Tyrone Power

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tyrone Power nel 1946, ritratto da Yousuf Karsh.

Tyrone Edmund Power Jr. (Cincinnati, 5 maggio 1914Madrid, 15 novembre 1958) è stato un attore cinematografico statunitense.

È ricordato in particolare per parti di eroe malinconico e spesso perdente oppure di "bel tenebroso", in film girati fra gli anni trenta e cinquanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio d'arte, seguì ben presto il padre Tyrone Sr. (attore del cinema muto, morto nel 1931) nella carriera cinematografica divenendo una sorta di sex-symbol, come accadde a Rodolfo Valentino.

Sebbene di religione cattolica, si sposò tre volte e divorziò due. Furono proprio le sue relazioni extraconiugali a compromettere i matrimoni con l'attrice francese Annabella (sposata nel 1939 e da cui divorziò nel 1948) e con Linda Christian (sposata nel 1949 e da cui divorziò nel 1956). Dal matrimonio con la Christian nacquero nel 1951 Romina e nel 1953 Taryn. Dall'unione con la terza moglie, Deborah Ann Montgomery Minardos, sposata nel 1958, pochi mesi prima di morire, nacque l'anno successivo Tyrone William IV, diventato anch'egli un attore.

Tyrone Power con Maureen O'Hara ne Il cigno nero (1942)

Partecipò alla seconda guerra mondiale come aviatore nel corpo dei marines.

Morì per infarto il 15 novembre 1958, sul set madrileno del film Salomone e la regina di Saba. Colto da malore durante una pausa delle riprese del duello con l'attore George Sanders, Power morì durante il trasporto all'ospedale[1][2]. Verrà poi sostituito da Yul Brynner nelle riprese.

Fu sepolto all'Hollywood Forever Cemetery, il cimitero dei divi sulla collina di Hollywood.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

  • Giulio Panicali ne La rosa di Washington, I Lloyds di Londra (riedizione), La lunga linea grigia, Il mio avventuriero, L'uomo dell'est, Moglie di giorno, La fiera delle illusioni (oggi ridoppiato), Quel meraviglioso desiderio, La rosa nera (oggi ridoppiato), Sangue e arena, Il sole sorgerà ancora, L'ultima freccia, Jess il bandito, Il principe delle volpi, Il cigno nero (oggi ridoppiato), L'isola del desiderio (oggi ridoppiato), Agguato sul fondo, L'avventuriero della Louisiana, Il capitano di Castiglia, La grande missione, Carovana verso il sud, Corriere diplomatico, Il filo del rasoio, La grande passione, I guerriglieri delle Filippine, Incantesimo, L'incendio di Chicago (riedizione), La carica dei Kyber
  • Emilio Cigoli in Sono un disertore, Il prigioniero (oggi ridoppiato), Il segno di Zorro (doppiato in Spagna), Il figlio della furia (doppiato in Spagna)
  • Stefano Sibaldi ne La grande strada bianca (oggi ridoppiato), Maria Antonietta
  • Mario Pisu ne La grande pioggia
  • Giuseppe Rinaldi in Testimone d'accusa
  • Rodolfo Baldini ne La rosa nera (ridoppiaggio)
  • Romano Malaspina in Il cigno nero (ridoppiaggio)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Tyrone Power Padre:
Tyrone Power Sr
Nonno paterno:
Harold Littledale Power
Bisnonno paterno:
Tyrone Power
Trisnonno paterno:
Tyrone Power
Trisnonna paterna:
Maria Maxwell
Bisnonna paterna:
Anna Gilbert
Trisnonno paterno:
Trisnonna paterna:
Nonna paterna:
Ethel Lavenu
Bisnonno paterno:
Lewis Henry Lavenu
Trisnonno paterno:
Lewis Lavenu
Trisnonna paterna:
Eliza ?
Bisnonna paterna:
Julia Blossett
Trisnonno paterno:
John Blossett
Trisnonna paterna:
Madre:
Helen Emma Patia Reaume
Nonno materno:
Charles William Reaume
Bisnonno materno:
Anthony Reaume
Trisnonno materno:
Trisnonna materna:
Bisnonna materna:
Jane Cary
Trisnonno materno:
Trisnonna materna:
Nonna materna:
Adelaide Schuster
Bisnonno materno:
Trisnonno materno:
Trisnonna materna:
Bisnonna materna:
Trisnonno materno:
Trisnonna materna:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Romina Power, Cercando mio padre, Gremese Editore, 1998, pag. 273-275
  2. ^ George Sanders, Mémoires d'une fripouille, Presses Universitaires de France, 2004, pag. 209-211, ISBN 2130519180

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN17231729 · LCCN: (ENn50000997 · ISNI: (EN0000 0000 6301 577X · GND: (DE122866134 · BNF: (FRcb11943800m (data)