Cime tempestose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cime tempestose (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Cime tempestose
Titolo originale Wuthering Heights
Houghton Lowell 1238.5 (A) - Wuthering Heights, 1847.jpg
Copertina della prima edizione
Autore Emily Brontë
1ª ed. originale 1847
Genere romanzo
Sottogenere classico
Lingua originale inglese
Ambientazione 1757 -1802
« Credo che in tutta l'Inghilterra non avrei mai potuto trovare un luogo così discosto da ogni rumore mondano. Un vero paradiso del perfetto misantropo: e il signor Heathcliff ed io siamo fatti apposta per dividerci tanta solitudine »
(Emily Brontë, Cime Tempestose)

Cime tempestose (titolo originale in inglese: Wuthering Heights) è l'unico romanzo di Emily Brontë, scritto fra l'ottobre 1845 e il giugno 1846[1]. Pubblicato per la prima volta nel 1847, sotto lo pseudonimo di Ellis Bell; mentre una seconda edizione postuma fu curata da sua sorella Charlotte nel 1850[2].

Il titolo viene dal nome di una delle tre principali ambientazioni del libro (Wuthering Heights, Gimmerton, Trushcross Grange) il casale nella brughiera dello Yorkshire originariamente di proprietà degli Earnshaw, là ove fu allevato Heathcliff e dove la storia si sviluppa.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante ora sia considerato un classico della letteratura inglese, Cime tempestose non venne accolto in maniera molto entusiastica dalla critica; la sua struttura innovativa, che è stata paragonata a una serie di matriosche, rese i critici perplessi quando apparve per la prima volta. Fin dall'inizio fu inoltre considerato controverso e ricevette recensioni contrastanti in quanto la sua raffigurazione della crudeltà fisica e mentale descritta era insolitamente forte[3][4].

Alcuni critici coevi credevano addirittura che fosse una prima opera, meno matura, di Charlotte Brontë (che aveva pubblicato Jane Eyre quello stesso anno sotto lo pseudonimo di Currer Bell). Critici successivi rividero questo parere, e la maggior parte fu d'accordo che l'originalità e i traguardi raggiunti da Cime tempestose superavano le opere coeve delle sorelle Charlotte e Anne[5].

Cime tempestose ha ispirato molti adattamenti, compresi diversi film, sceneggiati radiofonici e televisivi, un musical diretto da Bernard J. Taylor, un balletto e tre opere liriche (di Bernard Herrmann, Carlisle Floyd e Frédéric Chaslin), un gioco di ruolo come pure nel 1978 una canzone di successo di Kate Bush intitolata per l'appunto Wuthering Heights.

La brughiera del North Yorkshire in cui è ambientato il romanzo

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo di Emily Brontë narra la storia di Heathcliff, del suo amore per Catherine, e di come questa passione alla fine li distrugga entrambi: tema centrale del libro è difatti l'effetto distruttivo che il senso di gelosia e lo spirito di vendetta possono avere sugli individui. La storia è raccontata come una sorta di lungo racconto che Ellen Dean, o Nelly (la governante della famiglia) racconta al signor Lockwood, il nuovo affittuario di Thrushcross Grange; il finale è invece ambientato l'anno successivo alla partenza di Mr. Lockwood.

Apertura (capitoli 1-3)[modifica | modifica wikitesto]

Ci troviamo nell'anno 1801, nel bel mezzo della brughiera inglese. Il narratore è un gentiluomo di città, il ricco Mr Lockwood, da poco trasferitosi al nord come inquilino (per cercare solitudine a causa di una delusione d'amore) a Thrushcross Grange, una proprietà appartenente a Heathcliff: il luogo che ha affittato si trova nei pressi di una sorta di fattoria o casa colonica chiamata Wuthering Heights (Cime tempestose).
Poco dopo si reca a far visita ai vicini di Wuthering Heights, e qui l'uomo rimane subito molto colpito dallo strano assemblaggio di personaggi che vi abitano: Heathcliff sembra esser un gentiluomo ma i suoi modi sono duri e rozzi, c'è poi una ragazza adolescente riservata e scontrosa di nome Cathy e infine un giovane che, seppur appaia anch'egli come un membro della famiglia, si veste, parla e si comporta come se fosse un servo analfabeta.

Poiché fuori ha incominciato ad imperversare una bufera, a Lockwood viene concesso un po' a malincuore dal padrone di casa il permesso di passare la notte lì da loro: si trova così costretto a soggiornare in una camera piena di strani segni e graffiti incisi sul muro. Vi appare spesso il nome di Catherine. Durante la tormentata notte trascorsa a Wuthering Heights, a Mr. Lockwood succedono strani episodi come l'incubo dello "spettro" di una bambina che bussa sui vetri della sua finestra cercando di entrare: terrorizzato si mette a gridare e Heathcliff si precipita nella stanza. Dopo aver fatto uscire Lockwood apre la finestra disperato per permettere allo spirito di poter entrare.

Appena spuntata l'alba Heathcliff riaccompagna Lockwood alla sua abitazione a Thrushcross Grange. Poco dopo, l'uomo si ammala e durante la noiosa convalescenza si fa raccontare da Ellen Dean, la governante di casa, la vita del suo affittuario. La storia che Nelly comincia a raccontare offre al lettore la possibilità di comprendere a fondo come la relazione fra Heathcliff e Catherine dovesse avere grandi ripercussioni per le loro famiglie ed i loro figli: la passione dell'uno per l'altra è così violenta, assoluta e sinistra da far giungere all'annientamento della felicità sia degli Earnshaw che dei Linton.

La salita a Top Withens, casa Earnshaw in "Cime Tempestose".

Infanzia di Heathcliff (capitoli 4-17)[modifica | modifica wikitesto]

Trent'anni prima (nel 1771 quindi) Mr Earnshaw, il proprietario originario di Wuthering Heights, porta a casa un ragazzino di sei anni dalla pelle scura, forse uno zingaro vagabondo o un orfano, da uno dei suoi frequenti viaggi compiuti a Liverpool; lo adotta e gli dà il nome di Heathcliff. All'inizio i due figli di Earnshaw, Hindley e Catherine, detestano istintivamente il giovane, ma col tempo Heathcliff riesce a conquistarsi l'amicizia della seconda. Ma Hindley continua a odiare in una maniera sempre più accesa l'intruso, roso dalla gelosia che gli possa rubare l'affetto dell'intera famiglia, tanto che il padre è costretto a mandarlo in collegio per allontanarli l'uno dall'altro. Il legame tra Catherine e Heathcliff si consolida e finiscono col passare sempre più tempo assieme.

Alla morte di Mr Earnshaw, tre anni dopo, Hindley torna con una moglie (Frances) e diventa il capo della famiglia nonché padrone di Wuthering Heights, obbligando Heathcliff a abbandonare gli studi e lavorare come bracciante agricolo: gli permette quindi di rimanere, ma solo con la qualifica di servo. Nonostante questo, Heathcliff e Catherine rimangono molto legati, e insieme trascorrono ore e ore ogni giorno (dopo che il giovane uomo ha terminato i lavori in stalla e sui campi) a giocare da soli in mezzo alla brughiera.
Ma pochi mesi dopo il ritorno di Hindley a causa di un incidente (il morso di un cane durante una fuga da casa culminata con l'intrusione nel parco di Thrushcross Grange), Catherine è forzata a stare alla Grange per cinque settimane (fino a Natale), durante le quali si lega a Edgar, il primogenito della ricca famiglia Linton. Al suo ritorno a Wuthering Heights, la ragazza rivede un Heathcliff grezzo, ignorante e per nulla signorile con quel suo aspetto trasandato a differenza dell'aspetto raffinato e delle maniere gentile che ha scoperto a casa dei Linton; Catherine ne è rimasta talmente influenzata ed affascinata da cambiare in maniera radicale il suo stesso modo di comportarsi.

Un anno dopo, Frances muore pochi mesi dopo aver dato alla luce Hareton, figlio di Hindley. La perdita lascia avvilito l'uomo, che comincia a darsi sempre più all'alcolismo. Circa due anni dopo, Catherine si fidanza con Edgar, pur confessando a Nelly che continua ad amare disperatamente Heathcliff, ma che non potrà mai sposarlo a causa della sua bassa estrazione sociale e completa mancanza d'istruzione. Egli sente solo la parte finale della confessione di Catherine, nella quale ella pare disprezzarlo e quindi decide di partire per cercare fortuna. Scompare senza lasciar alcuna traccia di sé. A causa dell'abbandono di Heathcliff, Catherine ha una grave crisi nervosa che la porta quasi alla morte.

Dopo tre anni Heathcliff ritorna, sembra aver accumulato un'enorme ricchezza ed apparentemente è un signore benestante; Catherine e Edgar intanto si sono sposati andando a vivere a Thrushcross. Qui ha inizio la sua grande vendetta: presa residenza a Wuthering Heights fa precipitare Hindley nel tunnel senza ritorno dell'alcool e del gioco d'azzardo, rendendolo ancor più dipendente e disperato di prima; poi fa abbrutire Hareton privandolo dell'educazione e della consapevolezza di ciò che è bene, e quando viene a sapere (peraltro da Catherine stessa) dell'infatuazione di Isabella - sorella minore di Edgar - nei suoi confronti, pur non amandola affatto intreccia con lei una relazione.

Intanto Hindley, dissipata interamente la propria ricchezza, ipoteca la casa a Heathcliff per poter ripagare i suoi debiti. Heathcliff convince Isabella a fuggire con lui per sposarlo; solo quando il matrimonio si è celebrato, e i due si sono trasferiti definitivamente a Wuthering Heights, le dichiara apertamente di volersi vendicare del fratello attraverso di lei, maltrattandola e facendola soffrire.

Dopo un terribile litigio tra Heathcliff ed Edgar Catherine, a cui Edgar ha proibito di frequentare ancora Heathcliff, si ammala di dolore e nevrastenia, quasi impazzendo e diventando intrattabile e febbrilmente capricciosa, e muore partorendo una bambina che viene subito chiamata con il suo stesso nome ma soprannominata Cathy per distinguerla dalla madre. Prima di morire però Catherine e Heathcliff riescono finalmente a dichiararsi in piena sincerità il loro reciproco, infinito ed eterno amore sopra ad ogni altra cosa terrena. Il giorno dopo il funerale Isabelle fugge a sud lontano da Heathcliff per dare alla luce un bambino, Linton. Hindley muore sei mesi dopo; Heathcliff si ritrova così ad assumere il controllo definitivo di "Wutheringh Heights".

Targa affissa al muro di cinta della fattoria di Top Withens, ispirazione per "Wuthering Heights".

Maturità di Heathcliff (capitoli 18-31)[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte di Isabella, dodici anni dopo, Heathcliff prende con sé Linton, suo figlio, nonostante la madre lo avesse affidato alle cure del fratello Edgar. Heathcliff, nonostante disprezzi profondamente il figlio per il suo carattere debole e capriccioso e per la grande somiglianza fisica con la madre e lo zio Edgar, lo manipola viziandolo e nel contempo terrorizzandolo, per compiere la sua vendetta su Edgar. Il suo scopo infatti è far sì che Linton, sempre malato e sicuramente destinato alla morte, sopravviva fino all'età in cui potrà sposare la cugina Cathy in modo da impadronirsi, dopo la morte del figlio, della proprietà di Thrushcross Grange. Poco prima dell'arrivo del ragazzo però Cathy, viziata e infantile, si trova a passare per Wuthering Heights, nonostante gli fosse sempre stato consigliato dal padre di non avvicinarvisi mai e qui incontra per la prima volta il cugino Hareton, già cresciuto oramai come un bruto irascibile.

Tre anni dopo Cathy visita casualmente Wuthering Heights, dove incontra Linton ed Hareton. Prova subito un'innata simpatia per il primo, nonostante sia un tipo malaticcio, debole ed effeminato; mentre disprezza il secondo, abbrutito e ignorante. Heathcliff fa di tutto per favorire l'unione tra Linton e Cathy poiché alla morte di Edgar , che sembra ormai prossima, Thrushcross Grange passerebbe proprio al figlio, facendo in tal modo di lui il padrone effettivo di entrambe le case.

Poco dopo il matrimonio tra i due (che Cathy ha dovuto accettare forzatamente, in quanto fatta entrare a Wuthering Heights con l'inganno e lì tenuta prigioniera), Edgar muore, seguito a poca distanza anche da Linton ; il padre mostra di non provare alcun dolore per la perdita del figlio, che anzi ha sempre disprezzato. Heathcliff diventa così il padrone assoluto non solo di Wuthering Heights ma anche di Thrushcross Grange.

La zona di Ponder Kirk, "Penistone Cragg" nel romanzo, dove Catherine e Heathcliff vanno a giocare da bambini.

Conclusione (capitoli 32-34)[modifica | modifica wikitesto]

Qui termina il racconto di Nelly Dean. Mr Loockwood parte allora per Londra. Sette mesi dopo ritorna ma non trova Nelly a Thrushcross Grange, bensì a Wuthering Heights ove s'è trasferita. Si fa raccontare quindi l'ultima parte della storia.

Hareton, innamorato di Cathy, cerca di togliersi dalla sua condizione di minorità in cui era stato sempre tenuto, cominciando ad imparare a leggere: la ragazza, tuttavia, si fa inizialmente beffe di lui. Ma, lentamente, la loro avversione si indebolisce e presto tra i due nasce un sincero affetto. Heathcliff, che potrebbe benissimo stroncare la loro relazione, confessa a Nelly di non aver più voglia né interesse a farlo.

L'uomo, che ha passato la sua intera esistenza dominato da due passioni assolute contrapposte, amore per Catherine e odio verso tutti gli altri, appare infatti sempre più estraniato dal mondo circostante e quasi stanco, domo. Ad un certo punto sembra iniziare a vedere il fantasma di Catherine che si aggira per la casa e, sperando in una riconciliazione spirituale fra loro due, va al cimitero a tirar fuori dalla fossa il cadavere dell'amata per poterla abbracciare un'ultima volta. Poco dopo viene trovato morto nel suo letto: viene sepolto a fianco della sua Catherine.

Cathy e Hareton decidono di sposarsi il giorno di Capodanno, mentre la narrazione si conclude con Lockwood che visita la tomba e nega che gli spiriti di Heathcliff e Catherine, finalmente liberi di amarsi, vaghino per la brughiera tenendosi per mano, come sostiene invece la superstizione locale.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Albero genealogico Earnshaw-Linton-Heathcliff
  • Heathcliff
All'inizio della storia è un bambino di strada portato a "Wuthering Heights" da Mr. Earnshaw. È vendicativo e passionale: ama follemente Catherine Earnshaw. Dopo il matrimonio di questa con Edgar Linton riesce a distruggere la felicità di sua cognata, Isabella Linton, della figlia dell'amata sorella, Cathy, e del suo stesso figlio, Linton Heathcliff. Questa sua missione distruttiva, fervente durante la vita di Catherine, diventa ancor più veemente dopo la sua morte.
La sorella adottiva di Heathcliff. È uno spirito libero, una giovane passionale, capricciosa e infantile nei comportamenti. Considerando Heathcliff troppo degradato per sposarlo, malgrado continui ad amarlo, si unisce in matrimonio con Edgar Linton. Dopo il suo ritorno la sua psiche non regge allo stress della contesa tra Edgar ed Heathcliff. Si ammala e muore dando alla luce Cathy Linton.
  • Edgar Linton
Un amico d'infanzia di Catherine Earnshaw con cui ella si fidanza. È una persona gentile e calma, ma di indole abbastanza introversa. Ama profondamente Catherine ma non riesce a conciliare il suo amore per lei col suo odio verso Heathcliff. Dopo la morte di Catherine, riverserà il suo affetto sulla loro figlia, Cathy.
  • Isabella Linton
La sorella minore di Edgar, conquistata da Heathcliff. Commette un errore nel valutare la natura di quest'ultimo, nonostante gli avvertimenti di Catherine. Il suo amore si trasforma presto in odio ed ella fugge da Cime Tempestose dopo un litigio particolarmente violento. Darà alla luce Linton Heathcliff, figlio dell'odiato marito.
  • Hindley Earnshaw
Il fratello di Catherine, ed odia Heathcliff, che asservisce una volta diventato il padrone di Cime Tempestose. Dopo la morte della moglie Frances si dà all'alcool e al gioco d'azzardo. Quando Heathcliff ottiene la casa, compie la sua vendetta su Hindley lasciandolo nella miserabile condizione in cui si trova. Hindley muore sei mesi dopo la morte della sorella, lasciando il figlio Hareton tra le grinfie di Heathcliff.
  • Ellen (Nelly) Dean
La governante delle dimore di Thrushcross Grange e Cime Tempestose, e uno dei due narratori della vicenda. Cresciuta insieme a Hindley e accuditi fin da bambini Heathcliff e Catherine, segue quest'ultima a Thrushcross Grange crescendone anche la figlia Cathy. Poco prima della morte di Heathcliff fa ritorno a Cime Tempestose. Racconta a Mr Lockwood gran parte della vicenda.
  • Linton Heathcliff
Il figlio di Isabella e Heathcliff. Non somiglia affatto a suo padre nel fisico, ed è un ragazzo estremamente viziato ed indolente. È malaticcio e dopo la morte di sua madre viene affidato allo zio Edgar Linton, ma subito Heathcliff ne rivendica la tutela; egli lo odia e lo usa per le sue macchinazioni, sfruttando l'amore che prova nei confronti di Cathy e costringendolo a sposarla. Poco dopo il matrimonio, Linton muore.
  • Catherine (Cathy) Linton
La figlia di Catherine Earnshaw ed Edgar Linton. Ha ereditato il carattere libero della madre e la natura gentile di suo padre. Inoltre Nelly dice che la ragazza possiede i pregi fisici delle due famiglie da cui proviene. Heathcliff riesce a manipolarla e a farle sposare Linton. Reclusa poi a Cime Tempestose sviluppa un odio feroce per Heathcliff. I suoi rapporti con Hareton Earnshaw, dapprima tesi, vanno migliorando e progetta il suo matrimonio con lui.
  • Hareton Earnshaw
Il figlio di Hindley Earnshaw, che con l'arrivo di Heathcliff a Cime Tempestose viene abilmente messo contro suo padre. Non è affatto stupido né brutto, il che rende ancora più penosa la condizione di abbrutimento e schiavitù in cui lo tiene Heathcliff. Nonostante ciò, egli è molto devoto allo zio. S'innamora di Cathy, la quale in principio lo disprezza. Alla fine però i due iniziano ad andare d'accordo e progettano di sposarsi.
  • Joseph
Il vecchio domestico di Cime Tempestose. È puritano, bisbetico e servile. Recita spesso la Bibbia. Nel libro originale parla con un forte accento dello Yorkshire, caratteristica persa nella traduzione italiana.
  • Mr. Lockwood
L'altro narratore della vicenda. Amante della tranquillità, prende in affitto Thrushcross Grange. Durante una visita a Cime Tempestose rimane colpito della "famiglia" e in seguito, durante una lunga malattia, si fa raccontare da Nelly Dean la storia di Cime Tempestose e degli abitanti di quella casa.
  • Frances Earnshaw
La moglie di Hindley, madre di Hareton.
  • Mr. Kennett
Il medico locale.

Mappa delle relazioni[modifica | modifica wikitesto]

Cime tempestose cast.png

Magnify-clip.png
Schema dei rapporti fra i personaggi del cast.

Legenda:

  • linea nera: discendenza filiale; se tratteggiata indica discendenza filiale per adozione
  • linea rossa: matrimonio; se doppia indica secondo matrimonio
  • linea rosa: amore
  • linea azzurra: affetto
  • linea verde: odio
  • area gialla paglierino: protagonisti attivi del romanzo
  • area violetta: osservatori delle vicende del romanzo

Cronologia e luoghi[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia
Anno Note
estate 1757 Nascita di Hindley Earnshaw
1762 Nascita di Edgar Linton
estate 1765 Nascita di Catherine Earnshaw
1765 Nascita di Isabella Linton
1771 Arrivo di Heathcliff a Cime Tempestose
primavera 1773 Morte della signora Earnshaw
1777 Matrimonio di Hindley e Frances
ottobre 1777 morte del signor Earnshaw; visita di Heathcliff e Catherine a Thrushcross Grange
estate 1778 Nascita di Hareton e morte di Frances
1780 Heathcliff lascia Cime Tempestose; morte del signore e della signora Linton
marzo 1783 Matrimonio di Catherine ed Edgar
settembre 1783 Ritorno di Heathcliff
febbraio 1784 Matrimonio di Heathcliff ed Isabella Linton
20 marzo 1784 Morte di Catherine e nascita di Cathy
1784 Morte di Hindley
settembre 1784 Nascita di Linton Heathcliff
1797 Morte di Isabella Linton Heathcliff; Visita di Cathy a Cime Tempestose ed incontro con Hareton
1800 Incontro di Cathy ed Heathcliff
agosto 1801 Matrimonio di Cathy e Linton; morte di Edgar Linton
settembre 1801 Morte di Linton Heathcliff
1801 Mr. Lockwood arriva a Thrushcross Grange e visita Cime Tempestose; inizio del racconto di Nelly Dean
gennaio 1802 Partenza di Mr. Lockwood per Londra
aprile 1802 Morte di Heathcliff
settembre 1802 Ritorno di Mr. Lockwood a Thrusscross Grange
1803 Cathy pianifica di sposare Hareton il 1 gennaio
  • Wuthering Heights: la proprietà che dà il nome al romanzo, prima della famiglia Earnshaw e poi di Heathcliff. Il nome indica i luoghi (cime) più selvatici ed esposti alle tormente, che nella brughiera sono comuni. La cittadina più vicina che viene nominata è Gimmerton, ispirata in parte sul villaggio di Haworth dove le sorelle Brontë vissero[6][7][8][9][6]; tanto che la zona in cui si trova ha preso nel tempo il soprannome di "Brontë Country"[10] (molti degli stessi luoghi situati nei dintorni prendono il nome da quello delle tre scrittrici[6][8].
I ruderi di Top Withens.
Vi sono diverse ipotesi riguardo ai luoghi reali che possono aver ispirato "Wutheringh Heights", ma di solito il modello viene considerato essere Top Withens, ormai un rudere appena fuori Haworth[6][9]: la posizione, isolata e battuta dal vento, sarebbe coerente con la descrizione, anche se poi l'aspetto della tenuta è in realtà abbastanza differente. Un altro dei luoghi da prendere in considerazione come probabile modello è Sunderland Hall appena fuori Halifax[11] in West Yorkshire: quest'edificio in stile gotico era situato vicino a Law Hill, dove Emily ha lavorato per un breve periodo in qualità di governante nel 1838 (la sala d'ingresso era simile a quella descritta nel 1º capitolo del libro).
  • Thrushcross Grange: la tenuta non viene descritta in modo così dettagliato come per Wuthering Heights. Apparteneva originariamente alla famiglia Linton ma verso la fine del romanzo cade anch'essa nelle mani di Heathcliff; è la casa che Lockwood affitta all'inizio della storia e dove abita Nelly. Tradizionalmente i luoghi che si crede possano averla ispirata sono Ponden Hall vicino al villaggio di Stanbury e Shidben Hall nei pressi di Halifax[12][13].

Pubblicazione ed accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo fu pubblicato per la prima volta nel 1847 poco dopo Jane Eyre della sorella Charlotte. Come molte scrittrici vittoriane (ad es. George Eliot) Emily Brontë firma il suo romanzo con uno pseudonimo: Ellis Bell.

Molti credettero che si trattasse di un'opera poco matura della stessa Charlotte. Nel 1850 proprio Charlotte farà pubblicare un'altra edizione del romanzo nella quale svelerà la vera identità della scrittrice.

Le prime accoglienze della critica furono piuttosto negative. Il libro suscitò infatti uno scandalo: si rimproverava all'autrice troppa brutalità e troppa violenza in alcuni punti del libro. Ad esempio l'Examiner riportò che Cime Tempestose:

« ...è uno strano libro. Ci sono segni di un grande potere di scrittura, ma nell'insieme è violento, confuso, incoerente e improbabile »
(Examiner gennaio 1848)

Sconcertò anche la struttura "a matrioska" della trama, nella quale è assente un punto di vista oggettivo e che è raccontata in modo tutt'altro che lineare. Altro fatto sconcertante per l'epoca era il fatto che Heathcliff non si redimesse. Il fatto che egli lasci Cathy libera di sposare Hareton dipende dalla sua indifferenza, dalla sua estraneazione dalle cose terrene più che da un improbabile pentimento. Per questo il libro fu tacciato di immoralità.

La riabilitazione del romanzo iniziò un decennio dopo: Dante Gabriel Rossetti, Matthew Arnold e George Henry Lewes furono tra i primi ad ammirare Cime Tempestose. Fu in seguito paragonata da Algernon Swinburne al Re Lear di Shakespeare e alle opere di Victor Hugo. Solo nel XX secolo si è però iniziato a studiare in modo sistematico Cime Tempestose.

Struttura dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Come molti, in particolare Ginevra Bompiani, hanno fatto notare il libro presenta una forte simmetria. Si possono infatti dividere i personaggi in due generazioni (Heathcliff, Catherine, Edgar nella prima; Linton, Hareton, Cathy nella seconda). Entrambe le generazioni occupano esattamente 17 capitoli dei 34 in cui il romanzo è diviso. Si vede anche una simmetria tra le due famiglie: i Linton e gli Earnshaw costituite da un membro principale (Catherine-Edgar) e da un fratello/sorella (Hindley-Isabella), equilibrio che verrebbe messo in crisi proprio dall'introduzione di un elemento estraneo, vale a dire Heathcliff.

La narrazione inizia in medias res (ovvero nel mezzo dei fatti). Siamo infatti nel 1801, mentre la storia inizia nel 1771 (anno di arrivo di Heathcliff a casa Earnshaw) e termina nel 1802 con la morte di Heathcliff.

I narratori sono due: quello principale è Mr Lockwood, (l'affittuario di Heathcliff), mentre il secondo è interno e si identifica in Nelly Dean, la governante. Questo vuol dire, cioè, che Mr. Lockwood racconta la storia di Nelly Dean che racconta la storia di Heathcliff e Catherine; in alcuni momenti addirittura la signora Dean, che solitamente racconta in prima persona, si affida a testimonianze di terzi stratificando ancor più il romanzo.

Molti inoltre hanno visto in Catherine Linton un'erede ideale di Catherine Earnshaw. La seconda Catherine riesce infatti a coronare il suo amore, essendo della stessa classe sociale dell'amato (Hareton Earnshaw, figlio di Hindley). Heathcliff sembra riuscire comunque, come è accennato nel finale del libro, a raggiungere il suo amore nel mondo degli spiriti (il "suo paradiso") facendo così tornare la pace a Cime Tempestose.

Una rara copia della prima edizione dell'unico romanzo della scrittrice inglese Emily Brontë è stata venduta a un'asta di Bonham's a Londra per 114.000 sterline, ovvero quasi 162.000 euro.

Elementi sovrannaturali[modifica | modifica wikitesto]

Durante il romanzo si presentano una buona quantità di incidenti sovrannaturali, sebbene la loro vera natura rimanga sempre ambigua, in quanto vengono narrati ma non ne viene spiegata l'origine. L'autrice, attraverso le parole di Lockwood e di Nelly, li definisce "superstizione", ma in realtà non li smentisce, lasciandone l'interpretazione aperta al giudizio del lettore. Il mistero dei genitori di Heathcliff, infatti, non viene mai risolto, come non viene risolto il mistero della sua fortuna economica. All'inizio del romanzo, Lockwood è colpito da una visione di Catherine che appare alla finestra della sua vecchia camera a Cime Tempestose, implorandolo di farla entrare. Heathcliff, sentendo questo, non solo ci crede, ma quando lui muore, viene notato che la finestra della sua stanza è stata lasciata aperta, dando credito alla possibilità che Catherine potesse ritornare al momento della sua morte.

Alla morte di Catherine, lo stesso Heathcliff invoca il suo fantasma pregandolo di non dargli requie. Heathcliff racconta poi a Nelly Dean di essere "perseguitato" da Catherine. Dopo che Heathcliff muore, Nelly Dean riferisce che le varie storie che si raccontano in giro narrano di Catherine e Heathcliff che vagano per la brughiera, anche se nelle righe finali del romanzo Lockwood fa nascere l'idea dei "sonni agitati dei dormienti in quella terra calma".

Questi particolari, insieme ad altre scene del libro hanno fatto paragonare Cime Tempestose al romanzo gotico.

Riferimenti a Cime tempestose[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti letterari[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel saggio di Albert Camus The Rebel, Heathcliff è paragonato a un leader delle forze ribelli. Entrambi sono condotti a una sorta di pazzia: l'uno dall'amore traviato, l'altro dall'oppressione. Camus giustappone l'idea della reazione di Heathcliff verso Cathy con la reazione di un ribelle disincantato verso l'ideale che possedeva una volta.
  • Maryse Condé, con il romanzo Windward Heights, adattò Cime tempestose in Guadalupa e Cuba.
  • Sia Sylvia Plath sia Ted Hughes scrissero poesie intitolate Wuthering Heights (Cime tempestose).
  • Nel 1992 un professore universitario di letteratura Inglese dell'Università del Massachusetts di nome Lin Haire-Sargenat pubblicò un romanzo dal titolo "H: The story of Heathcliff's Journey Back to Wuthering Heigts" dove inventa l'intreccio che copre i misteriosi tre anni di assenza di Heatcliff da Cime Tempestose.
  • La scrittrice Stephenie Meyer (ideatrice della famosa saga sui vampiri Twilight) racconta dell'interessamento del personaggio principale, ovvero Isabella Swan nei confronti della tormentata storia d'amore tra Heathcliff e Catherine.
  • La scrittrice italiana Desy Giuffrè ha scritto Io sono Heathcliff, primo seguito paranormal romance di Cime tempestose, pubblicato da Fazi editore.
  • Jasper Fforde nella saga dedicata a Thursday Next, Heathcliff vince ogni anno il premio come "Miglior cattivo in un romanzo romantico".

Riferimenti musicali[modifica | modifica wikitesto]

  • Wuthering Heights (Cime tempestose) è anche il nome di un gruppo heavy metal danese.
  • Un album dei Genesis, Wind & Wuthering del 1976, trae alcune ispirazioni dal romanzo.
  • Nella seconda metà degli anni novanta il cantante Cliff Richard è stato il protagonista del musical Heathcliff ispirato al romanzo. Le musiche erano di John Farrar e i testi di Tim Rice
  • Kate Bush debuttò con la canzone Wuthering Heights, ispirata dal romanzo, nel 1978, restando al primo posto della Classifica UK per quattro settimane. Molti artisti hanno reinterpretato questa canzone: ne sono un esempio Hayley Westenra Cristina Donà, le Puppini Sisters e la band brasiliana Angra che, nei primi anni '90, ha realizzato una versione decisamente più rock; inoltre anche Mia Martini l'ha reinterpretata in una versione in italiano.
  • Il gruppo giapponese ALI PROJECT ha scritto una canzone intitolata Arashi ga oka (嵐ヶ丘?), cioè appunto "Cime tempestose", il cui testo fa riferimento al romanzo.
  • La cantante italiana Elisa reinterpreta il brano di Kate Bush cantando e suonando il pianoforte dal vivo durante la trasmissione Che tempo che fa nella puntata del 23/05/2010.
  • Il trio rap One Mic riprende Cime Tempestose nella canzone Delle Volte, infatti cantano "...delle rime che sono tempestose come le cime di Bronte...".

Adattamenti cinematografici e televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Forse l'adattamento cinematografico più famoso fu quello diretto da William Wyler nel 1939. Ne sono interpreti Merle Oberon (Cathy Linton), Laurence Olivier (Heathcliff), David Niven (Edgar Linton), Flora Robson (Ellen Dean), Donald Crisp (Dr. Kenneth), Geraldine Fitzgerald (Isabella Linton) e Leo G. Carroll (Joseph Earnshaw). Il film fu adattato da Charles MacArthur, Ben Hecht e John Huston. Il film fu nominato per l'Academy Award for Best Picture. Non descrive tutto il romanzo, ma solo metà.

Nel 1954 fu la volta di Abismos de pasión di Luis Buñuel: un adattamento più libero, di un romanticismo esasperato fino a sconfinare col surrealismo e un curioso abbinamento musicale con il Tristano e Isotta di Richard Wagner.

Al 1970 risale un nuovo adattamento cinematografico, con Timothy Dalton nei panni di Heathcliff.

Un adattamento cinematografico del 1992 fu il primo a mostrare entrambe le generazioni delle storia, quindi Heathcliff, Cathy, Edgar, e Hindley, come pure i loro figli. Juliette Binoche interpreta due ruoli, Catherine Earnshaw e sua figlia. Ralph Fiennes fa la parte di Heathcliff.

Un adattamento del 1953 per la BBC fu realizzato da Higel Kneale, diretto da Rudolph Cartier e interpretato da Yvonne Mitchell, nel ruolo di Cathy; questa versione non è più presente negli archivi della BBC.

Nel 2004 la RAI mise in onda una miniserie su Cime tempestose, diretta da Fabrizio Costa, con Alessio Boni nel ruolo di Heathcliff e Anita Caprioli nel ruolo di Catherine.

Nel 2011 esce in Regno Unito Wuthering Heights diretto da Andrea Arnold. Il film è stato presentato alla 68ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia il 9 settembre, festival in cui ha vinto il Premio Osella per il migliore contributo tecnico. Nel cast, quasi interamente composto da teen-agers e da ragazzini piuttosto giovani, figura l'attrice inglese Kaya Scodelario, nota soprattutto per il suo ruolo nella serie tv Skins, alle prese con la sua prima parte da protagonista in un film (riveste infatti la parte di Catherine Earnshaw).

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Cime tempestose, trad. di Rosina Binetti, Milano: Treves, 1926; F.lli Treves, 1934; Garzanti, 1941 (con introduzione di Paolo Ruffilli dall'ed. 1998) ISBN 8811580935
  • La tempestosa, trad. di Enrico Piceni, Milano: Alpes, 1926
  • La voce nella tempesta, trad. di Enrico Piceni, Milano: Rizzoli, 1949
  • Cime tempestose, a cura di Augusta Grosso Guidetti, Torino: Utet, 1950 ISBN 88-02-03590-3; Milano: TEA, 1990 ISBN 8878191345
  • Cime tempestose, trad. di Giorgio Cavallotti, Milano: Cavallotti, 1952
  • Cime tempestose, in Tre romanzi (con Jane Eyre e Agnes Grey), introduzione di Maria Luisa Astaldi, a cura di Lia Spaventa Filippi, Roma: Casini, 1956
  • Cime tempestose, ed. ridotta di Virginia Galante Garrone, Torino: SAIE, 1957; Catania: Paoline, 1967
  • Cime tempestose, trad. Curzio Siniscalchi, Milano: Lucchi, 1958
  • Cime tempestose, a cura di Grazia Ambrosi Tadolini, Bologna: Capitol, 1960
  • Cime tempestose, trad. di Guglielmo Valle, Milano: Fabbri, 1961; Milano: Le comete, 1981
  • Cime tempestose, trad. di Antonio Meo, con saggio introduttivo di Virginia Woolf (aggiunto all'ed. 1992), Einaudi, 1962, pp. 379, cap. 32, ISBN 88-06-12874-4.
  • Cime tempestose, a cura di Lia Spaventa Filippi, Firenze: Sansoni, 1965; Novara: De Agostini, 1982
  • Cime tempestose, a cura di Elio Chinol, trad. di Bruno Tasso, Milano: Mursia, 1966 ISBN 8842517011
  • Cime tempestose, trad. di Enrico Piceni, introduzione di Georges Bataille, Milano: Biblioteca Universale Rizzoli, 1978 ISBN 8817122009
  • Cime tempestose, ed. ridotta di R. Cenni, Ozzano Emilia: Malipiero, 1983
  • Cime tempestose, trad. di Bruno Oddera, Milano: Mondadori, 1983
  • Cime tempestose, traduzione di Mariagrazia Bianchi Oddera, introduzione di Mario Lunetta, Biblioteca economica Newton, Newton Compton, 1993, pp. 256, cap. 32, ISBN 978-88-8289-149-7.
  • Cime tempestose, trad. di Anna Luisa Zazo, con uno scritto di Joyce Carol Oates, Milano: Oscar Mondadori, 1993 ISBN 8804477733
  • Cime tempestose, a cura di Bruna Dell'Agnese, Milano: La tartaruga, 1994 ISBN 8877381426; Milano: Baldini & Castoldi, 2001 ISBN 8880895052
  • Cime tempestose, trad. di Margherita Giacobino, Frassinelli-Sperling, 1995, pp. 431, cap. 32, ISBN 88-8274-257-1.
  • Cime tempestose sugli abissi del cuore umano, a cura di Gemma De Sanctis, Bussolengo: Demetra, 1996; Firenze: Giunti 2003 ISBN 8844011611
  • Cime tempestose, trad. di Paola Brusasco, introduzione di Viola Papetti, Roma: Gruppo Editoriale L'Espresso, 2004 ISBN 8889145080
  • Cime tempestose, trad. di Fosca Belli, Milano : Dalai, 2011 ISBN 9788860739582
  • Cime tempestose, trad. di Laura Noulian, introduzione di Frederic Ieva, Milano: Feltrinelli, 2012 ISBN 9788807822551
  • Cime tempestose, trad. di Margherita Giacobino, con uno scritto di Javier Marías, Milano: Oscar Mondadori, 2012 ISBN 9788804623526

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bloom's Guides: Wuthering Heights. URL consultato il 3 aprile 2014.
  2. ^ Publication of "Wuthering Heights" and its contemporary critical reception. URL consultato il 3 aprile 2014.
  3. ^ Excerpts from Contemporary Reviews, Academic.brooklyn.cuny.edu, 4 marzo 2009. URL consultato il 19 maggio 2010.
  4. ^ ''Wuthering Heights'': Publication & Contemporary Critical Reception, Academic.brooklyn.cuny.edu, 4 marzo 2009. URL consultato il 19 maggio 2010.
  5. ^ Later Critical Response to Wuthering Heights, Academic.brooklyn.cuny.edu, 4 marzo 2009. URL consultato il 19 maggio 2010.
  6. ^ a b c d Somerville, Christopher, Le Guide Traveler di National Geographic - Gran Bretagna, National Geographic Society, New York, 1999-2001 - White Star, Vercelli, 2004, p. 272
  7. ^ A.A.V.V., Inghilterra, op. cit., pp. 650-651
  8. ^ a b A.A.V.V., Gran Bretagna, Dorling Kindersley, London -Mondadori, Milano, 1996 e segg.
  9. ^ a b A.A.V.V., Key Guide - Gran Bretagna, Touring Club Italiano, 2007, p. 169
  10. ^ http://www.visitbradford.com/Bronte_country/
  11. ^ Paul Thompson, Wuthering Heights: the home of the Earnshaws, giugno 2009. URL consultato l'11 ottobre 2009.
  12. ^ Robert Barnard (2000) Emily Brontë
  13. ^ Ian Jack (1995) Explanatory Notes in Oxford World's Classics edition of Wuthering Heights

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura