Judith Anderson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Judith Anderson nel 1934

Dame Judith Anderson, nata Frances Margaret Anderson-Anderson (Adelaide, 10 febbraio 1897Santa Barbara, 3 gennaio 1992), è stata un'attrice australiana.

Nella sua lunga carriera in teatro e al cinema ha vinto importanti premi (Emmy, Tony Awards) e ricevuto nomination al Premio Oscar e al Premio Grammy. È stata considerata dai critici teatrali come la maggior attrice di teatro classico del suo paese natale.

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Nacque ad Adelaide, città dell'Australia meridionale, da Jessie Margaret e James Anderson-Anderson. Frequentò la Norwood High School e iniziò la sua carriera di attrice nel suo paese, prima di trasferirsi a New York nel 1918 per interpretare ruoli drammatici con svariate apparizioni nei lavori di William Shakespeare.

In teatro[modifica | modifica sorgente]

Nel 1915, all'età di soli 17 anni, debuttò con il nome d'arte di Francee Anderson, ricoprendo il ruolo di Stephanie in una commedia intitolata A Royal Divorce e rappresentata a Sydney. La compagnia che mise in scena la pièce era guidata dall'allora popolare attore inglese Julius Knight, che si accorse del talento della giovane attrice e ne valorizzò le capacità recitative, tentando anche il successo negli Stati Uniti, prima in California, poi a New York, ma senza trovarlo. Seguì per Francee un periodo di indigenza, ma la giovane fondò una nuova compagnia teatrale che andò in scena nel biennio 1918-19.

Dopo esperienze in altre compagnie teatrali, debuttò a Broadway nel 1922 (On the stairs) e, un anno dopo, mutò il suo nome in Judith e conseguì un enorme successo con la commedia Cobra a fianco di Louis Calhern. Nel 1927 fu in tournée in Australia con tre commedie: Tea for Three, The Green Hate Cobra.

Sin dall'inizio degli anni trenta divenne una delle più apprezzate attrici teatrali dell'epoca e fu una delle più grandi star di Broadway anche nei due decenni successivi. Nel 1931 interpretò lIgnota nella prima rappresentazione americana del dramma di Luigi Pirandello Come tu mi vuoi, quello stesso ruolo che l'anno seguente sarà della Garbo nell'omonimo film. In seguito fu protagonista de Il lutto si addice ad Elettra di Eugene Gladstone O'Neill e, con Humphrey Bogart di La maschera e il volto di Luigi Chiarelli; nel 1936 fu Gertrude nellAmleto di John Gielgud, produzione in cui recitò anche Lillian Gish (Ophelia).

Nel 1937 entrò a far parte della compagnia londinese dell'Old Vic che rappresentò, tra l'altro, il Macbeth shakespeariano in cui recitò al fianco di Laurence Olivier. Nel 1941, a New York, fu ancora Lady Macbeth, stavolta accanto a Maurice Evans.

Nel biennio 1942-43 fu la volta del teatro di Anton Chekhov con il ruolo di Olga in Tre sorelle in una produzione che vedeva impegnati attori del calibro di Katharine Cornell, Ruth Gordon, Edmund Gwenn, Dennis King, Alexander Knox e Kirk Douglas, quest'ultimo al suo debutto a Broadway.

Nel 1947 trionfò sulla scena in una versione di Medea il cui autore fu il poeta Robinson Jeffers e il cui produttore, oltre che uno degli attori, fu John Gielgud. La grande interpretazione nella tragedia Euripidea gli consentì di vincere il Tony Award come miglior attrice. La tragedia fu rappresentata a lungo in una tournée che toccò la Germania nel 1951 e Francia e Australia nel 1955-56.

Nel 1953 prese parte alla riduzione teatrale de Il corpo di John Brown di Stephen Vincent Benét, per l'adattamento di Charles Laughton; nel cast figuravano anche Raymond Massey e Tyrone Power. Nel 1960 ebbe il ruolo di Madame Arkadina ne Il gabbiano di Chekhov, portato in scena prima al Festival di Edimburgo e poi al teatro Old Vic.

Nel 1970, all'età di 73 anni, realizzò una sua ambizione da lungo tempo coltivata, quella di recitare nel ruolo di Amleto; il tour della rappresentazione la portò in giro per gli Stati Uniti e al Carnegie Hall di New York.

Tornò in Medea, stavolta con il ruolo della nutrice, in cui Zoe Caldwell era la protagonista e ricevette la nomination come migliore attrice non protagonista al Tony Award.

Hollywood[modifica | modifica sorgente]

Judith Anderson nel trailer di Vertigine (1944)

Al cinema, il suo aspetto non particolarmente attraente non le diede l'opportunità di andare oltre i ruoli di attrice non protagonista, circostanza che le fece preferire in ogni caso il teatro. Tuttavia, molte furono le interpretazioni in film di successo, il più celebre dei quali fu senz'altro Rebecca - La prima moglie di Alfred Hitchcock (1940), che le consentì di ottenere la nomination come miglior attrice non protagonista agli Oscar. Nel film ricoprì l'inquietante ruolo della Signora Danvers, la governante che snobba e porta sull'orlo della follia la seconda moglie (Joan Fontaine) del suo padrone Max de Winter (Laurence Olivier), rimasto vedovo.

L'eccellente prova sullo schermo fornita con Rebecca - La prima moglie la portò a ricoprire numerosi ruoli in film degli anni quaranta, tra cui vanno menzionati sicuramente La donna sfregiata (1941), Delitti senza castigo (1942), Vertigine (1944), Dieci piccoli indiani (1945) e Il diario di una cameriera (1946).

Negli anni cinquanta apparve in numerose produzioni televisive, pur continuando ad essere presente sul grande schermo; tra i film di quegli anni vanno ricordati Salomè (1953), in cui interpretò la parte di Erodiade, il colossal di Cecil B. DeMille I dieci comandamenti (1956) e La gatta sul tetto che scotta (1958), dall'omonimo dramma di Tennessee Williams, con una ottima interpretazione nel ruolo di Ida "Big Momma" Pollitt. È del 1970 il film Un uomo chiamato Cavallo, in cui è l'anziana donna capo indiana.

Registrò anche numerosi dischi in Spoken word per la Caedmon Audio, tra cui la sua performance come Lady Macbeth assieme ad Anthony Quayle; per una di queste registrazioni, Cime tempestose, ricevette il Premio Grammy.

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Negli ultimi anni della sua carriera ebbe ruoli che l'allontanarono notevolmente dalle sue origini teatrali e shakespeariane, risultando tuttavia interpretazioni di rilievo. Nel 1984, all'età di 87 anni, fece un'apparizione in Star Trek III: Alla ricerca di Spock nel ruolo della principessa vulcaniana 'T'Lar e, poco dopo, ebbe una parte anche nella soap opera Santa Barbara ma fu sostituita in quanto non soddisfatta dello spazio affidatole dalla più giovane Janis Paige.

Morì nel 1992 a Santa Barbara (California), luogo dove visse gran parte della sua vita, in seguito ad una polmonite.

Si sposò due volte (con altrettanti divorzi), prima con Harrison Lehmann (dal 1937 al 1939) e poi con Luther Greene (dal 1946 al 1951) e non ebbe mai figli. Illazioni sulla sua sessualità furono fatte durante la sua carriera (per il fatto di non aver mai avuto figli si diceva che fosse lesbica), recentemente riprese in un libro che Foster Hirsch ha dedicato nel 2007 al grande regista Otto Preminger (Otto Preminger: The Man Who Would Be King).

Filmografia (parziale)[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Dama di Commenda dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Commenda dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1960
Compagno dell'Ordine dell'Australia - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine dell'Australia
— 10 giugno 1991

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 74036593 LCCN: n82225115