Roberto Cammarelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Carriera pugile}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Roberto Cammarelle
Napolitano Cammarelle.jpg
Roberto Cammarelle riceve il diploma di Commendatore dal presidente Napolitano nel 2008
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 190 cm
Peso 105 kg
Pugilato Boxing pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Pesi supermassimi
Squadra Fiamme Oro
Carriera
Incontri disputati
Totali 67
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Atene 2004 supermassimi
Oro Pechino 2008 supermassimi
Argento Londra 2012 supermassimi
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Bronzo Mianyang 2005 supermassimi
Oro Chicago 2007 supermassimi
Oro Milano 2009 supermassimi
Bronzo Almaty 2013 supermassimi
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Argento Perm 2002 supermassimi
Argento Pola 2004 supermassimi
Argento Ankara 2011 supermassimi
Transparent.png Campionati EU
Oro Madrid 2004 supermassimi
Oro Cagliari 2005 supermassimi
Oro Pécs 2006 supermassimi
Oro Dublino 2007 supermassimi
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Almeria 2005 supermassimi
Oro Pescara 2009 supermassimi
Oro Mersin 2013 supermassimi
Statistiche aggiornate al 25 novembre 2013

Roberto Cammarelle (Cinisello Balsamo, 30 luglio 1980) è un pugile italiano della categoria dei pesi supermassimi, olimpionico ai Giochi di Pechino del 2008 e campione del mondo dilettanti nel 2007 e nel 2009.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Cammarelle nasce a Cinisello Balsamo (Milano)[1] da genitori lucani (il padre Angelo è originario di Rionero in Vulture[2]; sua madre, Giovanna Caraffa, è di Scalera, frazione di Filiano[3]). Diplomato in ragioneria, si appassiona alla boxe in tenera età, dopo aver assistito a una riunione pugilistica nella sua città natale.

Scoperto da Biagio Pierri, ex pugile di pesi piuma, all'età di 14 anni inizia a gareggiare nella società pugilistica "Rocky Marciano" di Cinisello. Dal 2000 fa parte delle Fiamme Oro, la squadra sportiva della Polizia di Stato.

Nel 2004 riceve l'onorificenza di Cavaliere OMRI su iniziativa del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e nel 2008 quella di Commendatore dal nuovo presidente Giorgio Napolitano. Il 20 ottobre dello stesso anno l'amministrazione comunale di Rionero in Vulture gli conferisce la cittadinanza onoraria.

Carriera pugilistica[modifica | modifica wikitesto]

Ottiene il suo primo titolo italiano, come Under 16, nel 1995, nella categoria pesi massimi. In nazionale dal 1997, gareggia dal 2002 nella categoria supermassimi. Vince, consecutivamente, i campionati italiani dal 2000 al 2007, dei quali i primi due disputati nella categoria dei massimi.

Nel 2002 raggiunge la finale dei Campionati europei di Perm 2002; si ripete, nel 2004, accedendo alla finale dei Campionati europei di Pola 2004 e nel 2011 nella finale della competizione europea di Ankara 2011.

Alle Olimpiadi di Atene 2004 vince il bronzo nella categoria supermassimi, piazzamento ripetuto ai mondiali del 2005.

Dal 2004 al 2007, Cammarelle vince consecutivamente quattro campionati della comunità europea. Conquista poi la medaglia d'oro ai Giochi del Mediterraneo, ad Almeria nel 2005, e ai campionati mondiali di Chicago 2007.

Roberto Cammarelle partecipa alle Olimpiadi di Pechino 2008, dove ottiene la medaglia d'oro nella categoria +91 kg: in questo modo, a vent'anni dal successo di Giovanni Parisi, vincitore nei pesi piuma nei giochi di Seoul, l'Italia torna a vincere una medaglia d'oro olimpica nel pugilato. Cammarelle, dopo aver battuto per KO in semifinale il britannico David Price, riserva in finale lo stesso trattamento al cinese Zhang Zhilei, sconfitto per KO tecnico.

Il 19 giugno 2009 viene nominato portabandiera della delegazione italiana ai Giochi del mediterraneo di Pescara 2009; è la prima volta per un pugile. Il 2 luglio 2009 vince la medaglia d'oro ai Giochi del Mediterraneo di Pescara 2009.

Il 12 settembre 2009 si riconferma campione del mondo dei supermassimi +91 kg battendo a Milano il pugile ucraino Roman Kapitonenko.

Il 12 agosto 2012 alle olimpiadi di Londra ottiene la medaglia d'argento nei pesi supermassimi +91, perdendo, a seguito di un verdetto contestato, contro l'inglese Anthony Joshua[4]. L'Italia presenterà inutilmente ricorso[5] per il comportamento dubbio della giuria.

Principali incontri disputati[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 28 agosto 2012.

Evento Edizione Categoria Trentaduesimi Sedicesimi Ottavi Quarti Semifinale Finale Pos. Note
Wikiproject Europe (small).svg
Europei
Perm 2002 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Peter Jacura
(Slovacchia SVK)
V DQ 3
Gaga Bolkvadze
(Georgia GEO)
V 19-5
Artyom Tsarikov
(Ucraina UKR)
V 12-10
Aleksandr Povetkin
(Russia RUS)
P 16-20
Silver medal icon.svg [6]
Wikiproject Europe (small).svg
Europei
Pola 2004 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Sebastian Köber
(Germania DEU)
V RET
Csaba Kurtuzs
(Ungheria HUN)
V RET
David Price
(Inghilterra ENG)
V 24-12
Sergey Rozhnov
(Bulgaria BGR)
V 16-13
Aleksandr Povetkin
(Russia RUS)
P 20-36
Silver medal icon.svg [7]
Flag of Europe.svg
Campionati EU
Madrid 2004 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Mohamed Samoudi
(Francia FRA)
V
Mariusz Wach
(Polonia POL)
V RSCH 4
Gold medal icon.svg [8]
Olympic rings with transparent rims.svg
Olimpiadi
Atene 2004 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Gbenga Oluokun
(Nigeria NGA)
V 29-13
Alexey Mazikin
(Ucraina UKR)
V 23-11
Aleksandr Povetkin
(Russia RUS)
P 19-31
non qualificato Bronze medal icon.svg [9]
MedGamesLogo.gif
Giochi del Mediterraneo
Almeria 2005 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Bye Mourad Chebbi
(Tunisia TUN)
V AB 2
Milan Vasiljevic
(Serbia e Montenegro SCG)
V AB 1
Mohamed Samoudi
(Francia FRA)
V RSCO 2
Gold medal icon.svg [10]
Flag of Europe.svg
Campionati EU
Cagliari 2005 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Bye Claus Bertino
(Danimarca DNK)
V RSCO 3
Kurban Gunebakan
(Turchia TUR)
V wo
Kubrat Pulev
(Bulgaria BGR)
V 24-18
Gold medal icon.svg [11]
Gnome-emblem-web.svg
Mondiali
Mianyang 2005 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Ivica Bacurin
(Croazia HRV)
V KO
Alexander Apanasenok
(Bielorussia BLR)
V KO
Michael Wilson
(Stati Uniti USA)
V KO 1
Roman Romanchuk
(Russia RUS)
V 27-34
non qualificato Bronze medal icon.svg [12]
Flag of Europe.svg
Campionati EU
Pécs 2006 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Bye Krzysztof Zimnoch
(Polonia POL)
V RSCO 3
Roy Ignacia
(Paesi Bassi NLD)
V AB 1
Gold medal icon.svg [13]
Wikiproject Europe (small).svg
Europei
Plovdiv 2006 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Bye Modo Sallah
(Svezia SWE)
V DSQ 3
Islam Timurziev
(Russia RUS)
P 21-36
non qualificato [14]
Flag of Europe.svg
Campionati EU
Dublino 2007 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Bye Georgios Hotz
(Grecia GRC)
V RSCO 2
Csaba Kurtucz
(Ungheria HUN)
V wo
Cathal McMonagle
(Irlanda IRL)
V 20-8
Gold medal icon.svg [15]
Gnome-emblem-web.svg
Mondiali
Chicago 2007 Supermassimi
(+91 kg)
Nelson Hysa
(Albania ALB)
V 20-2
José Payares
(Venezuela VEN)
V 27-4
Kubrat Pulev
(Bulgaria BGR)
V 12-5
David Price
(Inghilterra ENG)
V wo
Islam Timurziev
(Russia RUS)
V wo
Vyacheslav Glazkov
(Ucraina UKR)
V 24-14
Gold medal icon.svg [16]
Olympic rings with transparent rims.svg
Olimpiadi
Pechino 2008 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Marko Tomasovic
(Croazia HRV)
V 13-1
Óscar Rivas
(Colombia COL)
V 9-5
David Price
(Regno Unito GBR)
V KO
Zhang Zhilei
(Cina CHN)
V KO 4
Gold medal icon.svg [17]
MedGamesLogo.gif
Giochi del Mediterraneo
Pescara 2009 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Bye Zied Jouini
(Francia FRA)
V RSCH 1
Alen Beganovic
(Montenegro MNE)
V AB 2
Marko Tomasovic
(Croazia HRV)
V wo
Gold medal icon.svg [18]
Gnome-emblem-web.svg
Mondiali
Milano 2009 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Michael Hunter
(Stati Uniti USA)
V 8-1
Rok Urbanc
(Slovenia SVN)
V 14-0
Kubrat Pulev
(Bulgaria BGR)
V 12-6
Viktar Zuyeu
(Bielorussia BLR)
V AB
Roman Kapitonenko
(Ucraina UKR)
V 10-5
Gold medal icon.svg [19]
Wikiproject Europe (small).svg
Europei
Mosca 2010 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Marcin Rekowski
(Polonia POL)
V 12-2
Sergey Kuzmin
(Russia RUS)
P 3-6
non qualificato [20]
Wikiproject Europe (small).svg
Europei
Ankara 2011 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Viktor Zuyev
(Bielorussia BLR)
V RSCH 2
Tony Yoka
(Francia FRA)
V 22-9
Istvan Bernath
(Ungheria HUN)
V 18-6
Mihai Nistor
(Romania ROU)
V AB 2
Magomed Omarov
(Russia RUS)
P 14-20
Silver medal icon.svg [21]
Gnome-emblem-web.svg
Mondiali
Baku 2011 Supermassimi
(+91 kg)
Bye José Payares
(Venezuela VEN)
V 17-8
Cornelius Sheehan
(Irlanda IRL)
V RET
Anthony Joshua
(Inghilterra ENG)
P 15-13
non qualificato [22]
Olympic rings with transparent rims.svg
Olimpiadi
Londra 2012 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Ytalo Perea
(Ecuador ECU)
V 18-10
Mohammed Arjaoui
(Marocco MAR)
V 12-11
Magomed Medžidov
(Azerbaigian AZE)
V 13-12
Anthony Joshua
(Regno Unito GBR)
P 18-+18
Silver medal icon.svg [23]
Gnome-emblem-web.svg
Mondiali
Almaty 2013 Supermassimi
(+91 kg)
N.D. Tony Yoka
(Francia FRA)
V 3-0
Sallah Muhamed
(Svezia SWE)
V 3-0
Filip Hrgovic
(Croazia CRO)
V 3-0
Magomedrasul Medžidov
(Azerbaigian AZE)
P 0-3
non qualificato Bronze medal icon.svg [24]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[25]
Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 1º settembre 2008. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[26]
Collare d'oro al Merito Sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro al Merito Sportivo

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Polizia di Stato: Roberto Cammarelle, poliziadistato.it. URL consultato l'11 agosto 2012.
  2. ^ Roberto Cammarelle a Rionero in Vulture, comune.rioneroinvulture.pz.it. URL consultato il 27 ottobre 2011.
  3. ^ Cammarelle Day - 20/21 ottobre 2008, prolocofiliano.it. URL consultato il 27 ottobre 2011.
  4. ^ Cammarelle Pugilato Londra 2012, olimpiadi.corriere.it. URL consultato il 12 luglio 2012.
  5. ^ Furto a Cammarelle oro al padrone di casa, Londra 2012, www.befan.it. URL consultato il 12 luglio 2012.
  6. ^ (EN) European Championships 2002, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  7. ^ (EN) European Championships 2004, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  8. ^ (EN) 2.European Union Championships, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  9. ^ (EN) Olympic Games 2004, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  10. ^ (EN) 15. Mediterranean Games, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  11. ^ (EN) 3.European Union Championships, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  12. ^ (EN) World championships 2005, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  13. ^ (EN) 4.European Union Championships, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  14. ^ (EN) European Championships 2006, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  15. ^ (EN) 5.European Union Championships, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  16. ^ (EN) World championships 2007, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  17. ^ (EN) Beijing 2008. Boxing. Super Heavy (+91kg), AIBA, 24 agosto 2008. URL consultato il 4 settembre 2012.
  18. ^ (EN) Pescara 2009. Boxing. Super Heavy (+91kg), Pescara 2009, 2 luglio 2009. URL consultato il 4 settembre 2012.
  19. ^ (EN) AIBA World Boxing Championships Milan 2009. Medallist by weight cathegory., AIBA, 12 settembre 2009. URL consultato il 4 settembre 2012.
  20. ^ (EN) European Championships 2010, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  21. ^ (EN) European Championships 2011, strefa.pl. URL consultato il 4 settembre 2012.
  22. ^ (EN) AIBA World Boxing Championships Baku 2011. Men's Super Heavy +91kg. Draw sheet., AIBA, 8 ottobre 2011. URL consultato il 4 settembre 2012.
  23. ^ (EN) London 2012. Men's Super Heavy (+91kg), london2012.com. URL consultato il 4 settembre 2012.
  24. ^ (EN) AIBA World Boxing Championships Almaty 2013. Men's Super Heavy +91kg. Draw sheet., AIBA, 26 ottobre 2013. URL consultato il 25 novembre 2013.
  25. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Roberto Cammarelle. URL consultato il 4 aprile 2011.
  26. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Roberto Cammarelle. URL consultato il 4 aprile 2011.
  27. ^ http://www.lucanineuropa.eu/pescopagano-cerimonia-di-apertura-giochi-olimpici-ofantiadi-alla-presenza-di-roberto-cammarelle-campione-olimpionico-originario-di-rionero-in-vulture.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]