Cessalto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cessalto
comune
Cessalto – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Amministrazione
Sindaco Franca Gottardi (lista civica) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 45°43′00″N 12°37′00″E / 45.716667°N 12.616667°E45.716667; 12.616667 (Cessalto)Coordinate: 45°43′00″N 12°37′00″E / 45.716667°N 12.616667°E45.716667; 12.616667 (Cessalto)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 28,19 km²
Abitanti 3 855[1] (31-12-2010)
Densità 136,75 ab./km²
Frazioni Santa Maria di Campagna, Sant'Anastasio
Comuni confinanti Ceggia (VE), Chiarano, Motta di Livenza, Salgareda, San Donà di Piave (VE), San Stino di Livenza (VE), Torre di Mosto (VE)
Altre informazioni
Cod. postale 31040
Prefisso 0421
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 026015
Cod. catastale C580
Targa TV
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 353 GG[2]
Nome abitanti cessaltini
Patrono san Biagio
Giorno festivo 3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cessalto
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

Cessalto (Cessàlto /tʃe'salto/ in veneto[3]) è un comune italiano di 3.855 abitanti[4] della provincia di Treviso in Veneto.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini del nome

Il nome deriva da caesus saltus "bosco tagliato" o da cessus saltus "bosco lontano"; si tratta in ogni caso di un chiaro riferimento alla vasta foresta planiziale di cui ancora sopravvive un lembo nel bosco Olmè[5].

La presenza umana ha lasciato notevoli tracce sin dall'epoca romana: ai reperti archeologici (si cita un pregevole monumento funerario ora collocato all'ingresso del municipio) si aggiungono i resti di una centuriazione ravvisabili nell'attuale disposizione di strade e fossati.

Dopo la decadenza seguita alla caduta dell'Impero Romano, l'insediamento risorse nel basso medioevo. Pare che nel Duecento esistesse un fortilizio definito il "castello dei castelli", realizzato su un terrapieno presso un'ansa del Piavon. Fu proprio il Piavon a contribuire allo sviluppo del paese, grazie agli interventi promossi dai Caminesi che lo resero un importante via d'acqua, funzione che mantenne anche dopo l'arrivo dei Veneziani per collegare alla laguna le numerose ville patrizie.

Caduta la Serenissima, Cessalto seguì le sorti di tutto il Veneto e, dopo la dominazione austriaca, fu annessa al Regno d'Italia nel 1866[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Villa Zeno[modifica | modifica sorgente]

Prospetto anteriore di Villa Zeno
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Villa Zeno.

Sita nella località di Donegal, la villa risale al XVI-XVII secolo, periodo durante il quale fu edificata su progetto del celebre architetto Andrea Palladio (1508-1580).

Il corpo centrale è presente ne I quattro libri dell'architettura (1570), mentre probabilmente furono realizzate in epoca diversa le barchesse laterali. La villa risulta suddivisa in tre livelli e presenta al primo e al secondo piano un androne centrale con stanze disposte lungo le ali laterali così come è disegnata nei libri del Palladio.

Il complesso è stato incluso nell'elenco dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1996, assieme alle altre ville palladiane del Veneto.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[6]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gli stranieri residenti nel comune sono 723, ovvero il 18,8% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[7]:

  1. Albania Albania, 192
  2. Marocco Marocco, 150
  3. Romania Romania, 110
  4. Nigeria Nigeria, 51
  5. Macedonia Macedonia, 42
  6. Senegal Senegal, 38
  7. India India, 34

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Una delle manifestazioni più rilevanti è Luci sul Brian, che consiste in una sfilata di zattere sul fiume Brian organizzata durante la prima settimana di agosto. La prima edizione è del 1955.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Nel 1939 la circoscrizione territoriale ha visto il distacco di territori aggregati al comune di San Stino di Livenza, in provincia di Venezia (censimento 1936: pop. res. 14)[8].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Ulderico Bernardi, Abecedario dei villani. Un universo contadino veneto, Di Adamo Editore, 2001, p. 473, ISBN 88-900709-0-0.
  4. ^ Dato Istat al 31/12/2010.
  5. ^ a b Comune di Cessalto - Cenni storici.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2010 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  8. ^ Unità amministrative. Variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000. Popolazione legale per comune ai censimenti dal 1861 al 1991 ai confini dell'epoca, Roma, ISTAT, 2001, ISBN 88-458-0574-3.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]