San Fior

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Fior
comune
San Fior – Stemma San Fior – Bandiera
Il centro (piazza Marconi col vecchio cinema e il Municipio)
Il centro (piazza Marconi col vecchio cinema e il Municipio)
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Treviso-Stemma.png Treviso
Amministrazione
Sindaco Gastone Martorel (lista civica Vivo San Fior) dal 26-5-2014
Territorio
Coordinate 45°55′14″N 12°21′00″E / 45.920556°N 12.35°E45.920556; 12.35 (San Fior)Coordinate: 45°55′14″N 12°21′00″E / 45.920556°N 12.35°E45.920556; 12.35 (San Fior)
Altitudine 57 m s.l.m.
Superficie 17,77 km²
Abitanti 6 940[2] (31-12-2010)
Densità 390,55 ab./km²
Frazioni Castello Roganzuolo, San Fior di Sotto[1]
Comuni confinanti Codognè, Colle Umberto, Conegliano, Godega di Sant'Urbano, San Vendemiano
Altre informazioni
Cod. postale 31020
Prefisso 0438
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 026072
Cod. catastale H843
Targa TV
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti sanfioresi
Patrono san Giovanni Battista
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Fior
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Il territorio comunale nella provincia di Treviso.
Sito istituzionale

San Fior (toponimo invariato in veneto) è un comune italiano di 6.153 abitanti della provincia di Treviso, in Veneto.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il territorio del comune è diviso tra colli (Castello Roganzuolo) e pianura (San Fior di Sopra, San Fior di Sotto), con un'altitudine che varia tra i 29 e i 120 m s.l.m. Le aree agricole, un tempo più vaste, sono ancora la cifra di gran parte dell'area, dove la conformazione è quella tipica dei palù.
Nello specifico, il capoluogo San Fior di Sopra è sviluppato ai piedi dei colli morenici della frazione Castello Roganzuolo e del comune di Colle Umberto; vi scorre un piccolo fiume, il Codolo.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Chiesa arcipretale di San Giovanni Battista[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiesa di San Giovanni Battista (San Fior).
La chiesa di San Giovanni Battista

La chiesa di San Fior, edificio sacro di grande importanza storico-artistica, nasce tra il V e VI secolo nell'area tra il fiume Codolo e l'attuale piazza Marconi, ove sorge il Municipio.

L'attuale struttura con cupola è novecentesca, in stile neogotico, costruita su progetto di Vincenzo Rinaldo a partire dall'edificio sacro preesistente.

Internamente la chiesa ha una pala d'altare di valore, vanto della comunità parrocchiale di San Fior: il Polittico di San Giovanni Battista del Cima da Conegliano, opera composta da otto parti in un cassettone ligneo.

Altre opere di valore sono:

  • Ultima cena di anonimo cinquecentesco
  • Arcangelo Raffaele e Tobiolo di anonimo settecentesco
  • Il battistero, vasca marmorea datata 1494
  • Crocefisso, scultura lignea settecentesca attribuita a Andrea Brustolon
  • Adorazione dei pastori, tela di Giacomo Rota, del secondo Cinquecento

Per quanto riguarda la vecchia chiesa, ancora presente sul lato destro della nuova, nella quale è incastonate, è stata restaurata nel 1998, ridando splendore ad antichi affreschi.

La tomba della beata Mastena

Tomba della beata Mastena[modifica | modifica sorgente]

Nel cimitero di San Fior, adiacente alla parte absidale della chiesa e al giardino della Congregazione religiosa delle Suore del Santo Volto, fondata qui da Maria Pia Mastena, si trova una cappella, all'ingresso del camposanto, dove la beata era sepolta assieme a tutte le consorelle che hanno operato nella congregazione a San Fior.

Dal 2012 le è stata predisposta una teca nella restaurata cappella della chiesa parrocchiale.

La chiesetta di San Bernardino

Chiesa di San Bernardino[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Chiesa di San Bernardino (San Fior).

Si tratta di un edificio di piccole dimensioni, situato lungo la Pontebbana, a pochi metri dal centro. Fu edificato nel XV secolo dalla comunità sanfiorese ed è stato restaurato negli anni '90 del Novecento. La facciata a capanna presenta quattro aperture: il portale sovrastato da un piccolo timpano, due ampie finestre rettangolari ai lati e un piccolo rosone al centro. Il piccolo campanile si pone come continuazione della parte sinistra della facciata, con le sue quattro aperture a tutto sesto e la sommità appuntita culminante nella croce. Anche il lato che costeggia la strada statale presenta un ingresso murato e due finestre laterali.

La cappella Cadorin-Soldi vista da Borgo Canè

Cappella Cadorin-Soldi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Villa Cadorin Soldi#Cappella gentilizia.

La cappella Cadorin, dal 2002 di proprietà del comune, è parte del complesso di Villa Cadorin-Soldi, risalente al XIX secolo. Si tratta di una caratteristica architettura di valore storico-architettonico, ubicata presso borgo Canè.

Capitelli[modifica | modifica sorgente]

Sono numerosi nel capoluogo, come in tutto il comune[3], i capitelli e i segni del sacro, sintomo di un secolare culto a livello popolare. In centro, nei vecchi borghi, nelle aree rurali, ma anche nei nuovi quartieri residenziali.

  • Nicchia della Madonna del Divino Amore (largo G.B.Cima, anni '50/'60)
  • Colonna della Vergine Incoronata con Bambino (presso Istituto del Santo Volto, 1967)
  • Tabernacolo di Sant'Antonio da Padova (via Roma, XIX secolo)
  • Tabernacolo di Sant'Antonio da Padova (via Mel, XX secolo)
  • Nicchia di Sant'Antonio da Padova (via Trieste, inizio XX secolo)
  • Edicola della Madonna (via Borgo Montalti, anni '40/'50)

Nell'XI secolo è stato posto in largo G.B.Cima, presso la chiesa arcipretale e a ridosso dell'Istituto del Santo Volto, un monumento dedicato alla beata Maria Pia Mastena, fondatrice della congregazione che lì ha sede. La statua in bronzo è dello scultore Michele Visentin.

Architetture civili e rurali[modifica | modifica sorgente]

Municipio[modifica | modifica sorgente]

Il municipio di San Fior

Struttura novecentesca che domina e forma davanti a sé, abbracciandola su due lati, la piazza centrale di San Fior, intitolata a Guglielmo Marconi. Il palazzo consta di due parti: quella centrale e quella laterale, a destra, rese adiacenti dalla sala polifunzionale. Ambedue le parti si dispongono su due piani: al piano terra un lungo portico sostenuto da agili colonnine fa da base al piano superiore, blocco compatto intonacato di bianco con a mezzo una fila di finestre quadrangolari. La parte centrale si differenzia per essere caratterizzata dalla forma semicilindrica sporgente sulla piazza e dall'altezza superiore (tre piani): essendo vitrea, essa dà luminosità all'edificio sia internamente che esternamente.

Borghi[modifica | modifica sorgente]

Borgo Canè. A destra si vedono le guglie della cappella Cadorin-Soldi

Come in tutto il territorio comunale[4], i borghi sono i vecchi nuclei abitativi, attorno ai quali, più o meno coerentemente alla conformazione di tali abitati, sono venute a costituirsi le moderne aree residenziali. Particolarmente numerosi sono a San Fior capoluogo, di cui essi costituiscono parte del patrimonio storico architettonico.

Borgo Canè, edificio centrale
  • Borgo Canè. È il borgo lungo il quale si è sviluppata la tenuta di Villa Soldi nel XIX secolo e si trova sulla strada che da San Fior conduce a Castello Roganzuolo. Le strutture, adiacenti l'una all'altra, sono tutte di due o tre piani. Tra quelle di più pregevole fattura, la casa all'angolo con via P.F.Calvi, coll'ingresso del cortile in pietra ad arco e l'edificio principale abbellito da un cornicione con modanature. Altro edificio da segnalare è quello centrale del borgo, con la facciata tripartita, secondo il modello delle ville veneziane, e la parte più alta terminata da un timpano; delle monofore con mascherone in chiave di volta e balaustra evidenziano i due livelli superiori, mentre in una nicchia a lato del portale d'ingresso sopravvivono le tracce di un affresco votivo.
Borgo Barozzi, la casa natale di Sebastiano Barozzi
  • Borgo Barozzi. Inglobato nell'area residenziale di via Barozzi, è uno dei borghi più importanti del comune, in quanto va segnalata una casa che ne dà lustro e rilevanza: si tratta del luogo che diede i natali al patriota Sebastiano Barozzi, da cui il nome del borgo; sulla parete esterna una lapide lo ricorda così:
QUI NACQUE / SEBASTIANO ABB. BAROZZI / PATRIZIO VENETO / POETA INSIGNE E SOLDATO / S.FIORE ONORÒ / VISSE IN BELLUNO / CHE MORTE IL COMPIANSE / FORTUNA NELLA VITA / RIGUARDOLLO CON SDEGNO / A LUI ERA SERBATA / LA RICORDANZA DEI POPOLI / [POSE UN AMICO 1884].

Case rurali[modifica | modifica sorgente]

Prospetto posteriore della casa rurale di via Serravalle

Numerose sono le case rurali schedate nel comune di San Fior, a testimoniare l'economia di un passato quasi esclusivamente agricolo. Il loro stile architettonico si riscontra appartenere a una matrice comune, seppur con variazioni a volte sostanziali, ma sempre caratterizzanti e in armonia con le linee del paesaggio.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Castello Roganzuolo#Case rurali e San Fior di Sotto#Case Rurali.
  • Casa rurale di via Serravalle. Sulla sommità del dolce pendio di via Serravalle, poco sopra la tenuta di Villa Soldi, si apre l'area agricola dei colli: qui, a inaugurare un paesaggio di vigne e edifici rurali che pertiene al territorio di Castello Roganzuolo e Colle Umberto, la casa rurale di via Serravalle è tra quelle schedate dal comune di San Fior.
    Composta di due volumi, la casa ha una forometria che evidenzia i tre piani; con la semplicità e l'armonia dell'architettura rurale della campagna veneto-orientale, questo edificio si rivolge verso i colli di Castello Roganzuolo ed è in dialogo con essi anche attraverso gli annessi rustici, a sé stanti.
  • Casa rurale di via Campardi
  • Complesso rurale di Borgo Campardi

Ville venete[modifica | modifica sorgente]

Villa Soldi, parco in abbandono e scorcio della facciata tra le fronde
Villa Cadorin Soldi[modifica | modifica sorgente]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Villa Cadorin Soldi.

La villa più grande del comune, circondata da una lunga cinta muraria all'interno della quale è custodito un ampio parco privato, è Villa Cadorin Soldi[5], presso Borgo Canè. Il complesso si compone di più parti, venute a definirsi tra XIX e XX secolo, quando la villa era il vanto delle famiglie che ne erano proprietarie: prima i Cadorin (che ne vollero la costruzione), poi fino al secondo Novecento i Soldi.
Oltre alla cappella gentilizia (comunale dal 2001), ben pochi tratti sono intuibili dall'esterno delle mura, se si eccettua una curiosa torretta di gusto novecentesco che spicca al di sopra delle alte fronde degli alberi secolari del parco.

Casa Ongaro Marcon[modifica | modifica sorgente]
Prospetto principale di Villa Ongaro
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Casa Ongaro Marcon.

Posta sull'incrocio centrale di San Fior, la facciata di Casa Ongaro[6] dà sulla Statale 13 Pontebbana. Si presenta su tre livelli: il secondo livello è impreziosito centralmente da un terrazzino con trifora, le cui aperture presentano un mascherone in chiave di volta; le altre finestre, più semplici e disposte ai lati, sono abbellite da cornici in pietra.
A lato del corpo centrale della villa, una struttura annessa, ampiamente rimaneggiata nei secoli successivi al XVIII, al quale il complesso risale.

Casa Pampanini[modifica | modifica sorgente]
Prospetto principale di Villa Pampanini
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Casa Pampanini.

Lungo la Statale 13, poco distante da villa Ongaro e di fronte al lato destro della chiesa di San Bernardino, si erge Casa Pampanini[7], edificio di tre piani a pianta centrale mostra linee armoniose e risale alla fine del XVII secolo. La facciata principale, che guarda sulla strada, è timpanata ha una bifora centrale con balaustra che sovrasta l'originario portone principale, oggi murato. La facciata laterale centralmente ha un accesso al primo piano con scalinata.

Ex bacologico[modifica | modifica sorgente]

La villa padronale dell'ex bacologico; in secondo piano uno scorcio dello stabilimento

L'imponente e elegante struttura del vecchio bacologico si incontra lungo la Strada Statale 13 Pontebbana, prima di entrare nel centro di San Fior, venendo da Conegliano.
Il complesso consta di due parti: lo stabilimento e la villa padronale del fondatore, l'imprenditore Liberale De Nardi: egli, profondo conoscitore della materia bacologica e stimato a livello internazionale, fece di questa struttura un punto di riferimento nel campo della tratta dei bachi da seta.
Le due strutture sono degli anni trenta e devono il loro aspetto attuale a numerosi rimaneggiamenti.
Oggi il complesso è interamente restaurato e riconvertito: la villa padronale è una residenza privata; lo stabilimento ospita uffici di vario genere.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[8]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica sorgente]

Sono molto numerose le associazioni operanti nel comune sanfiorese, che ha il titolo di città del volontariato.
Per un elenco ufficiale si veda l'apposito spazio nel sito comunale [1].

Cultura e istruzione[modifica | modifica sorgente]

Biblioteche[modifica | modifica sorgente]

Nell'edificio laterale del Municipio, ha sede la biblioteca comunale, che offre i servizi internet, prestito e interprestito.

Persone legate a San Fior[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Primavera Sanfiorese (25 aprile - prima domenica di maggio)
  • Mercatino Arti e Mestieri e Mostra del Libro (fine aprile - inizio maggio)
  • Fiera dei Osei (seconda domenica di agosto)

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Oltre al capoluogo San Fior di Sopra, il comune ha due frazioni:

Economia[modifica | modifica sorgente]

Agricoltura[modifica | modifica sorgente]

Industria[modifica | modifica sorgente]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Strade[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comune di San Fior - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Vedi a tal proposito anche I capitelli a Castello Roganzuolo e a San Fior di Sotto.
  4. ^ Vedi anche i borghi a Castello Roganzuolo.
  5. ^ Scheda della villa nel sito dell'Istituto Regionale Ville Venete
  6. ^ Scheda della villa nel sito dell'Istituto Regionale Ville Venete
  7. ^ Scheda della villa nel sito dell'Istituto Regionale Ville Venete
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Baldissin, Mariuccia e Soligon, Antonio, Chiese a San Fior. Alla scoperta del patrimonio artistico, San Fior.
  • Baldissin, Mariuccia e Soligon, Antonio, Oratori, capitelli e altri segni del Sacro a San Fior, San Fior.
  • Cancian, Michele, L'antica famiglia Sancto Flore, San Fior.
  • Galletti, Giuliano, San Fior. Tre villaggi dell'alta pianura trevigiana dalle prime testimonianze ad oggi, San Fior.
  • Galletti, Giuliano, Uomini e Storie. Tracce e ricordi di protagonisti a San Fior tra Otto e Novecento, San Fior.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]