Booth Tarkington

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Booth Tarkington (1903)

Newton Booth Tarkington (Indianapolis, 29 luglio 1869Indianapolis, 19 maggio 1946) è stato uno scrittore e drammaturgo statunitense, conosciuto soprattutto per i suoi due romanzi vincitori del Premio Pulitzer I magnifici Amberson (The Magnificent Ambersons) e Alice Adams.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Booth Tarkington nacque ad Indianapolis, figlio di John S. Tarkington ed Elizabeth Booth Tarkington. prese il nome dallo zio materno Newton Booth, che allora era il governatore della California. Frequentò dapprima la Purdue University, ma terminò gli studi all'Università di Princeton nel 1893. Mentre era a Princeton diresse il "Nassau Literary Magazine" (Rivista letteraria di Nassau) e fondò il Triangle Club. Venne anche nominato studente più popolare del proprio corso. Quando il corso a cui Tarkington apparteneva nel 1893 si laureò, egli non aveva però titoli sufficienti per laurearsi a Princeton, dato che aveva frequentato per due soli anni. Grazie ai suoi conseguimenti successivi gli furono però conferiti ad honorem il titolo di Artium Magister nel 1899 e di Doctor of Letters nel 1918.

È stato uno dei più famosi scrittori americani della sua epoca e i suoi due romanzi The Two Vanrevels e Mary's Neck per nove volte figurarono nella classifica annuale dei libri più venduti.

Al giorno d'oggi la sua opera più famosa è I magnifici Amberson, anche grazie alla trasposizione cinematografica che ne fece Orson Welles nel 1942. Si tratta della seconda parte della trilogia di Tarkington Growth (Crescita), che descrive lo sviluppo degli Stati Uniti narrando il declino della un tempo potente ed aristocratica famiglia degli Amberson, contrapposto alla crescita dei grandi industriali e delle famiglie di "nuovi ricchi" nel periodo del boom economico che va dal termine della Guerra civile americana allo scoppio della Prima guerra mondiale.

Tarkington fece delle sostanziose donazioni alla Purdue University e fu noto per le sue grandi generosità e filantropia. In suo onore, una delle residenze per gli studenti alla Purdue University è stata battezzata Tarkington Hall[1].

Morte[modifica | modifica sorgente]

Booth Tarkington morì il 19 maggio 1946. È sepolto a Crown Hill Cemetery a Indianapolis[1].

Opere[modifica | modifica sorgente]

Julia; frontespizio di un'edizione newyorkese del 1922 di Gentle Julia di Booth Tarkington

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Find a Grave

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54154708 LCCN: n79078124