Orfano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Orfani.
Lo Spedale degli Innocenti in piazza SS Annunziata a Firenze, fu il primo orfanotrofio costruito

Orfano è una persona che ha perso uno od entrambi i genitori. Si definisce orfano di padre una persona che ha perso il padre, orfano di madre chi ha perso la madre e semplicemente orfano chi ha perso entrambi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nei tempi antichi, le condizioni di un orfano potevano essere significativamente più difficili se in condizioni economiche precarie. Per lungo tempo, gli orfani che non avevano ancora compiuto la maggiore età, in assenza di famigliari o di conoscenti disposti a prendersi cura di loro, venivano inseriti in comunità di alloggio detti orfanotrofi.

Il 31 dicembre 2006 entra in vigore la legge 149 del 28 marzo 2001 che decreta la chiusura degli orfanotrofi e il trasferimento dei minori in case-famiglia in attesa di famiglie adottive.

Nelle arti[modifica | modifica sorgente]

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Nella letteratura, anche fiabesca, il tema degli orfani ricorre spesso. esempi sono:

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Walt Disney Animation Studios

  • Bambi è orfano di madre, uccisa da un cacciatore
  • Cenerentola è orfana (la madre morì quando era ancora piccola, il padre dopo essersi risposato)
  • Simba è orfano di padre, ucciso da Scar
  • Koda è orfano di tutti e due genitori (viene adottato dall'assassino della madre)

DreamWorks

Sony Pictures Animation

  • Mavis è orfana di madre, uccisa da una folla inferocita

Altro[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]