Helen Hayes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Helen Hayes in What Every Woman Knows (1934)
Statuetta dell'Oscar Oscar alla miglior attrice 1932
Statuetta dell'Oscar Oscar alla miglior attrice non protagonista 1971

Helen Hayes, nata Helen Hayes Brown (Washington, 10 ottobre 1900Nyack, 17 marzo 1993), è stata un'attrice teatrale e attrice cinematografica statunitense.

Minuta, con un viso grazioso e una carismatica presenza scenica, Helen Hayes è stata considerata una delle più celebri e dotate attrici teatrali del XX secolo.
Il 12 maggio 1986 il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan l'ha insignita della Medaglia presidenziale della libertà[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Attiva sulle scene sin da bambina, dagli anni venti agli anni cinquanta fu la "Prima Donna del Teatro Americano". Fu acclamata interprete di pièce come Coquette di George Abbott e Ann Preston Bridgers (1927-28), Mary of Scotland di Maxwell Anderson (1933-34), e Victoria Regina di Laurence Housman (1935-38). L'attrice vinse ben tre Tony Awards: il primo nel 1947 per il musical Happy Birthday di Anita Loos (1946-48), mentre nel 1958 fu grazie alla sua performance in Time Remembered di Jean Anouilh (1957-58) che si guadagnò il suo secondo premio; il terzo, nel 1980, fu un Tony alla carriera.

La Hayes affrontò con successo anche la macchina da presa; vinse ben due premi Oscar: il primo nel 1932 per la sua interpretazione di una donna arrestata per errore e successivamente prostituta per mantenere il figlio, nel dramma Il fallo di Madelon Claudet (The Sin of Madelon Claudet, 1931), il secondo nel 1970 per la sua partecipazione straordinaria al film-catastrofico Airport. In questo film interpreta una dolce ma astuta signora anziana di nome Ada Quonsett di Los Angeles che, avendo la figlia che abita dall'altra parte degli Stati Uniti cioè a New York, prende spesso l'aereo per andarla a trovare. Il guaio è che ha pochi soldi e così, con vari sotterfugi, riesce a salire a bordo senza pagare il biglietto. Un giorno però prende un volo indiretto (da lei preferiti) che da Los Angeles va a Chicago dove viene scoperta e rimandata indietro. Non si dà comunque per vinta e usa nuovamente l'astuzia salendo sull'aereo in cui accade la catastrofe diretto a Roma per poi prenderne un altro che va a New York dove anche lì viene scoperta.

Sposata al celebre commediografo Charles MacArthur (dal 1928 al '56, anno della morte dello scrittore), la coppia ebbe due figli: Mary, morta di poliomielite a soli diciannove anni, e James (adottato), in seguito attore televisivo.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Helen Hayes era cattolica[2] e una pro-business Repubblicana che frequentò molte Republican National Conventions (inclusa quella tenutasi a New Orleans nel 1988), ma non era estremista come altre star del tempo (per esempio Adolphe Menjou, Ginger Rogers, John Wayne).

Hayes scrisse tre monografie: A Gift of Joy, On Reflection e My Life in Three Acts. Alcuni dei temi in questi libri sono il suo ritorno al cattolicesimo dopo che le fu negato il matrimonio in chiesa con Charles MacArthur, che era protestante e divorziato, e la morte della sua unica figlia Mary, che era un'aspirante attrice, uccisa dalla polio all'eta di 19 anni. Il figlio adottivo della Hayes, James MacArthur, è anch'esso diventato un attore.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Helen Hayes è morta il 17 marzo 1993 di insufficienza cardiaca a Nyack, New York, all'età di 92 anni, meno di tre settimane dopo la morte di Lillian Gish, di cui era amica ormai da molte decadi. La Gish fece della Hayes la beneficiaria del suo appezzamento di terreno, ma la Hayes le sopravvisse solamente di un mese. Helen Hayes è stata sepolta all'Oak Hill Cemetery, a Nyack.[3]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

L'Helen Hayes Award per il teatro a Washington porta il suo nome.

L'attrice ha una stella sulla Hollywood Walk of Fame al numero 6220 di Hollywood Blvd.

Vinse l'Oscar alla migliore attrice nel 1932 per il film Il fallo di Madelon Claudet. In occasione della cena di premiazione (28 novembre 1932), venne proiettato un cortometraggio della Disney creato appositamente per quell'occasione dal titolo Parata dei nominati agli Oscar, dove appare anche il personaggio di Helen Hayes.

Nel 1972, vinse un Oscar alla migliore attrice non protagonista per il film Airport.

Vincitrice di tre Tony Awards:

Spettacoli teatrali[modifica | modifica sorgente]

  • Old Dutch (Broadway, 22 novembre 1909-5 febbraio 1910)
  • The Summer Widowers (Broadway, 4 giugno 1910-1 ottobre 1910)
  • The Never Homes (Broadway, 5 ottobre 1911-23 dicembre 1911)
  • The Prodigal Husband (Broadway, 7 settembre 1914-ottobre 1914)
  • Dear Brutus (Broadway, 23 dicembre 1918-giugno 1919)
  • Clarence, di Booth Tarkington (Broadway, 20 settembre 1919)
  • Bab (Broadway, 18 ottobre 1920-gennaio 1921)
  • The Wren (Broadway, 10 ottobre 1921-ottobre 1921)
  • Golden Days (Broadway, 1 novembre 1921-dicembre 1921)
  • To the Ladies (Broadway, 20 febbraio 1922-10 giugno 1922)
  • We Moderns (Broadway, 11 marzo 1924-marzo 1924)
  • She Stoops to Conquer, di Oliver Goldsmith (Broadway, 9 giugno 1924)
  • Dancing Mothers (Broadway, 11 agosto 1924-maggio 1925)
  • Quarantine (Broadway, 16 dicembre 1924-27 aprile 1925)
  • Caesar and Cleopatra (Broadway, 13 aprile 1925-maggio 1925)
  • The Last of Mrs. Cheyney (Broadway, 9 novembre 1925-ottobre 1926)
  • Young Blood (Broadway, 24 novembre 1925-26 gennaio 1926)
  • What Every Woman Knows (Broadway, 13 aprile 1926-dicembre 1926)
  • Ziegfeld Follies of 1927 (Broadway, 16 agosto 1927-7 gennaio 1928)
  • Coquette (Broadway, 8 novembre 1927-settembre 1928)
  • Mr. Gilhooley (Broadway, 30 settembre 1930-ottobre 1930)
  • Petticoat Influence (Broadway, 15 dicembre 1930-marzo 1931)
  • The Good Fairy (Broadway, 24 novembre 1931-aprile 1932)
  • Mary of Scotland (Broadway, 27 novembre 1933-luglio 1934)
  • Victoria Regina (Broadway, 26 dicembre 1935-giugno 1936)
  • Victoria Regina (Broadway, 31 agosto 1936-giugno 1937)
  • The Country Wife (Broadway, 1 dicembre 1936-febbraio 1937)
  • Victoria Regina (Broadway, 1 ottobre 1938-dicembre 1938)
  • Ladies and Gentlemen (Broadway, 17 ottobre 1939-13 gennaio 1940)
  • Twelfth Night (Broadway, 19 novembre 1940-8 marzo 1941)
  • Candle in the Wind (Broadway, 22 ottobre 1941-10 gennaio 1942)
  • Harriet (Broadway, 3 marzo 1943-1 aprile 1944)
  • Happy Birthday (Broadway, 31 ottobre 1946-13 marzo 1948)
  • The Wisteria Trees (Broadway, 29 marzo 1950-16 settembre 1950)
  • Mary Rose (Broadway, 4 marzo 1951-16 marzo 1951)
  • Mrs. McThing (Broadway, 20 febbraio 1952-10 gennaio 1953)
  • What Every Woman Knows (Broadway, 22 dicembre 1954-2 gennaio 1955)
  • The Wisteria Trees (Broadway, 2 febbraio 1955-13 febbraio 1955)
  • The Skin of Our Teeth (Broadway, 17 agosto 1955-3 settembre 1955)
  • Time Remembered (Broadway, 12 novembre 1957-28 giugno 1958)
  • A Touch of the Poet (Broadway, 2 ottobre 1958-13 giugno 1959)
  • The White House (Broadway, 19 maggio 1964-6 giugno 1964)
  • The School for Scandal (Broadway, 21 novembre 1966-gennaio 1967)
  • Right You Are If You Think You Are (Broadway, 22 novembre 1966-dicembre 1966)
  • We, Comrades Three (Broadway, 20 dicembre 1966-dicembre 1966)
  • The Show Off (Broadway, 5 dicembre 1967-22 giugno 1968)
  • The Show Off (Broadway, 13 settembre 1968-28 settembre 1968)
  • The Front Page (Broadway, 18 ottobre 1969-28 febbraio 1970)
  • Harvey (Broadway, 24 febbraio 1970-2 maggio 1970)

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Helen Hayes è stata doppiata da:

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Presidential Medal of Freedom - nastrino per uniforme ordinaria Presidential Medal of Freedom
— 12 maggio 1986

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) http://www.medaloffreedom.com/HelenHayes.htm
  2. ^ Hayes, Helen. My Life in Three Acts. Harcourt Brace Jovanovich: San Diego, CA, 1990.
  3. ^ Pace, Eric. Helen Hayes, Flower of the Stage, Dies at 92. New York Times. 18 March 1993.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Oscar alla miglior attrice Successore
Marie Dressler
per Castigo
1932
per Il fallo di Madelon Claudet
Katharine Hepburn
per La gloria del mattino
Predecessore Oscar alla miglior attrice non protagonista Successore
Goldie Hawn
per Fiore di cactus
1971
per Airport
Cloris Leachman
per L'ultimo spettacolo

Controllo di autorità VIAF: 79116126 LCCN: n50025141