio X è un comune di 10.941 abitanti in provincia di Treviso, paese natale di san Pio X, pontefice della Chiesa cattolica dal 1903 al 1914.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune si trova a metà strada fra Castelfranco Veneto ed Asolo nella parte alta della pianura veneta. Dominato dal massiccio del Monte Grappa. Il territorio, interamente pianeggiante, è morfologicamente diviso in due parti: quella ad est è costituita da terreni rossastri, tendenzialmente aridi, quella a ovest è invece caratterizzata dal sovrapporsi dei depositi alluvionali del torrente Musone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Pio X si rifà a Papa Pio X, nato nel giugno 1835 proprio a Riese, ed è aggiunto alla denominazione del comune dal 1952[2].

Il 17 novembre 878 Ermengarda, badessa del monastero di S. Salvatore di Brescia, detto Nuovo, dà a titolo di livello ventinovennale a Rotecherio, figlio del fu Aliverto, residente in Affi in finibus Gardense (Lago di Garda), due curtes domocoltili site nel territorio vicentino ubicate a Quarto e Bellonico nel comitato Vicentino e della corticella Riese nel Trevigiano, "ad laborandum et censum reddendum": «nec non et tercia curticella in comitatu Trevisiom locus Rese», con l'obbligo di corrispondere ogni anno a S. Martino presso il monastero, un fitto di cento soldi, 58 per la curtis di Quarto, 30 per quella di Bellonico, e infine dodici per quella di Riese. Lo stesso monastero risulta conservare residue proprietà a Riese in un documento della metà del sec. XII. Successivamente Riese viene citato fra i confini della corte di Godego nel 972 e nel 992, ed ancora fra il 1053-1078 alcuni mansi ivi ubicati vengono donati al capitolo della chiesa di Frisinga (Baviera)

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Riese Pio X-Stemma.png

Lo stemma comunale, adottato con regio decreto-legge 23 febbraio 1928, è così descritto:

« Partito, al primo d'azzurro, al castello d'argento, sormontato da due stelle dello stesso; al secondo d’azzurro, all'ancora di nero uscente da un mare ondato d'argento, sormontata da una stella di sei raggi d'oro, col capo d'argento al leone di San Marco. Lo scudo fregiato di ornamenti da Comune. »
(Comune di Riese Pio X - Statuto, art. 6, comma 2)
Stemma di papa Pio X.

L'arma è chiaramente ispirata a quella di Pio X con il leone di San Marco in capo, tradizionalmente usato dai patriarchi di Venezia, e l'àncora nel mare in tempesta, simbolo della speranza cristiana. Unica differenza è l'aggiunta del partito sinistro con il castello, richiamo all'antico fortilizio che sorgeva sul luogo dove oggi si trova il municipio.

Con decreto del presidente della Repubblica 11 marzo 1953 il comune dispone anche di un gonfalone, costituito da

« un drappo bianco al palo di bianco riccamente ornato di ricami d'argento intestato COMUNE DI RIESE PIO X e riportante lo stemma come sopra descritto. »
(Comune di Riese Pio X - Statuto, art. 6, comma 3)

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • La Casa natale di San Pio X, donata da Maria Sarto (1846-1930), sorella di Pio X, al comune di Riese nel 1926, conserva suppellettili domestiche della famiglia Sarto.
  • Il Museo di San Pio X, costruito nel 1935, in occasione del centenario della nascita del santo, conserva numerosi suoi cimeli. La casa natale e il museo, restaurato nel 1985 in occasione della venuta a Riese di papa Giovanni Paolo II, è visitato ogni anno da circa 10.000 persone.
Il Santuario della Beata Vergine delle Cendrole

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Qualità della vita e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune Riciclone 2011: un importante riconoscimento di Legambiente che premia Riese Pio X come primo comune del nord Italia, con popolazione superiore a 10.000 abitanti, per la raccolta differenziata dei rifiuti[4].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Dialetto di Riese[modifica | modifica wikitesto]

Il Dialetto di Riese è una variante della Lingua veneta, parlato unicamente nel capoluogo del comune, nella località di Cendrole e nella frazione di Spineda. Ridotto ormai a poche centinaia di parlanti, è diffuso essenzialmente tra le generazioni più anziane e rurali. Più che di un dialetto omogeneo in sé, converrebbe parlare di un insieme di congiunture dialettali, essendo il territorio comunale una sorta di spartiacque linguistico fra Dialetto pedemontano del Grappa e Dialetto veneto centrale. Qualche testimonianza scritta la si può trovare in alcune poesie e testi dialettali pubblicati nel corso degli anni nel periodico "Ignis Ardens", giornale bimensile della Parrocchia di Riese Pio X. Analizzandolo presenta molte caratteristiche sintattiche, lessicali e fonetiche del Dialetto veneto centrale, ma diverge da questo per alcune peculiarità:

  • Caduta della vocale finale dopo "L" nei suffissi: ad esempio fratello diventa fradel anziché frade(l)o, pedale diventa pedal anziché peda(l)e
  • Caduta della vocale finale dei verbi: ad esempio mangiare diventa magnar anziché magnare, venire diventa vegner anziché vegnere; il corrispondente del suffisso italiano -iere nei nomi comuni diviene -ier perdendo dunque la vocale finale anch'esso: ad esempio carabiniere e mestiere diventano rispettivamente carabinier e mestier
  • L'indicativo imperfetto della prima persona singolare termina con -a(v)e, con -e(v)e o con -i(v)e: ad esempio io portavo diventa mi porta(v)e, io battevo diventa mi bate(v)e; l'indicativo imperfetto della prima persona plurale termina con -amo(v)i, con -emo(v)i o con -imo(v)i: ad esempio noi andavamo diventa nuantri 'ndamo(v)i, noi correvamo diventa nuantri coremo(v)i
  • Il congiuntivo presente della prima persona singolare termina con -e: ad esempio che io parli diventa che mi parle, che io patisca diventa che mi patise; il congiuntivo imperfetto della prima persona plurale termina con -asimo(v)i, con -esimo(v)i o con -isimo(v)i: ad esempio se noi guardassimo diventa se nuantri vardasimo(v)i, se noi capissimo diventa se nuantri capisimo(v)i
  • Il condizionale presente della prima persona plurale termina con -arisimo(v)i o con -irisimo(v)i: ad esempio noi porteremmo diventa nuantri portarisimo(v)i, noi finiremmo diventa nuantri finirisimo(v)i

Persone legate a Riese[modifica | modifica wikitesto]

Fiere e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marcia "De Bepi Sarto" dal 1973 l'ultimo sabato di maggio, si tratta di una marcia notturna di circa 10 Km attraverso il territorio del comune con un percorso che passa per il Santuario delle Cendrole, luogo in cui il giovane Giuseppe Melchiorre Sarto, poi Pio X, andava a pregare.
  • Fiera degli uccelli a fine luglio presso il parco di Villa Eger.
  • Festival internazionale Papa Pio X in agosto presso il giardino della casa natale di Pio X.
  • Presepio vivente a metà dicembre.
  • Palio dei Mussi, ogni terza domenica di settembre, consistente in una gara di corsa a dorso d'asino (in dialetto "Musso", tre le borgate storiche del Paese (La Piazza, Jare, Pasoti, Cendrole, Terre Grosse, Pojana, Spinea, Vallà).
  • Ricostruzione storica degli Antichi Mestieri, il sabato sera e la domenica del Palio.
  • Presepio artistico presso la scuola dell'infanzia (Asilo) dalla terza domenica di dicembre fino all'ultima domenica di gennaio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2014 Gianluigi Contarin LN - Liga Veneta Sindaco
2014 in carica Matteo Guidolin lista civica Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Dossier comuni ricicloni 2011
Veneto Portale Veneto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Veneto