Gianni Ocleppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Ocleppo
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking 53° (25 mnaggio 1987)
Doppio1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking 30° (7 dicembre 1979)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Giovanni Ocleppo (Alba, 16 aprile 1957) è un ex tennista italiano.

L'intera sua vita è stata consacrata al tennis, prima da sportivo e poi da commentatore tv. Ha raggiunto la 30esima posizione nel ranking atp il 7 dicembre 1979 ed è stato costantemente tra i primi 50 fino al 1984, confermandosi più di una volta il miglior tennista italiano. Terminata la carriera all'età di 30 anni, ha lavorato per la Advantage International, multinazionale americana che opera nel settore del management sportivo. Dal 2003 è amministratore delegato della società Promozioni Gestionali, che opera nel settore del confezionamento di prodotti alimentari. È stato sposato con Dee Erburg (dalla quale ha divorziato nel 2003), che in seguito diverrà moglie di Tommy Hilfiger. Da Dee ha avuto due figli: Alex e Julian.
Quest'ultimo, seguendo le orme del padre, ha già iniziato la sua carriera tennistica vincendo il torneo "Topolino" nel 2007 a Torino e Aosta. Ha replicato nel 2008 a Bordighera,mentre nel 2013 vince il suo primo titolo u18 ad Amman,in Giordania. L'altro figlio, Alex, anch'egli appassionatissimo di tennis, potrebbe invece seguire le orme paterne come commentatore ed opinionista della disciplina sportiva.

Infatti, oggi Gianni Ocleppo è commentatore televisivo per Eurosport, con cui collabora in occasione delle prove del Grande Slam.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha vinto in carriera un torneo ATP, a Linz nel 1981, ed è arrivato in finale a Bologna nel 1979 ed Bordeaux e Metz nel 1980. Sempre nel 1980, ha vinto due tornei nel doppio, a Palermo ed a Vienna. Nella coppa Davis del 1984, è stato artefice della vittoria contro l'Inghilterra nel primo turno. Ha inoltre giocato per l'Italia nella finale di Coppa Davis del 1980, perdendo il suo incontro con Ivan Lendl. Memorabile anche il Wembley Championship del 1979 in cui ha raggiunto le semifinali e si è dovuto inchinare a John McEnroe, dopo aver battuto tennisti del calibro di Peter Fleming, Tomáš Šmíd e Ferdi Taygan. Si è ritirato dall'attività professionistica nel 1987.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]