Corrado Barazzutti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corrado Barazzutti
Corrado Barazzutti.jpg
Corrado Barazzutti
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 70 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 307 - 222
Titoli vinti 5
Miglior ranking 7° (21 agosto 1978)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open A
Francia Roland Garros SF (1978)
Regno Unito Wimbledon 2T (1980)
Stati Uniti US Open SF (1977)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 57 - 111
Titoli vinti 1
Miglior ranking 372° (17 luglio 1984)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al febbraio 2010

Corrado Barazzutti (Udine, 19 febbraio 1953) è un ex tennista e allenatore di tennis italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera sportiva[modifica | modifica sorgente]

Crebbe ad Alessandria sotto la guida di Giuseppe Cornara. Nel 1971 si fece conoscere grazie alla vittoria nel prestigioso torneo Orange Bowl, una sorta di campionato del mondo giovanile. Formò, insieme ad Adriano Panatta, Paolo Bertolucci e Tonino Zugarelli, la più forte squadra italiana di tutti i tempi, arrivando a conquistare la Coppa Davis nel 1976 e giungendo alla finale altre tre volte (1977, 1979 e 1980) nei quattro anni successivi. Sempre schierato come secondo singolarista, nella finale di Santiago del Cile del 1976 conquistò il primo punto per l'Italia battendo il numero uno di casa Jaime Fillol.

Ottenne l'accesso alle semifinali degli U.S. Open 1977 e del Roland Garros 1978, perdendo in tre set da Jimmy Connors negli States e da Björn Borg in Francia. Il 21 agosto 1978 raggiunse il suo miglior piazzamento (7°) nella classifica ATP[1]. Questo gli valse la partecipazione all'edizione dei Masters del 1978 Colgate-Palmolive Masters 1978 - Singolare.

Della semifinale con Jimmy Connors agli U.S. Open del 1977, si ricorda molto spesso un episodio in cui l'americano, su una palla dubbia, entrò nella metà campo di Barazzutti e cancellò il segno in modo tale da renderne impossibile la verifica. Quella palla, che Barazzutti vide fuori, fu invece chiamata dentro dal giudice di sedia, che era dall'altra parte del campo. Quel gesto fece girare l'incontro nettamente a favore di Connors (il quale non ricevette alcuna penalità): se il punto cancellato fosse stato assegnato a Barazzutti, l'italiano avrebbe potuto vincere la partita. Il replay diede ragione a Barazzutti.

È stato campione italiano di singolare per sette anni consecutivamente dal 1976 al 1982; ha vinto anche il campionato italiano di doppio nel 1983 e quello indoor nel 1976.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Dal 2001 è capitano non giocatore della nazionale maschile italiana, e dal 2002 anche di quella femminile, squadra che ha vinto inaspettatamente nel 2006 la Federation Cup, l'equivalente in campo femminile della Davis, successo bissato nel 2009, e poi ripetuto anche nel 2010 e nel 2013.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Vittorie (5)[modifica | modifica sorgente]

Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 11 aprile 1976 Francia ATP Nizza, Nizza Terra battuta Rep. Ceca Jan Kodeš 6-2, 2-6, 5-7, 7-6, 8-6
2. 25 aprile 1977 Stati Uniti Carolinas International Tennis, Charlotte Sintetico Stati Uniti Eddie Dibbs 7-6, 6-0
3. 9 luglio 1977 Svezia Swedish Open, Båstad Terra battuta Ungheria Balázs Taróczy 7-6, 6-7, 6-2
4. 6 novembre 1977 Francia Paris Open, Parigi Cemento indoor Stati Uniti Brian Gottfried 7-6, 7-6, 6-7, 3-6, 6-4
5. 9 marzo 1980 Egitto Cairo Open, Il Cairo Terra battuta Italia Paolo Bertolucci 6-4, 6-0

Finali perse (8)[modifica | modifica sorgente]

Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 2 novembre 1975 Filippine Philippine International, Manila Cemento Australia Ross Case 3-6, 1-6
2. 10 luglio 1976 Svezia Swedish Open, Båstad (1) Terra battuta Italia Antonio Zugarelli 6-4, 5-7, 2-6
3. 7 novembre 1976 Giappone Japan Open Tennis Championships, Tokyo Cemento Stati Uniti Roscoe Tanner 3-6, 2-6
4. 10 aprile 1977 Monaco Monte Carlo Open, Monte-Carlo Terra battuta Svezia Björn Borg 3-6, 5-7, 0-6
5. 30 aprile 1978 Stati Uniti Alan King Tennis Classic, Las Vegas Cemento Stati Uniti Harold Solomon 1-6, 0-3, rit.
6. 23 luglio 1978 Svezia Swedish Open, Båstad (2) Terra battuta Svezia Björn Borg 1-6, 2-6
7. 23 settembre 1979 Italia Campionati Internazionali di Sicilia, Palermo Terra battuta Svezia Björn Borg 4-6, 0-6, 4-6
8. 4 novembre 1979 Francia Paris Open, Parigi Cemento indoor Stati Uniti Harold Solomon 3-6, 6-2, 3-6, 4-6

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Classifica WTA: Pennetta al decimo posto

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]