Numero unico di emergenza 112

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Numero unico di emergenza 112
Il numero unico su un mezzo dei vigili del fuoco di Stoccarda

Il numero unico di emergenza 112 è il numero di telefono per contattare i servizi di emergenza nell'Unione europea[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In Europa l'uso del numero 112 era già raccomandato nel 1976 dal CEPT[2], mentre la decisione di istituire definitivamente un numero unico per tutta l'UE risale al 1991 ed ora è implementato dalla quasi totalità degli Stati membri[3]. La promozione della conoscenza e di un impiego efficiente del numero 112 in Europa è l'obiettivo primario dell'EENA (European Emergency Number Association), un'associazione no-profit con sede in Belgio[4][5].

Nel 2004, l'Unione europea ha deciso che, entro il 2008, il numero unico 112 avrebbe dovuto essere esteso a tutti i Paesi membri dell'UE. Molti paesi a decisione comunitaria approvata (2004) si sono adeguati praticamente subito alla normativa; l'Italia, al contrario, non si è adeguata alla direttiva dell'Unione europea nei tempi previsti e per questo motivo è stata sanzionata dall'UE.

La Commissione europea nel 2007 ha infatti presentato ricorso contro la Repubblica Italiana e il 15 gennaio 2009 ha ottenuto la condanna dalla Corte di giustizia dell'Unione europea; i giudici europei hanno infatti riconosciuto l'inconsistenza delle misure sperimentali adottate dall'Italia. Tuttavia la buona volontà del Governo della Repubblica italiana aveva permesso la sospensione delle sanzioni ma nel dicembre successivo, dato che l'Italia non aveva ancora manifestato segnali, né positivi, né negativi, l'UE ha richiamato nuovamente l'Italia, minacciando sanzioni onerosissime[6].

Nel 2008 solo il 22% della popolazione europea sapeva del largo utilizzo in Europa del numero unico di emergenza[7]. Allo scopo di aumentare la consapevolezza sul 112, nel 2009 la Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea hanno firmato una risoluzione che istituì l’11 febbraio quale “Giornata europea del 112”.

Nel 2013, già il 27% dei cittadini europei conosceva l’uso diffuso del 112. La percentuale in Italia era del 5%[8].

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Centrale unica di emergenza 112.

Lo standard GSM (di origini europee) ha anch'esso designato il 112. Tale numero è così riconosciuto da tutte le reti GSM e può essere contattato anche da telefoni sprovvisti di carta SIM (sono possibili eccezioni). Tutte le chiamate al 112 verranno indirizzate alla centrale unica di emergenza 112.

Si tratta di una comodità notevole per chi viaggia, dato che in questo modo non deve conoscere i numeri di diversi Paesi. Nel caso in cui il Paese in cui ci si trova preveda un numero di emergenza diverso dal 112, la chiamata è automaticamente reindirizzata.

Il numero, prendendo per esempio l'Italia, sostituirà l'attuale 112 (Carabinieri), il 113 (Polizia di Stato), il 115 (Vigili del Fuoco) e il 118 (soccorso sanitario)[9].

L’uso improprio del numero 112, nella maggior parte dei Paesi, è passibile di persecuzione, così come l’abuso di un qualsiasi altro numero per le emergenze.

Speciali condizioni del 112 quando si chiama da cellulare[modifica | modifica wikitesto]

In caso di mancata ricezione dell’operatore telefonico, compare sul display del cellulare la dicitura “solo chiamate di emergenza” e la chiamata viene trasferita al primo operatore disponibile. La maggior parte delle chiamate di emergenza possono essere effettuate anche nel caso in cui altre chiamate non siano possibili, per esempio quando il credito disponibile sul cellulare è esaurito. Inoltre, per comporre e chiamare il 112 non è necessario sbloccare il cellulare o inserire il codice PIN. Allo scopo di evitare abusi, in alcuni stati come Belgio, Italia, Romania, Svizzera, Regno Unito, Cipro e Germania, il numero di emergenza 112 non può essere contattato da un numero di cellulare sprovvisto di una SIM Card operativa.

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia ha deciso di adeguarsi alle direttive europee istituendo un numero unico di emergenza in alcune province della regione Lombardia: infatti l'Azienda Regionale Emergenza Urgenza (AREU) della Lombardia è stata individuata come l'ente incaricato della realizzazione pratica di un progetto sperimentale volto a unificare i numeri d'emergenza nell'intera regione. Il 21 giugno 2010 il numero unico 112 è stato attivato, in via sperimentale, nella provincia lombarda di Varese con la creazione di un centralino NUEVA (Numero Unico di Emergenza Varese) presso la Centrale operativa Emergenza Urgenza 118 di Varese che copriva circa 1.100.000 di persone.

Il modello scelto dall'Italia è quello di PSAP di I livello che rispondano a tutte le chiamate dirette al 112, indirizzandole dopo la localizzazione del chiamante ed una breve intervista, al PSAP di II livello (pubblica sicurezza, vigili del fuoco o emergenza sanitaria) più adatto alla situazione.

Attualmente la centrale operativa NUEVA gestisce le aree di Monza, Bergamo, Como e Lecco servendo un'utenza di circa 3.750.000 persone. Dal 3 dicembre 2013 il numero unico di emergenza 112 è stato esteso anche alla provincia di Milano e la centrale operativa NUEMI (Numero Unico di Emergenza Milano) copre circa 3.120.000 di persone[10]. Nel 2014 il numero unico europeo 112 entrerà in funzione anche nelle restanti province lombarde di Brescia, Sondrio, Mantova, Cremona, Lodi e Pavia con l'apertura di una nuova centrale operativa NUEBS (Numero Unico di Emergenza Brescia)[11].

Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

Il modello europeo riguardante il 112 ha preso come esempio il numero unico d'emergenza vigente negli Stati Uniti, il 911.

Paesi dell'UE che hanno attivato il numero[modifica | modifica wikitesto]

Il 112 su un'ambulanza della Croce Rossa tedesca

Il numero unico di emergenza 112 è attivo in tutti gli stati membri dell'Unione europea[12]:


La chiamata al 112 può essere utilizzata in tutti i 28 Stati membri dell’Unione europea, così come anche in molti altri Stati di tutto il mondo (Russia, Svizzera, Ucraina, Islanda, Norvegia). Negli Stati Uniti d’America e in Canada le chiamate d’emergenza vengono trasferite al 911 non appena la persona compone il 112. Lo stesso avviene anche in alcuni Paesi dell’America latina, come Costa Rica, e in alcune regione dell’Oceano Pacifico, per esempio Vanuatu e Nuova Zelanda. In molti Stati il centralino del 112 è in grado di rispondere alle chiamate in diverse lingue. Nonostante l’esistenza del numero di emergenza comune, i numeri di emergenza nazionali rimangono tutt’ora validi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ec.europa.eu
  2. ^ Raccomandazione T/SF1 del 1976, citata nella Decisione del Consiglio d'Europa del 29 luglio 1991 sull'introduzione di un numero unico europeo per chiamate di emergenza
  3. ^ Decisione del Consiglio d'Europa del 29 luglio 1991 sull'introduzione di un numero unico europeo per chiamate di emergenza
  4. ^ www.eena.it
  5. ^ Per un elenco aggiornato dei paesi si veda www.eena.it
  6. ^ http://www.nue112.eu/informazioni/nue-112-la-situazione-italiana.html NUE112: la situazione italiana
  7. ^ Flash Eurobarometer Nr. 228, The European Emergency Number 112 - Summary 2008
  8. ^ Flash Eurobarometer Nr. 368, The European Emergency Number 112 - Summary 2013
  9. ^ NUE 112 (Numero Unico Emergenza europeo)
  10. ^ Dal 3/12 a Milano numero unico emergenza in ANSA, 3 novembre 2013. (archiviato il 27 dicembre 2013).
  11. ^ http://www.bresciaoggi.it/stories/Cronaca/450363_numero_unico_demergenza_brescia_si_prepara_al_112/?refresh_ce&scroll=2166 Numero unico d'emergenza Brescia si prepara al «112» in "Bresciaoggi.it", 6 gennaio 2013
  12. ^ 112 in your country
  13. ^ Tonelli, Sap: «La mancata attivazione del 112 costa all'Italia milioni in sanzioni Ue», ilsole24ore.com. URL consultato il 2014-08-05.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]