Borso del Grappa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Borso del Grappa
comune
Borso del Grappa – Stemma
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Sindaco Ivano Zordan (lista civica) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 45°49′00″N 11°48′00″E / 45.816667°N 11.8°E45.816667; 11.8 (Borso del Grappa)Coordinate: 45°49′00″N 11°48′00″E / 45.816667°N 11.8°E45.816667; 11.8 (Borso del Grappa)
Altitudine 279 m s.l.m.
Superficie 33,00 km²
Abitanti 5 863[1] (31-12-2010)
Densità 177,67 ab./km²
Frazioni Sant'Eulalia, Semonzo
Comuni confinanti Cismon del Grappa (VI), Crespano del Grappa, Mussolente (VI), Pove del Grappa (VI), Romano d'Ezzelino (VI), San Zenone degli Ezzelini
Altre informazioni
Cod. postale 31030
Prefisso 0423
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 026004
Cod. catastale B061
Targa TV
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 738 GG[2]
Nome abitanti borsatti
Patrono Madonna del Carmine e san Zenone
Giorno festivo 16 luglio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Borso del Grappa
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

Borso del Grappa è un comune italiano di 5.860 abitanti[3] della provincia di Treviso, in Veneto.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini del nome

Borso potrebbe derivare da Bursa, personale documentato in varie zone del Veneto (per esempio a Borsoi di Tambre). Altre ipotesi, meno probabili, lo legano a un altro nome proprio (Bonaccorso) o a bosso[4].

Borso del Grappa fu abitato dai paleoveneti ma successivamente dai romani e dai longobardi; vi è stato il ritrovamento di una tomba paleoveneta accanto ad una longobarda in un orto di Borso, e la tomba di un legionario romano nella frazione di Sant'Eulalia.

Borso, con le frazioni Semonzo e Cassanego, sono tra le località coinvolte nelle vicende che, tra l'XI secolo e il XIII secolo, videro come protagonista la potente famiglia degli Ezzelini. I toponimi sono citati nel computo delle molte proprietà della casata, stilato dopo la sua sconfitta avvenuta nel 1260.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]


Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

La denominazione del comune fino al 1920 era semplicemente Borso[6]. L'appellativo "del Grappa", che rimanda alla sovrastante montagna, si riferisce agli eventi della prima guerra mondiale.

Economia[modifica | modifica sorgente]

La Pipa[modifica | modifica sorgente]

La Pipa di Borso del Grappa costituisce sia la massima espressione dell'artigianato locale, che un pezzo di storia e cultura popolare locale. Alcuni esemplari sono conservati presso il Municipio di Borso.

Ricavata dal legno di carpino e marasca, conosciuto per il suo aroma caratteristico, viene successivamente intagliata dal piparo nelle più svariate forme e dimensioni e viene decorata ad intaglio con figure di fiori ed animali delle montagne di Borso.

La sua lavorazione si diffuse soprattutto nel periodo della prima guerra mondiale dalla creatività e dalle necessità economiche di alcuni suoi cittadini. Prima usata soltanto per fumare e poi diventata oggetto ornamentale, la Pipa rappresenta l'espressione massima dell'artigianato locale.

Questa attività rimase tra le principali fonti di sostentamento per la maggior parte della popolazione (circa il 70%) fino agli anni settanta, quando altre attività più redditizie e soprattutto l'avvento della tecnologia ne causarono la graduale scomparsa. Ripresa negli anni ottanta grazie all'interesse e all'impegno di alcuni artigiani locali, venne riproposta non soltanto in legno ma anche in ceramica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Dato Istat al 30/11/2010.
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, pp. 107-108.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]